Agosto 5, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Questa nuvola nera incombe sulla fertilità maschile

Potrebbe esserci un collegamento tra inquinamento e problemi di fertilità? Tuttavia, questo è dimostrato da diversi studi condotti negli ultimi anni.

Uno di questi è stato implementato da scienziati taiwanesi. Tra il 2001 e il 2014 hanno seguito 6.500 uomini di età compresa tra i 15 ei 49 anni. Questi ricercatori hanno scoperto che gli uomini che vivevano in un ambiente particolarmente inquinato avevano un rischio maggiore di produrre sperma anormale dell’1,29%. Per ogni 5 microgrammi per metro cubo di particelle inquinanti in più, sono stati prodotti un milione di gameti aggiuntivi

Studia per metterlo in prospettiva

Tuttavia, dobbiamo rimanere cauti sulle conclusioni di questo studio. Quest’ultimo, infatti, era basato su un campione di sperma per persona. Tuttavia, diversi elementi possono modificare la composizione dello sperma, la febbre o l’infezione, per esempio.

Inoltre, questo studio non ha tenuto conto di alcuni criteri: inquinamento interno e professionale.

Pertanto, gli effetti della scarsa qualità dell’aria sulla fertilità maschile non possono essere dimostrati.

E le donne?

Anche i ricercatori italiani erano interessati al rapporto tra inquinamento e fertilità nelle donne.

Dai dati raccolti su 1.318 donne in un periodo di 10 anni, hanno scoperto che la scarsa qualità dell’aria alterava l’antigene, un marker per valutare il numero di uova. L’esposizione ad alcune polveri sottili PM2,5 e al biossido di azoto ha un effetto negativo.

READ  Il cervello umano è apparso 1,7 milioni di anni fa oggi, secondo uno studio svizzero - rts.ch