Settembre 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Quebec Solidere vuole umanizzare l’assistenza sanitaria a Laval

Tre candidati Laval del Quebec Solidere tornano sul piano sanitario del loro partito spiegando come questo aiuterà a “restituire la sua dignità al sistema sanitario” nel distretto cittadino.

Le proposte di solidarietà, delineate in un comunicato stampa, consentiranno di servire meglio i residenti nei quartieri periferici e di aprire il pronto soccorso dell’unico ospedale di Laval, sottolineando che Cité-de-la-santé è il più urgente e popolare del Paese.

servizi locali

Per Josée Bélanger, un’infermiera di 18 anni che cercherà voti a Vimont, il passaggio alla sanità locale è essenziale.

Il miglioramento dei servizi in prima linea includerà il miglioramento dell’accesso all’assistenza sanitaria locale estendendo gli orari di accoglienza del CLSC, migliorando e modernizzando la linea Info-Santé 811 e smantellando l’assistenza sanitaria.

La signora Bellanger, che fa affidamento sul lavoro di team multidisciplinari, sostiene che “tutti i medici” dovrebbero essere esclusi.

“Un sistema sanitario pubblico più umano richiede un sistema più flessibile e indipendente che rispetti tutte le professioni che vi si sviluppano”, ha aggiunto il suo collega Zachary Robert, candidato a Chomedi.

cura della casa

Gestito dal Center for Long-Term Care (CHSLD), Zachary Robert ritiene importante portare “l’assistenza negli ambienti di vita” e finanziare “organizzazioni di supporto per i caregiver” al fine di fornire “la possibilità agli anziani di invecchiare e morire da soli le case.”

In Quebec, appena l’8,6% degli anziani che hanno perso l’indipendenza riceve servizi di assistenza domiciliare, mentre è probabile che i bisogni si aggirino intorno al 18%, sottolinea Karen Clichy, candidata di Solidarnosc a Saint-Rose. “Dobbiamo investire in modo significativo nell’assistenza domiciliare per consentire agli anziani di fare questa scelta”, afferma.

READ  "La Fracture": bollettino sanitario per la Francia contemporanea

A Laval, quasi una persona su cinque (18,7%) ha più di 65 anni e non manca di chiamare Quebec Solidere.

Condizioni di lavoro

Oltre all’accesso in prima linea e all’assistenza domiciliare, il partito di sinistra vuole che lo spettro politico fornisca “migliori condizioni di lavoro per gli infermieri, come una legge da muro a muro sulla discesa, l’abolizione del lavoro straordinario obbligatorio (TSO), una graduale cessazione del ricorso alle agenzie di collocamento private e [l’instauration de] Autogestione dei tavoli.