Maggio 12, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Questa non è una crisi

Ho sentito, come chiunque abbia interesse per il mondo delle idee, una folla di pensatori che hanno interpretato gli psicologi nell’ultimo anno. Ad esempio, ho sentito il pensatore Boris Sirolnik spiegarci prima la differenza tra crisi e disastro. Saremmo nella seconda situazione, dove è impossibile tornare a quello che era prima, e poi l’ho sentito venderci il suo potere resiliente più e più volte, l’idea che dovremmo capire tutta questa sofferenza, ma diavolo tutto è semplice quando vuoi che sia.


Jeremy McEwenJeremy McEwen
Scrittore di saggi e editorialista

Con gli occhi spalancati, Pocar ha letto Diouf per indicare che la natura ci invierà intenzionalmente COVID-19 per punirci, per riportarci al nostro luogo di umiltà, per mettere al centro le preoccupazioni ambientali, in una forma o nell’altra. Dobbiamo meno il suo nome. La natura con intenzioni coerenti, chiariamolo, è un altro modo di chiamare Dio e non è accettabile nel discorso pubblico. Ci sono implicazioni metafisiche enormi e ingiustificate che non hanno posto nel Quebec moderno.

Ho sentito questo eroe della sinistra, Alan Dainault, incolpare il capitalismo, che sorpresa, e ricordo ancora di averlo sentito in un’intervista che ci ha detto senza trattenersi un anno fa che tutto questo non era niente e che molto peggio deve venire , le corna dei cavalieri dell’Apocalisse E niente di meno.

Ho sentito Francois Legault, più e più volte, cercare di ammassare le persone, imporre un coprifuoco, e un gruppo di commentatori concorda dicendo che questa misura ha inviato un “segnale forte” alla popolazione, sì, è pericoloso, se migliaia di morti non convincerti, allora capirai quando non puoi andare a comprare una pinta di latte alle 20:30

READ  Sei vegetariano? Ecco le raccomandazioni del Consiglio supremo della sanità

Il Primo Ministro spiega le cose in codici codificati invece di fare ciò che la scienza richiede, noi siamo lì.

Ho sentito tutti questi signori, queste antiche guide sagge del popolo, li ho guardati negli occhi dagli interlocutori, come se fossimo nell’anno 40, e ho nuotato con loro nell’acqua fresca dalle loro metafore accatastate, ho sentito tutti questi antichi saggi si dicono: No, questo non è possibile Non può essere che, la filosofia del 2021, un vecchio saggio ci consola in tempi difficili.

Questa non è una crisi, non è una catastrofe, non è un’opportunità di resilienza e significato, non è un messaggio dalla natura, non è una prova del fallimento del capitalismo, questa non è un’opportunità per confermare le teorie di Michel Foucault sul governo e sul suo controllo sull’organismo. Questo è un virus. Per contrastare ciò, dovresti indossare una maschera, lavarti le mani, allontanarti gli uni dagli altri e ventilare gli spazi interni che le persone frequentano in gruppo. L’ultimo punto.

Con il secondo anno di COVID-19 che inizia bene ora, la retorica su questo sforzo sta crollando. Hanno affermato, sostituendo il linguaggio della solidarietà con il linguaggio della razza sul fronte, che coloro che si obbligano saranno ricompensati. L’idea della coesione del popolo nel suo insieme è passata all’inizio del 2021 e ora stiamo gradualmente convincendo la nazione. Andiamo, ben fatto, Quebec, nella zona arancione, riposati adesso. Volto di ragazza.

Ma le metafore e la psicologia dei cinque centesimi non esistono più, basta guardare le vignette dei giornali e la loro rinnovata apparizione negli ultimi giorni per vederle.

READ  RTL Today - Professioni sanitarie: Laurea di primo livello offerto dall'Università del Lussemburgo

Adesso è il momento del realismo. Signor Primo Ministro, non sei uno psicologo, sei un uomo d’affari. Freedom 45, giusto? Ironia della sorte, sembri sempre più prigioniero del tuo lavoro, ultimamente, intrappolato tra il Dr.S Horacio Arruda e il ministro Christian Dube, hanno dovuto ribadire che sei responsabile delle tue decisioni e devi dire che mi spaventa.

Dobbiamo tornare alle origini, signor Legault, alla scienza e nient’altro. La ventilazione delle scuole e dei luoghi di lavoro è urgente. E visto che ci sei, stabilisci contratti collettivi per insegnanti e operatori sanitari. A loro non interessano nemmeno le tue angeliche metafore: vogliono migliori condizioni di lavoro e salari più alti, come tutti gli altri; Come quando vendevi aeroplani. Impossibile volare tra nuvole e simboli forti, impossibile sfuggire nel conforto di sagge parole. Agire.