Dicembre 4, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Questioni climatiche al centro del festival della scienza alla Beaumont High School

Ascolta questo articolo

immagine_pdfstampa_foto

Festival_Scienza_Lycée_Baumont (1)

Ogni anno, la Georges-Baumont High School fa eco alla Fête de la Science, un evento annuale implementato dal Ministero dell’Istruzione superiore, dell’innovazione e della ricerca su scala nazionale.

Nella 31a edizione della Fête de la Science, la Deodatien High School organizza questa settimana due importanti eventi. Martedì e giovedì, rispettivamente. Oggi, in questo quadro, circa 450 studenti delle Facoltà di Fortrend-Lode, Sehit, Curcio, Fries, Raun Latip e Sinonese hanno partecipato a 18 workshop mattutini e serali, in 3 workshop di 45 minuti ciascuno. Dylan Blaise, vicedirettore della Fondazione, è stato responsabile del coordinamento di questa giornata sotto il segno della bandiera.

Elettromagneti, anidride solforosa, acidificazione di mari e oceani, energie rinnovabili, cambiamento climatico, onde e microonde, meccanismi di riscaldamento globale, intelligenza artificiale, gestione dell’acqua, energie complici del riscaldamento globale o il tema della sostenibilità dell’energia solare sono tra i temi trattati attraverso il workshop che, come mostrano i loro titoli, erano molto incentrati sulle questioni climatiche. Ad esempio, una “macchina narrativa” recitava ad ogni studente una delle 13 diverse storie scritte in precedenza, che hanno tutte la caratteristica comune di presentare le fonti di energia: pioggia, neve, vento, sole, umidità, nucleare, ecc.

“Fête de la Science è un evento al Lycée Georges-Baumont. È un modo per mostrare agli studenti universitari che venire a seguire un corso presso il nostro istituto ha senso, perché può essere collegato a carriere legate al futuro del Paese o ai cambiamenti nei nostri stili di vita. Perché per dare un significato, devi dare ai giovani elementi che risuonano con ciò che vedono e sentono nei media e nei social network. A questo proposito, per la ripresa, dopo essere stata posticipata a causa dell’emergenza sanitaria, è un duro colpo perché abbiamo più studenti presenti di prima, ha detto a tal proposito il preside Eric Puget.

READ  CHRU Southern Social Health Union a Brest contro tessera sanitaria - Brest

Il Festival della Scienza alla George Beaumont High School continua giovedì con due conferenze aperte a tutti sull’Espace Georges Sadoul: “Drones in Reforestation Service” di Robin Dubonoa dalle 10:00 alle 11:30 e dalle 14:00 alle 15:00. : 30 p.m. “Esoscheletri, questi robot che ci vogliono bene” Pauline Morris, Professore di ricerca presso Luria, Comandante Lionel Robert di SDIS54.

Non una parola

Festival_Scienza_Lycée_Baumont (1)

Ogni anno, la Georges-Baumont High School fa eco alla Fête de la Science, un evento annuale implementato dal Ministero dell’Istruzione superiore, dell’innovazione e della ricerca su scala nazionale.

Nella 31a edizione della Fête de la Science, la Deodatien High School organizza questa settimana due importanti eventi. Martedì e giovedì, rispettivamente. Oggi, in questo quadro, circa 450 studenti delle Facoltà di Fortrend-Lode, Sehit, Curcio, Fries, Raun Latip e Sinonese hanno partecipato a 18 workshop mattutini e serali, in 3 workshop di 45 minuti ciascuno. Dylan Blaise, vicedirettore della Fondazione, è stato responsabile del coordinamento di questa giornata sotto il segno della bandiera. Elettromagneti, anidride solforosa, acidificazione di mari e oceani, energie rinnovabili, cambiamento climatico, onde e microonde, meccanismi di riscaldamento globale, intelligenza artificiale, gestione dell’acqua, energie complici del riscaldamento globale o il tema della sostenibilità dell’energia solare sono tra i temi trattati attraverso il workshop che, come mostrano i loro titoli, erano molto incentrati sulle questioni climatiche. Ad esempio, una “macchina narrativa” ha recitato a ciascuno studente una delle 13 diverse storie scritte in precedenza, che hanno tutte la caratteristica comune di presentare le fonti di energia: pioggia, neve, vento, sole, umidità, nucleare, ecc. “Fête de la Science è un evento al Lycée Georges-Baumont. È un modo per mostrare agli studenti universitari che venire a seguire un corso presso il nostro istituto ha senso, perché può essere collegato a carriere legate al futuro del Paese o ai cambiamenti nei nostri stili di vita. Perché per dare un significato, devi dare ai giovani elementi che risuonano con ciò che vedono e sentono nei media e nei social network. A tal proposito, per la ripresa, dopo essere stata posticipata a causa dell’emergenza sanitaria, è un duro colpo perché abbiamo più studenti presenti di prima, ha detto a tal proposito il preside Eric Puget. Il Festival della Scienza alla George Beaumont High School continua giovedì con due conferenze aperte a tutti sull’Espace Georges Sadoul: “Drones in Reforestation Service” di Robin Dubonoa dalle 10:00 alle 11:30 e dalle 14:00 alle 15:00. : 30 p.m. “Esoscheletri, questi robot ci augurano ogni bene” Pauline Morris, Luria Research Professor, testimonial del comandante Lionel Robert di SDIS54. Non una parola

READ  Migliorare il sistema sanitario