Non è più un segreto che le piante possono essere ottime per la tua salute. Alcuni medici non esitano a consigliarli durante il trattamento o nella vita quotidiana per migliorare la loro salute. Questo è particolarmente il caso del timo, per esempio. Consigliato in inverno, è un potente potenziatore immunitario. Agisce sulle vie respiratorie, ma agisce anche sulla fatica ed è un vero alleato contro i germi.

La stessa storia per l’albero del tè, spesso venduto come olio essenziale. È un potente antimicotico, antivirale o antibatterico che aiuta anche a proteggere dai batteri, soprattutto con l’avvicinarsi dell’inverno.

Ma attenzione, non tutte le piante sono buone da prendere. In effetti, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, alcuni possono essere anche molto pericolosi per la nostra salute mortale. Ecco perché una pianta non dovrebbe essere consumata senza il serio parere di uno specialista che possa verificare o meno la correttezza del suo consumo. vegetariano.

Attenzione alle piante!

Come accennato ministero della SaluteAlcune piante possono essere pericolose se ingerite, ma anche a contatto. In tutto sono state identificate 58 specie che possono incidere sulla salute umana.

Quindi ci sono tre categorie:

  • Specie pericolose per l’indigestione come oleandro, tasso, erba jamison, belladonna, colchicum, giglio glorioso, ricino, digitale, aconito, brugmansia, legno gentile o ancora lì ostacolo.
  • Specie che contengono polline che può causare pericolosoAllergeni respiratori come nocciola, oliva, betulla bianca, orecchio di elefante, caladium, colocasia, pothos, carta di gelso, ontano bianco o carpino
  • Specie che producono reazioni cutanee come angelica e angelica wood, dictamis bianco, panace o persino cashmere.
READ  Il sangue di ratti "atletici" migliora le prestazioni nei ratti sedentari

È stato lanciato un sito web piante – pericoli Al fine di informare il più possibile le persone in modo che non si corrano rischi.

Ma se non lo sapessi e hai mangiato, inalato o toccato una di queste piante, Occorre adottare diverse reazioni:

  • Prima di tutto, niente panico
  • una chiamata 18 o 112
  • Se conosci il nome della pianta, contatta un centro antiveleni
  • Se la pianta è interessata, lava l’area con acqua
  • Evitare la luce solare diretta
  • bevi molta acqua

Fonti

https://solidarites-sante.gouv.fr/archives/archives-presse/archives-communiques-de-presse/article/informations-sur-les-vegetaux-a-risque-pour-notre-sante

Accueil

L’editore consiglia quanto segue: