Febbraio 4, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

‘Questo è molto simile a Hong Kong’: la solidarietà del territorio con la rivolta cinese | Cina

Tuttavia, Jack*, che è di Hong Kong, aveva una visione negativa dei cinesi continentali Proteste contro le restrizioni contro il virus covid che è esploso in tutta la Cina alla fine della scorsa settimana ha cambiato la sua visione.

“Prima, pensavo che fossero per lo più persone arroganti e nazionalisti che si preoccupavano solo di preservare ‘Una Cina’”. [Communist] partito, che vantava superiorità Cinaha dichiarato l’esperto informatico 35enne, che non ha voluto che venisse rivelato il suo vero nome per paura di ripercussioni da parte di Pechino.

“Ma in queste proteste è chiaro che non erano solo scontenti delle politiche Covid, ma dell’intero sistema e sistema politico”, ha detto. “Quando ho visto innumerevoli ‘tankmen’ che coraggiosamente si sono fermati davanti alle auto della polizia e hanno chiesto democrazia e libertà, mi ha davvero colpito”.

Jack, che ha partecipato a Proteste antigovernative del 2019 A Hong Kong e da allora si sono trasferiti nel Regno Unito, ha aggiunto: “Ora vedo che abbiamo un linguaggio comune con loro. Il loro coraggio si è guadagnato il mio rispetto e sento che c’è speranza”.

Dopo che è scoppiato un incendio mortale nella regione dell’estremo ovest del paese, lo Xinjiang, ampiamente accusato dei blocchi, i sentimenti sono alti per le persone che sono state sottoposte a rigide restrizioni Covid per quasi tre anni. Ma prima delle proteste iniziate venerdì e diffuse a macchia d’olio durante il fine settimana, pochi cittadini cinesi – che hanno vissuto sotto il Partito Comunista per sette decenni e hanno assistito alla brutale repressione delle manifestazioni pro-democrazia di Tiananmen del 1989 – si aspettavano che le strade tornassero.

READ  L'avventuriero e il suo fedele cane completano un viaggio di sette anni intorno al mondo

Molti abitanti di Hong Kong affermano che le proteste hanno dato loro un senso di déjà vu: gli slogan ascoltati per le strade di Shanghai, Pechino e altre città hanno ripetuto richieste politiche in Hong Kong Durante l’ondata di proteste antigovernative del 2019-2020. I manifestanti cinesi si sono spinti fino a chiedere la fine dei blocchi. Gli studenti universitari chiedevano democrazia e stato di diritto, e la gente nelle strade scandiva slogan che chiedevano la caduta del Partito Comunista e del suo leader, Xi Jinping. Molti portavano fogli bianchi bianchi di carta A4, utilizzati per la prima volta nelle proteste di Hong Kong nel 2020 per evitare slogan vietati dalla legge sulla sicurezza nazionale della città, imposta dopo massicce e talvolta violente proteste dell’anno prima.

Jack ha affermato di poter simpatizzare con i cinesi, perché ha anche sentito il peso di un governo sempre più totalitario che ha rimosso molte libertà civili ai sensi della legge sulla sicurezza nazionale e delle restrizioni Covid nel territorio, che hanno seguito le politiche cinesi di “Covid zero dynamic”.

Le proteste a Hong Kong, che un tempo si vantava di forti libertà civili, sono in gran parte scomparse sotto la nuova legge e dozzine sono state arrestate. Ma l’ondata di proteste cinesi ha portato diversi manifestanti a rischiare di infrangere leggi e regolamenti Covid per esprimere la loro solidarietà.

Decine di persone si sono riunite lunedì nel prestigioso quartiere centrale degli affari. Questa volta, i manifestanti facevano eco alle loro controparti cinesi nel portare libri bianchi. Alcuni portavano fiori e candele mentre la polizia registrava le loro identità. Altri 100 hanno marciato verso l’Università cinese di Hong Kong, tenendo in mano lenzuola bianche mentre cantavano slogan in cinese mandarino da uno striscione tenuto da un manifestante solitario al Sittung Bridge di Pechino in ottobre: ​​”Vogliamo riforme, non una rivoluzione culturale. Vogliamo essere cittadini , non schiavi.” All’università segregata di Hong Kong, anche molti studenti della terraferma hanno tenuto una protesta silenziosa e l’università ha contattato la polizia, che ha cancellato i dettagli dei manifestanti.

READ  Colbert a Cuomo: "Non farti sbattere da quella porta mentre esci" | Tour televisivo a tarda notte

Sebbene molti abitanti di Hong Kong simpatizzino per i manifestanti della Cina continentale, sono pessimisti sull’esito della repressione che ha accolto le loro manifestazioni, che ha visto manifestanti e politici pro-democrazia arrestati e media indipendenti e ONG chiusi. Si aspettano che le proteste sulla terraferma portino ad arresti di massa.

“È molto simile a Hong Kong nel 2019”, ha detto l’operaio edile Freeman Yim. “Il sistema è molto potente: hanno tutto dalla loro parte: tecnologia, denaro, esercito, legge e potere.

“La gente lancia uova contro il muro. Mi sento molto triste. Ho paura che molte persone innocenti e le loro famiglie soffriranno. “A Hong Kong, dopo tre anni, nessuno osa parlarne [democratic values] più. Te ne vai se puoi, e se non puoi, sei pieno”.