Settembre 18, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Quando la vita torna a com’era prima di COVID?

  • La maggior parte delle persone si aspetta che la vita torni a qualcosa di “normale” entro i prossimi 12 mesi, secondo un nuovo sondaggio del World Economic Forum – Ipsos.
  • Tuttavia, ci sono differenze significative tra i paesi su questo.
  • L’epidemia ha anche colpito la salute emotiva e mentale delle persone.

Le proiezioni su quando la vita tornerà a una parvenza di normalità “pre-COVID” variano ampiamente in tutto il mondo, secondo un nuovo sondaggio del World Economic Forum – Ipsos.

E ha scoperto che, in media, il 59% delle persone si aspetta che qualcosa di simile a “normale” ritorni entro i prossimi 12 mesi.

Ma c’erano grandi differenze nei diversi paesi.

In Arabia Saudita, Russia, India e Cina continentale, oltre il 70% degli adulti si aspetta che la vita torni alla pre-COVID entro un anno.

In un decennio duro, l’80% delle persone in Giappone crede che sarà più alto, con più della metà d’accordo in Francia, Italia, Corea del Sud e Spagna.

Le opinioni variano ampiamente in tutto il mondo.

Immagine: Ipsos

Il L’agenda di lavoro dell’impresa sociale COVID Si basa sulle azioni I suoi membri hanno già assunto e cercano di ispirare nuovi impegni. Delinea 25 raccomandazioni concrete per cinque gruppi di stakeholder chiave per supportare gli imprenditori sociali durante COVID-19:

  • I mediatori e le reti sono chiamati a evidenziare le esigenze degli imprenditori sociali che servono sul campo e fornire loro un supporto appropriato
  • Gli investitori (influencer) sono invitati ad adattare le loro priorità e processi di investimento e fornire capitale flessibile e assistenza tecnica che deve essere disponibile.
  • Le aziende sono incoraggiate a stare con gli imprenditori sociali nelle loro catene di fornitura ed ecosistemi e unirsi a loro in “Shaping a New Tomorrow”
  • Finanzieri e filantropi sono chiamati ad espandere e accelerare il loro sostegno finanziario a imprenditori e intermediari sociali, assumendosi al contempo rischi che rispecchiano i tempi senza precedenti di oggi.
  • Le istituzioni governative a tutti i livelli sono chiamate a riconoscere gli imprenditori sociali come forza trainante nella protezione dei posti di lavoro e nella costruzione di una società più verde e più giusta, sostenendoli di conseguenza.

In tutto il mondo, sono sorte controversie su un ritorno a quello che sembra un COVID-19 pre-naturale. Sebbene più della metà di loro creda che accadrà entro i prossimi dodici mesi, uno su cinque ritiene che ci vorranno più di 3 anni, mentre l’8% non crede che accadrà affatto.

Le opinioni su quando la pandemia sarà contenuta sono anche opinioni completamente identiche su un ritorno alla normalità, indicando che le persone credono che i due siano strettamente correlati.

In media, il 58% degli intervistati prevede che l’epidemia sarà contenuta entro il prossimo anno. Alcuni paesi, ad esempio India, Cina continentale e Arabia Saudita, sono più ottimisti. Ma quattro su cinque in Giappone e più della metà di loro in paesi come l’Australia e la Svezia si aspettano che ci vorrà più di un anno per contenere l’epidemia.

Quanto tempo prima che la pandemia COVID venga contenuta

I livelli di ottimismo variano in tutto il mondo.

Immagine: Ipsos

Impatto sulla salute mentale

Il sondaggio ha anche chiesto alle persone circa l’impatto dell’epidemia sulla loro salute mentale. In media, il 45% degli adulti a livello globale ha affermato che la propria salute mentale e fisica è peggiorata dall’inizio della pandemia.

Tuttavia, dall’inizio del 2021, molti dicono che la situazione è migliorata e si dice che sia peggiorata.

L'impatto della pandemia sulle emozioni psicologiche e mentali

Le persone riferiscono che la pandemia ha influenzato negativamente la loro salute emotiva e mentale.

Immagine: Ipsos


READ  Un video clip mostra il momento in cui i cinghiali tendono un'imboscata a una donna nel parcheggio di un supermercato in Italia per rubare un negozio di alimentari