Maggio 23, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Questi paesi tropicali stanno anche gareggiando alle Olimpiadi invernali del 2022

GREENVILLE, NC (Stacker.com) — Le Olimpiadi Invernali 2022 si svolgeranno il 20 febbraio 4-20 a Pechino, dove dovrebbero gareggiare più di 80 nazioni tropicali. Per gli atleti partecipanti, solo la qualificazione è un’impresa enorme nessun atleta di un paese tropicale ha mai vinto una medaglia ai Giochi Invernali.

L’iconica squadra di bob della Giamaica, raffigurata nel film Disney “Cool Runnings”, può venire in mente quando pensi agli atleti dei paesi con clima caldo che sfidano le probabilità di competere in uno sport invernale. Poi c’è la storia dello sciatore alpino Shannon-Ogbani Abeda, nato in Canada dopo che i suoi genitori sono fuggiti dalla guerra nel loro paese d’origine, l’Eritrea. Abeda rappresenterà l’Eritrea ai Giochi Invernali.

Per molti di questi atleti, è più che adattarsi a un ambiente gelido indossando strati extra di abbigliamento. Ci sono altri fattori, soprattutto per chi è appena agli inizi, come l’acquisto di attrezzature, che spesso è costoso; trovare posti per allenarsi, il che richiede di lasciare i paesi tropicali per i luoghi più freddi per gli atleti di sport all’aria aperta; e, naturalmente, attrarre finanziamenti dagli sponsor. Diversi atleti, come Kellie Delka, si sono rivolti a familiari e amici per chiedere aiuto per realizzare finanziariamente il loro sogno olimpico.

UN sistema di qualificazione per gli atleti è in atto per le Olimpiadi invernali del 2022 a Pechino. Inoltre, Pechino farà rispettare Test COVID-19 misure per i partecipanti ai Giochi Invernali che richiedono almeno due test pre-partenza negativi, test all’arrivo in aeroporto e test PCR giornalieri.

che impila identificato 18 paesi tropicali in programma per competere alle Olimpiadi invernali del 2022 a Pechino. I paesi tropicali si trovano tra il Tropico del Cancro e il Tropico del Capricorno. I paesi con confini che si sovrappongono alle regioni tropicali e non tropicali sono considerati parzialmente tropicali. Porto Rico, sebbene non sia un paese indipendente, è incluso nell’elenco perché ha un comitato olimpico separato dagli Stati Uniti.

Potrebbe piacerti anche: Momenti sportivi iconici che hanno definito gli anni ’80

[Pictured: Flag bearer Simon Breitfuss Kammerlander of Bolivia leads out his country during the Opening Ceremony of the PyeongChang 2018 Winter Olympic Games.]

1 / 17Quinn Rooney // Getty Images

Bolivia

Completamente tropicale

ad oggi, La Bolivia è l’unico paese sudamericano i cui atleti non hanno mai vinto una medaglia olimpica. Durante i prossimi Giochi Invernali di Pechino, la Bolivia sarà rappresentata dall’austriaco Simon Breitfuss Kammerlander, destinato a gareggiare negli eventi di sci alpino. Timo Juhani Gronlund dalla Finlandia rappresenterà la Bolivia nella categoria sci di fondo.

[Pictured: Brazil’s Edson Bindilatti leads his team in the four-man bobsleigh heat 3 run during the Pyeongchang 2018 Winter Olympic Games.]

2 / 17MARK RALSTON/AFP tramite Getty Images

Brasile

Parzialmente tropicale

Il Brasile fece il suo debutto olimpico nel 1920 durante i Giochi estivi di Anversa, in Belgio. Gli atleti hanno vinto medaglie d’oro, d’argento e di bronzo, tutte in sport di tiro. Quest’anno, gli atleti brasiliani gareggeranno in cinque sport: sci di fondo, sci alpino, freestyle, skeleton e bob. Jaqueline Mourão, ciclista e fondista di 46 anni, parteciperà ai Giochi Olimpici per la sua ottava volta e ha fatto la storia come la prima donna brasiliana a competere sia alle Olimpiadi invernali che a quelle estive. Bruna Moura e Manex Silva si uniranno a Mourão nell’impianto di sci di fondo. La squadra di bob ha il maggior numero di rappresentanti brasiliani con Edson Bindillati, Edson Martins, Erick Vianna, Rafael Souza e Jefferson Sabino.

READ  Streaming in diretta Inghilterra vs Italia: partita di rugby del Sei Nazioni e aggiornamenti da Roma oggi
[Pictured: Pedro Causil of Colombia competes during the Men’s 1,000 m at the PyeongChang 2018 Winter Olympic Games.]

3/17Richard Heathcote // Getty Images

Colombia

Completamente tropicale

La Colombia avrà una rappresentanza nelle discipline dello sci alpino, dello sci di fondo e del pattinaggio di velocità. Michael Poettoz gareggerà alle Olimpiadi per la terza volta ed è il primo uomo a rappresentare la Colombia nello sci alpino. Carlos Quintana gareggerà nello sci di fondo e Laura Gomez, una pattinatrice di velocità, parteciperà alla sua seconda Olimpiade invernale.

[Pictured: Ecuador’s Klaus Jungbluth Rodriguez crosses the finish line during the men’s 15 km cross-country freestyle during the Pyeongchang 2018 Winter Olympic Games.]

4 / 17FRANCK FIFE/AFP tramite Getty Images

Ecuador

Completamente tropicale

L’Ecuador ha fatto il suo debutto alle Olimpiadi invernali nel 2018 nello sci di fondo. Quest’anno ai Giochi invernali di Pechino, Sarah Escobar sarà la prima donna a rappresentare il Paese mentre gareggia nello sci alpino. La prima medaglia olimpica vinta da un ecuadoriano è stata quella di un corridore ai Giochi estivi del 1996 ad Atlanta.

[Pictured: Flag bearer Shannon-Ogbani Abeda of Eritrea and teammates arrive at the stadium during the Opening Ceremony of the PyeongChang 2018 Winter Olympic Games.]

5/17Matthias Hangst // Getty Images

Eritrea

Completamente tropicale

Nel 2018, l’Eritrea ha partecipato per la prima volta alle Olimpiadi invernali a Pyeongchang, in Corea del Sud. L’Eritrea ha fatto il suo debutto olimpico nel 2000 ai Giochi estivi di Sydney, in Australia. Shannon-Ogbnai Abeda, uno sciatore alpino che vive in Canada, rappresenterà il Paese ai Giochi invernali di quest’anno.

Potrebbe piacerti anche: 25 atleti usciti dalla pensione

[Pictured: Akwasi Frimpong of Ghana trains during the Mens Skeleton training session on day four of the PyeongChang 2018 Winter Olympic Games.]

6 / 17 Matthias Hangst // Getty Images

Ghana

Completamente tropicale

L’atleta dello Utah Akwasi Frimpong ha fatto la storia nel 2018 quando è diventato il primo atleta scheletro del Ghana a competere alle Olimpiadi. Frimpong vive nello Utah ma si allena in Russia da diverse settimane. Ha affrontato un infortunio al tendine d’Achille, ma non lascerà che ciò gli impedisca di spingere per il suo sogno.

[Pictured: Haiti’s Richardson Viano competes in the Men’s Slalom at the FIS Alpine World Ski Championships in Cortina d’Ampezzo, Italian Alps.]

7 / 17FABRICE COFFRINI/AFP via Getty Images

Haiti

Completamente tropicale

Haiti farà il suo debutto alle Olimpiadi invernali ai Giochi del 2022, una grande impresa per la piccola isola caraibica afflitta dall’intensa povertà e dai recenti disastri naturali. Haiti sarà rappresentata dallo sciatore alpino Richardson Viano, 19 anni. Viano sarà affiancato dal compagno di squadra Mackenson Florindo, che fungerà da riserva in caso di infortunio o impedimento di Viano. Haiti apparve per la prima volta alle Olimpiadi nel 1900 ai Giochi estivi di Parigi.

[Pictured: India’s skier Mohammad Arif Khan at a training session in the Kuhtai racing camp, near Innsbruck, Austria, on Jan. 7, 2022.]

8 / 17KERSTIN JOENSSON/AFP tramite Getty Images

India

Parzialmente tropicale

Lo sciatore alpino Mohammad Arif Khan porterà la bandiera del suo paese come unico atleta indiano. Il 31enne lo è Il primo atleta indiano a qualificarsi per due diversi eventi olimpici—lo slalom e lo slalom gigante—alle Olimpiadi invernali di Pechino. Khan si sta attualmente allenando in Austria.

READ  Sotto lo stesso tetto | Notizie, sport, lavoro
[Pictured: Jazmine Fenlator-Victorian and Carrie Russell of Jamaica compete in the Women’s Bobsleigh at the PyeongChang 2018 Winter Olympic Games.]

9/17Clive Mason // Getty Images

Giamaica

Completamente tropicale

La Giamaica, nota per aver prodotto i velocisti più veloci del mondo, sta facendo di nuovo la storia. Per la prima volta in assoluto, gli atleti della terra di Bob Marley e Usain Bolt si sfideranno in tre eventi di bob alle Olimpiadi invernali di quest’anno. La squadra di bob dell’isola caraibica ha debuttato alle Olimpiadi invernali del 1988 ad Alberta, Calgary, e la loro storia perdente ha ispirato il film del 1993, “Cool Runnings”. Benjamin Alexander, DJ internazionale di origine britannica, è diventato un atleta e sta anche lasciando il segno nella storia della nazione caraibica Il primo sciatore alpino della Giamaica. Alexander, che è di stirpe giamaicana, sarà l’unico sciatore alpino a rappresentare l’isola ai Giochi del 2022.

[Pictured: Flag bearer Mialitiana Clerc of Madagascar leads her country out during the Opening Ceremony of the PyeongChang 2018 Winter Olympic Games.]

10 / 17Quinn Rooney // Getty Images

Madagascar

Parzialmente tropicale

Il popolo del Madagascar, il secondo paese insulare più grande del mondo, spera di fare la storia ai Giochi invernali del 2022. Dopo diversi anni di partecipazione alle Olimpiadi, il Madagascar non ha mai vinto una medaglia. La sciatrice alpina Mialitiana Clerc è diventata la prima donna di competere per il Madagascar, il suo paese di nascita, alle Olimpiadi invernali del 2018 e prevede di rappresentarlo di nuovo ai prossimi Giochi.

[Pictured: Jeffrey Webb of Malaysia in action in Alpine Skiing, Giant Slalom, at the Pyeongchang 2018 Winter Olympic Games.]

11 / 17Michael Kappeler/picture alliance tramite Getty Images

Malaysia

Completamente tropicale

La Malesia, ampiamente conosciuta per le sue spiagge costiere, sembrerebbe un improbabile contendente in qualsiasi sport invernale, ma il paese del sud-est asiatico è proprio questo. Gli atleti malesi sono apparsi per la prima volta alle Olimpiadi invernali ai Giochi del 2018 e cercheranno di nuovo di vincere una medaglia ai Giochi di quest’anno. Tra coloro che torneranno ci saranno Jeffrey Webb, che rappresenterà ancora una volta il Paese nello sci alpino, e l’adolescente Aruwin Salehhuddin, che sarà la prima donna malese a sciare ai Giochi della Malesia. Salehhuddin si è allenato in Croazia.

[Pictured: Donovan Carrillo of Mexico performs at the ISU World Figure Skating Championships on March 28, 2021 in Stockholm, Sweden.]

12 / 17 Linnea Rheborg // Getty Images

Messico

Parzialmente tropicale

Sebbene gli atleti messicani abbiano partecipato a diverse Olimpiadi invernali, nessuno ha vinto alcuna medaglia. Sarah Schleper, una sciatrice alpina che è un ex membro della squadra di sci degli Stati Uniti, rappresenterà il Messico alle Olimpiadi invernali del 2022. Schleper, madre di due figli, ha sposato un cittadino messicano nel 2009 e ha gareggiato per il Messico da quando ha ottenuto la doppia cittadinanza nel 2014. Donovan Carrillo, nato a Zapopan, in Messico, sarà il primo pattinatore artistico messicano a competere per il suo paese in un inverno Olimpiadi dal 1992. Carillo si è allenato in una pista di pattinaggio sottodimensionata all’interno di un centro commerciale a León, in Messico.

READ  L'italiano Alberto Petiol vince la diciottesima tappa ed Egan Bernal mantiene la prima tappa di Sports News, First Post.
[Pictured: Flag bearer Ngozi Onwumere of Nigeria and teammates enter the stadium during the Opening Ceremony of the PyeongChang 2018 Winter Olympic Games.]

13 / 17 Matthias Hangst // Getty Images

Nigeria

Completamente tropicale

Samuel Ikpefan, uno sciatore di fondo francese, rappresenterà la Nigeria alle Olimpiadi invernali di quest’anno. Ikpefan è il primo atleta maschio rappresentare la Nigeria ai Giochi invernali sulla scia di una serie di traguardi storici, tra cui essere il primo nigeriano a competere ai Campionati mondiali di sci nordico FIS 2021 in Germania e alla Coppa del mondo 2021 in Svezia. Suo padre è nato in Nigeria.

[Pictured: Peru’s Roberto Carcelen holds up his national flag as he reaches the finish line in the Men’s Cross-Country Skiing 15 km Classic at the Sochi Winter Olympics on Feb. 14, 2014.]

14 / 17KIRILL KUDRYAVTSEV/AFP tramite Getty Images

Perù

Completamente tropicale

Gli atleti peruviani sono apparsi per la prima volta alle Olimpiadi invernali nel 2010 e nel 2014 e saranno ai Giochi anche quest’anno. Ornella Oettl Reyes, nata in Germania, rappresenterà il Perù, paese natale di sua madre, nello sci alpino. A febbraio il quotidiano temperatura media alta a Lima, Perù, (dove è estate) è di 80 gradi, quindi i suoi fan peruviani staranno letteralmente sudando per le sue esibizioni.

[Pictured: Philippines’ Asa Miller competes in the Men’s Giant Slalom  during the Pyeongchang 2018 Winter Olympic Games in Pyeongchang on Feb. 18, 2018.]

15 / 17DDIMITAR DILKOFF/AFP tramite Getty Images

Filippine

Completamente tropicale

Le Filippine sono famose per la loro abbondanza di spiagge e frutti esotici, ben lontani da qualsiasi cosa per gli inverni nei climi settentrionali. Ma gli appassionati di sport nel paese del sud-est asiatico sperano che Asa Miller, l’unico rappresentante della nazione a Pechino, lasci il segno. Miller gareggerà nel slalom gigante e slalom gigante eventi.

[Pictured: Charles Flaherty of Puerto Rico in action in Alpine Skiing, Giant Slalom, at the Pyeongchang 2018 Winter Olympic Games.]

16 / 17Al Bello // Getty Images

Portorico

Completamente tropicale

Gli atleti portoricani sono apparsi per la prima volta alle Olimpiadi invernali nel 1984 e manderanno due atleti ai Giochi del 2022 a Pechino. Kellie Delka, a atleta scheletro originario del Texas, rappresenterà Porto Rico, dove ha vissuto per diversi anni. Così sarà William Flaherty, che ha appena 17 anni, negli eventi di slalom e gigante. Delka e Flaherty saranno co-bandiera nella cerimonia di apertura.

[Pictured: Flag bearer Mark Chanloung of Thailand and teammates enter the stadium during the Opening Ceremony of the PyeongChang 2018 Winter Olympic Games.]RIPUBBLICATE QUESTA STORIA

17 / 17 Matthias Hangst // Getty Images

Tailandia

Completamente tropicale

Quattro atleti thailandesi si sono qualificati per competere alle Olimpiadi invernali di Pechino a febbraio. I fratelli Karen e Mark Chanloung, doppia cittadinanza italiana e thailandese, in precedenza ha rappresentato la nazionale italiana. Si sfideranno nello sci di fondo. Nicola Zanon e Mida Jaiman rappresenteranno la Thailandia nello sci alpino. La Thailandia ha partecipato per la prima volta ai Giochi Invernali nel 2002.