Dicembre 3, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Quando il ghiaccio artico colpisce El Nino?

Quest’ultimo, che riappare – ma inaspettatamente – una o due volte ogni decennio, è caratterizzato da acque insolitamente calde nel Pacifico occidentale e forti piogge a est. Provoca un effetto domino su più sistemi climatici in tutto il mondo. Tuttavia, secondo studia È stato recentemente pubblicato sulla rivista Comunicazioni sulla naturaTuttavia, significative perdite di ghiaccio dell’Artico stanno già iniziando a influenzare la maggiore frequenza di El Nino e avranno un impatto ancora maggiore, poiché l’Artico diventa sempre più libero dai ghiacci durante l’estate.

Quasi la metà dell’aumento dei “forti” eventi di El Niño entro la fine del secolo, hanno scritto, “è specificamente correlato alla perdita del ghiaccio marino artico”.

La relazione tra i due non è chiara, ma non è la prima volta che una diminuzione di questa calotta glaciale è stata collegata a cambiamenti climatici altrove: il riscaldamento anomalo dell’Artico, ad esempio, potrebbe spiegare il comportamento irregolare della corrente a getto (Jet) negli ultimi anni, che a volte porta temperature invernali più fresche nel Nord America orientale e talvolta temperature più calde in Europa. In altre parole, il maltempo diventa sempre più complicato.

Confrontando le loro varie simulazioni matematiche, ricercatori cinesi e statunitensi hanno riscontrato cambiamenti non in El Ninos “forte” quando la perdita di ghiaccio è nella categoria “moderata”, ma piuttosto quando aumenta. accelerazione.

L’ultima occorrenza di El Nino è stata nel 2015. È stato responsabile di una stagione agricola disastrosa in Nuova Guinea tanto quanto di una stagione agricola disastrosa in Nuova Guinea. sbiancamento del corallo al largo dell’Australia e Le peggiori inondazioni degli ultimi 50 anni ” In Sud America.

READ  Salute: invitare i medici del settore privato al governo