Febbraio 5, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Quarti di finale della Coppa del Mondo: è ancora tempo per Lionel Messi, Cristiano Ronaldo e Neymar perché le cose vere iniziano ora | notizie di calcio

La Spagna ha iniziato questo Mondiale con sette gol contro il Costa Rica. La gente faceva le fusa. Ora sono fuori. L’Inghilterra ha fatto abbastanza per impressionare, ma la Francia di Kylian Mbappe si mette in mezzo. La qualità del Brasile ha temperato le aspettative per entrambi.

Ma per i fan di qualunque squadra sia rimasta in questa Coppa del Mondo, la speranza rimane nonostante il trambusto destinato ad alcuni. Il Portogallo è arrivato alla festa nell’ultima partita prima dei quarti di finale, sottolineando perché dicono che il torneo inizia ora. La storia dimostra che hanno ragione.

In passato, i futuri vincitori hanno zoppicato durante la fase a gironi, molti dei quali si sono fatti vedere a malapena. C’è un famoso vincitore della Scarpa d’Oro che non ha visto nemmeno un minuto di azione fino ai quarti di finale. Roba da leggenda, succede dopo.

immagine:
Capitano dell’Argentina Diego Maradona con la Coppa del Mondo 1986

Nessuno ha conquistato la Coppa del Mondo come Diego Maradona nel 1986. La sua grintosa e brillante prestazione contro l’Uruguay negli ottavi di finale non è ricordata con affetto in Argentina, mentre il suo unico gol prima dei quarti di finale è arrivato nel pareggio con l’Italia.

Ma nelle prime fasi di Messico 1986, l’attenzione non era sulla squadra di Carlos Bilardo. È stato il Brasile a segnare nove gol senza risposta nelle prime quattro partite. Bilardo è stato criticato. “Diego stesso mi ha detto: ‘Siamo soli’. E guarda cosa è successo dopo”.

I due gol di Maradona contro l’Inghilterra gli hanno cambiato la vita. Ce ne sono stati altri due in quella che è stata probabilmente una migliore prestazione in semifinale contro il Belgio. L’assist alla rete vincente di Jorge Burruchaga nella finale contro la Germania Ovest ha completato la storia.

READ  Lotto ha aperto un punto vendita a Mansa, nel Punjab

Le percezioni possono cambiare verso la fine dei tornei. Zinedine Zidane è stato l’eroe con due gol nella finale della Coppa del Mondo 1998. Prima dei quarti di finale, Zidane ha iniziato meno partite di Bernard Diomede. Espulsione contro l’Arabia Saudita, due di loro sono state vietate.

“Non ho l’impressione di aver fallito in alcun modo in questo Mondiale”, ha detto Zidane dopo la semifinale. Il fatto che abbia sentito il bisogno di dirlo è un fatto rivelatore. “È vero che non ho segnato, ma mi resta una partita”. E lo ha fatto.

La Francia festeggia dopo aver battuto il Brasile 3-0 a Parigi
immagine:
La Francia festeggia dopo aver battuto il Brasile 3-0 a Parigi per vincere la Coppa del Mondo 1998

Il secondo cartellino rosso di Zidane ai Mondiali è arrivato, famigerato, nella finale del 2006 contro l’Italia, un paese che ha fatto più di ogni altro per diffondere l’argomento secondo cui iniziare lentamente non deve essere un problema. Nel 1982 pareggiarono le prime tre partite e vinsero.

Quando l’Italia vacillò nei quarti di finale grazie a un rigore nei minuti di recupero contro l’Australia nel 2006, pochi immaginavano una ripetizione. I campioni in carica del Brasile erano i favoriti. Il vantaggio in casa ha favorito la Germania. L’Argentina stava giocando il miglior calcio.

Marcello Lippi è stato diffamato dalla stampa italiana. “Libby ha cercato di strapparci il sogno”, ha urlato. Corriere dello Sport Dopo gli ottavi di finale. Ma la squadra ha preso forma. La maggior parte dei marcatori italiani nella fase a gironi non ha iniziato fino alla finale. Tutto è venuto insieme.

C’erano dubbi simili sulla Spagna nel 2010, quando perse contro la Svizzera nella prima partita. “La Spagna ha giocato senza condanna”, ha detto Luis Aragones, l’ex allenatore che ha portato la squadra alla vittoria a Euro 2008. L’avvertimento di Vicente Del Bosque è stato criticato.

READ  Walter Mazzarri sostituisce Leonardo Semplici alla guida del Cagliari - News Sport, Primo Post

Alla fine, non importa. La Spagna ha concluso il torneo con appena otto gol e la Coppa del Mondo. L’Argentina ha segnato di più nella prima metà degli ottavi di finale, ma è tornata a casa molto prima che la Spagna battesse l’Olanda in finale.

Vicente Del Bosque alza la Coppa del Mondo con la Spagna nel 2010
immagine:
Vicente Del Bosque ha superato le prime critiche vincendo la Coppa del Mondo con la Spagna nel 2010

Gli olandesi non sono ricordati con affetto dopo il trattamento riservato alla Spagna quella notte. Tuttavia, hanno vinto sei partite su sei per arrivarci. Curiosamente, la loro prima sconfitta è arrivata nella partita finale della Coppa del Mondo. La Spagna è arrivata prima.

La Germania l’ha recuperata nel 2014 dopo aver avuto bisogno di tempi supplementari per battere l’Algeria. “L’unica cosa che conta è che siamo arrivati ​​ai quarti di finale”, ha dichiarato Per Mertesacker. “Avrai queste partite in campionato”, ha detto l’allenatore Joachim Loew. “Si tratta di vincere.” Hanno vinto tutto.

Nel 2018, la Francia ha battuto Australia e Perù di un gol, ha pareggiato contro la Danimarca e ha perso contro l’Argentina agli ottavi prima del superbo gol di Benjamin Pavard. Hanno avuto la peggiore differenza reti in qualsiasi fase dei quarti di finale, ma in seguito sono stati ritenuti degni vincitori.

Per quanto riguarda i singoli, Kylian Mbappé e Antoine Griezmann hanno segnato in finale, ma non sono riusciti a strappare la Scarpa d’Oro a Harry Kane. Tutti e sei i gol del capitano dell’Inghilterra in quei Mondiali sono arrivati ​​prima dei quarti di finale, ma non è sempre così.

Paolo Rossi
immagine:
Paolo Rossi ha segnato tutti e sei i suoi gol ai Mondiali del 1982 nelle ultime tre partite

Paolo Rossi notoriamente non è riuscito a segnare fino ai quarti di finale dell’Italia contro il Brasile nel 1982. Ha chiuso con sei gol. Il croato Davor Suker ha vinto il premio nel 1998, ma chi si ricorda ora di aver segnato meno gol del messicano Luis Hernandez prima dei quarti di finale?

READ  Dopo la vittoria dominante a UFC Vegas 23, quali sono le prospettive di Marvin Vettori?

L’ultimo esempio individuale, ovviamente, è fornito dall’unico uomo che ha segnato una tripletta nella partita più importante di tutti i tempi. Entrando nei quarti di finale dell’Inghilterra nel 1966, Sir Geoff Hurst non aveva calciato un pallone nel torneo, figuriamoci segnato. Ma non è ancora finita.

Sono state giocate 56 partite su 64. Gli uomini ei momenti che definiranno questo Mondiale devono ancora venire.