Settembre 23, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Questa malattia devastante che nessuno conosce

In occasione della Giornata Mondiale della Sepsi, che cade lunedì 13 settembre, il laboratorio bioMérieux specializzato nello sviluppo della diagnostica in vitro e il British Sepsis Trust* hanno condotto un’indagine** in cinque paesi europei: Germania, Francia, Italia, Regno Unito e Svezia. Il ritrovamento rivela una conseguenza preoccupante, soprattutto per la Francia: sono ancora troppi gli adulti per ignorare la presenza di questa malattia.

Pertanto, “solo il 52% dei soggetti intervistati nello studio aveva sentito parlare di sepsi, che è il tasso di consapevolezza più basso rispetto ad altre malattie riportate durante lo studio”, osservano gli autori.

Ma «il livello di conoscenza varia molto da Paese a Paese: mentre è molto alto nel Regno Unito (82%) e in Germania (83%), è più basso in Svezia (55%) e molto più basso in Italia (33%). e Francia (7 %).”

conoscenza parziale

Anche tra coloro che hanno sentito parlare di sepsi, prevale l’ignoranza. “Dall’elenco suggerito di sintomi, solo il 56% di (questo gruppo) aveva almeno un sintomo”. E “solo i due terzi (66%) di queste persone consiglierebbero di chiamare il pronto soccorso o di recarsi direttamente lì, che è comunque la risposta appropriata”.

“Chiediamo a tutti i governi europei di rendere la consapevolezza della sepsi una priorità, che è molto importante nel contesto della pandemia di Covid-19”, sottolinea il dott. Ron Daniels Beam, fondatore di The UK Sepsis Trust.

I sintomi della sepsi

Secondo l’Istituto Pasteur, la sepsi è caratterizzata dalla “comparsa di almeno uno dei seguenti sintomi: febbre o ipotermia, respiro e battito cardiaco accelerati, aumento o diminuzione dei globuli bianchi”.

L’ONG Sepsis Alliance aggiunge “confusione” e “forte dolore e/o difficoltà di respirazione” a questa lista.

READ  Reazione del suo ex direttore e capo di Science-Po Lille

* Un ente di beneficenza di fama mondiale che mira a porre fine alle morti evitabili dovute alla sepsi

** Sondaggio online su un campione rappresentativo di 7.701 adulti di età pari o superiore a 18 anni in 5 paesi (tra il 1 giugno e il 22 giugno 2021)