Novembre 30, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Quando gli elettori si astengono, la Francia se ne accorge: il Regno Unito deve imparare a fare lo stesso Oliver Haynes

FI nostri distinti blocchi politici si sono rivelati al primo turno delle elezioni francesi: una sinistra radicale, qualcosa che si avvicina al centrodestra e all’estrema destra e coloro che hanno guardato alle opzioni offerte e hanno detto “nessuna delle precedenti”.

Una delle tante cose straordinarie di queste elezioni francesi è stata la serietà con cui sono stati presi gli astenuti. Nel suo discorso di vittoria, Emmanuel Macron lo ha riconosciuto direttamente, dicendo: “Penso anche a tutti i nostri connazionali che si sono astenuti dal voto. Il loro silenzio ha mostrato il rifiuto della scelta, al quale anche noi dobbiamo rispondere”. La mattina dopo, il ministro delle Finanze Bruno Le Maire durante il primo mandato di Macron, Impegno a cambiare le istituzioni Per rivolgersi ai milioni di persone che si sono sentite escluse e non hanno votato.

L’astensione è stata anche ampiamente coperta dai media. I canali televisivi hanno mostrato un certo numero di astenuti insieme ai voti. Le Monde ha pubblicato un grafico a barre che confronta le astensioni con la quota di voto dei candidati e innumerevoli articoli sui giornali hanno discusso del perché ciò sia accaduto e del significato di tutto ciò. Il ciclo delle notizie è noto per essere instabile, e prendere Macron e Le Maire interamente con la loro parola in continua evoluzione sarebbe sciocco, ma sembra che ci sia stato un riconoscimento tra alcuni politici francesi che Macron è stato eletto con l’affluenza più bassa dall’elezione di Pompidou nel 1969. E che avrebbe governato con il sostegno solo del 38% degli elettori registrati – molti di loro sono riluttanti a farlo.

READ  L'India risponde dopo che il PNG ha vietato i voli a causa della "truffa" di Covid | Notizie sulla pandemia del virus corona

Prendere sul serio gli astenuti è fondamentale, in particolare in un’epoca in cui gli elettori si sentono alienati dalla politica. Un recente rapporto su Atteggiamenti verso la democrazia Il Thinktank IPPR ha rilevato che solo il 6% degli elettori in Gran Bretagna ritiene che le proprie opinioni siano la principale influenza sulla politica del governo e il 55% dei giovani di età compresa tra i 18 ei 24 anni pensa che la democrazia gli serva male. Ciò coincide con il classico lavoro di Peter Meyer sulle scienze politiche, La regola del vuoto, che ha mostrato che man mano che i partiti diventavano più simili tra loro e si distaccavano dalla base di massa, le astensioni aumentavano.

Ridurre la politica a gusti diversi dello stesso prodotto sembra aver portato alcuni ad astenersi in Francia. Ho parlato con gli elettori del primo turno che hanno sostenuto Jean-Luc Melenchon e si sono astenuti al ballottaggio, preoccupati per una reciproca mancanza di serietà sulla crisi climatica tra Macron e. Marine Le Pen e il grado in cui il governo di Macron si è spostato a destra su questioni chiave dell’estrema destra.

Le discussioni sulle astensioni potrebbero facilmente essere trascinate in dibattiti fuorvianti sul privilegio: ai sostenitori di Bernie Sanders che avevano pianificato di astenersi piuttosto che votare per Hillary Clinton è stato chiesto di farlo. Controlla la loro classe e il privilegio etnico. In Francia c’è chi ha criticato chi ha scelto il “voto bianco” (presentando una scheda bianca) negli stessi termini: “il voto bianco è privilegio dei bianchi” si legge in alcuni graffiti ampiamente condivisi sui social. Tuttavia, Sein San Denis, il più povero scollatura Nella Francia continentale, con una popolazione del 30% di immigrati, ha avuto il più alto tasso di astensione e il più alto tasso di votazioni a vuoto. 47,8% al secondo turno. Sein Saint-Denis, un barista di mezza età di razza mista con cui ho parlato a Bagnolet, mi ha detto che si considerava apolitico “perché nulla di ciò che fanno cambierebbe la mia giovane vita” – non certo una compiaciuta espressione di privilegio. In generale, l’astensione è stata significativamente più pronunciata tra i poveri, con L’astensione è del 40% nelle famiglie Con un reddito inferiore a € 1.250 (£ 1.050) al mese, che è poi diminuito con ogni fascia di reddito più ricca.

La decisione di ritirarsi dalla politica – almeno per quanto riguarda il voto – non è l’atto borghese degenerato con cui a volte viene dipinto, motivo per cui prendere sul serio l’astensione è davvero importante. I conservatori ora stanno guadagnando Reputazione come partito della classe operaia Perché si sono comportati meglio tra le persone sottostanti Gradi di lavoro sociali della NRS. Anche se accettiamo queste metriche come rappresentative della classe in Gran Bretagna, ciò che questo ignora è che un numero enorme di persone della classe operaia non ha votato. È difficile trovare statistiche accurate, ma l’affluenza alle elezioni del 2019 è stata del 67,3% e analisi del politologo Ha scoperto che gli elettori nelle aree tradizionali della classe operaia avevano maggiori probabilità di astenersi rispetto ad altri gruppi.

Il momento dell’umiltà insolita di Macron e dell’attenzione dei media francesi sull’astensione è stato significativo e altri paesi possono imparare da esso. Politici e giornalisti che riconoscono apertamente il problema dell’astinenza e lavorano attivamente per coinvolgere nuovamente questi elettori possono svolgere un ruolo importante nel rilanciare la fiducia e la fede nella democrazia.