Maggio 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Quasi 7.000 scienziati russi parlano contro l’invasione dell’Ucraina

Pubblicato in: Modificato :

Parigi (AFP) – Quasi 7.000 scienziati, matematici e accademici russi hanno inviato giovedì una lettera aperta al presidente Vladimir Putin per protestare “con forza” contro la guerra in Ucraina.

“Noi, scienziati e giornalisti scientifici che lavorano in Russia, protestiamo con forza contro l’invasione militare dell’Ucraina lanciata dall’esercito russo”, hanno scritto una settimana fa in un messaggio pubblicato da trv-science.ru news.

Più di 6.900 firmatari di questa lettera rischiano multe o reclusione in base alla legislazione adottata alcuni anni fa che consente alle autorità russe di perseguire qualsiasi cittadino che critichi il governo.

E questa settimana, il parlamento russo ha iniziato a discutere un disegno di legge che inasprirebbe le sanzioni contro le critiche alla guerra in Ucraina.

“I valori umanistici sono le fondamenta su cui si basa la scienza. I molti anni trascorsi a promuovere la reputazione della Russia come centro leader della matematica sono stati rovinati dall’aggressione militare senza precedenti lanciata dal nostro Paese”, lamentano gli scienziati.

Hanno notato che il Congresso internazionale dei matematici, “la conferenza di matematica più prestigiosa del mondo” che avrebbe dovuto svolgersi in Russia a luglio, era stato in particolare cancellato, denunciando uno “stato canaglia”.

Secondo loro, l’obiettivo di diventare una grande nazione scientifica “non può essere raggiunto quando le vite dei nostri colleghi più stretti – scienziati in Ucraina – sono in pericolo a causa dell’esercito russo”.

Aggiungono: “Siamo convinti che nessun interesse geopolitico possa giustificare le morti e gli spargimenti di sangue. La guerra porterà solo alla completa perdita del Paese per cui stiamo lavorando”.

READ  A Berlino, vertice mondiale sulla salute per valutare l'epidemia