Febbraio 5, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

“Quando diventerò cardiologo, mi stabilirò a Montmartin”

A dieci anni dalla sua idea di finanziare borse di studio, la comunità dell’agglomerato di Vesoul sta raccogliendo i frutti della sua politica sanitaria accogliendo, sul proprio territorio, giovani professionisti che ha aiutato durante gli studi. ” L’Alta Saona è un deserto medico D’altra parte, qui sta succedendo qualcosa “, ammette Nicola Wake, direttore del Primary Health Insurance Fund. Lunedì 28 novembre, Alain Chrétien presidente del conglomerato, e Pierre Jourcy, vicepresidente responsabile della salute e della politica cittadina, hanno presentato i risultati di questo politica sanitaria.

Nomina di due specialisti e due generalisti

Ci sono motivi di soddisfazione! quattro Giovani medici La loro targa incollata in meno di un anno. Dott.ssa Claire Pinault, psichiatra infantile, stabilitasi a Echenoz-la-Méline, medico generico Manon Barberot, a Bossi e Adrien Viotte, oculista Haberges, medico generico e sportivo Joffrey Delaporte Via Saligro a Fiesole.


Si sono allenati di recente a Vesoul e nelle aree circostanti. Da sinistra a destra: Adrien Viot, oculista, Claire Pinot, psichiatra infantile, Manon Barberot, medico generico, e Geoffrey Delaporte, medico generico e medico dello sport. Foto di ER/Edouard CHOULET

I quattro professionisti hanno firmato un accordo. Possono ricevere assistenza per l’installazione di 6.000 euro all’anno per cinque anni: “Costa alla società più di 100.000 euro all’anno, ma stimiamo che per l’interesse pubblico Per attrarre professionisti della salute”, ritiene Alain Chretien.

“100.000 euro l’anno nell’interesse pubblico”

Oltre all’assistenza alla liquidazione, le borse di studio – dal 2013 – hanno avuto successo. Sono stanziati 660 euro al mese per gli studenti di medicina e odontoiatria e 330 euro al mese per gli studenti di fisioterapia e logopedia. Unica condizione: che si impegnino ad esercitare la professione nel territorio dell’agglomerato almeno per lo stesso periodo di tempo per il quale hanno ricevuto il contributo economico. Coloro che non soddisfano tale condizione sono tenuti a restituire l’intero importo delle borse di studio percepite.

READ  Quando l'inimicizia ripaga | Agenzia di stampa scientifica

28 hanno usufruito della borsa di studio, 13 si sono liquidati e gli altri hanno rimborsato

Dei 28 studenti assistiti, 13 erano stabili, di cui 1 medico, 3 odontoiatri, 6 fisioterapisti e 3 logopedisti. Cinque studenti di medicina sono ancora stagisti e 10 professionisti hanno scelto di non risiedere in loco (5 medici, 3 dentisti e 2 fisioterapisti). Nel 2022, 10 medici in medicina, 7 in odontoiatria, 8 in fisioterapia e 3 in logopedisti, tra cui Ivan Geronimo (21) e Julien Tavernier (20), al terzo anno di chirurgia dentale presso il Collegio di Strasburgo.


La comunità Vesoul Cluster ha riunito nuovi e futuri medici o operatori sanitari, lunedì 28 novembre, a Vesoul. Foto di ER/Edouard CHOULET

Originari di Vesoul, beneficiano di 660 euro al mese e del desiderio di stabilirsi dove sono cresciuti: “Ci sono pochissimi dentisti in Haute-Saône”, concorda Evan Jeronimo. “Idealmente, vorrei stabilirmi a Echenoz-la-Méline. Sono convinto che la qualità della vita qui sia migliore che in una grande città, che i dentisti qui mi permetteranno di acquisire esperienza o che la popolazione di pazienti sarà abbastanza per sviluppare una pratica a lungo termine “, spiega Future. Chirurgo – dentista. Finora non ha usato la sua borsa di studio per pagarsi gli studi: «Raccolgo aiuti, che mi permetteranno quando mi sistemerò qui di finanziare, perché no, una cattedra», dice.


Redouane El Mourabit, studente di medicina al quarto anno a Besançon: “Voglio curare le persone qui, a Montmaren a Fiesole. Sono imparentato con loro”. Foto di ER/Edouard CHOULET

Il figlio di un macellaio vuole stabilirsi nel quartiere

Altri non hanno altra scelta che usarlo. È il caso di Radouane El Murabet, studentessa di medicina del quarto anno al Collegio di Besançon. Come tirocinante in medicina, questa borsa di studio gli permette di concentrarsi al 100% sui suoi studi: “Volevo diventare medico fin da bambino. Il mio ideale è il dottor Boudrigueta a Montmartin. Voglio guarire le persone qui perché Sono legato a loro. Non si tratta solo del lato finanziario. Quando diventerò cardiologo o oncologo, mi stabilirò a Montmartin dove mio padre ha fatto il macellaio per 15 anni. Siamo legati alla città ”, afferma il futuro medico, la cui parola tornerà sicuramente politici vesuliani Chi fatica giorno dopo giorno per renderlo attraente la loro terra a Il deserto si trasforma in un’oasi medicinale.

READ  I commenti di Blaine Higgs sono inquietanti