Settembre 25, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Quale paese è la Repubblica di Cina alle Olimpiadi? Tokyo 2020, Russia, storia, divieto di doping

Le prime medaglie sono state assegnate alle Olimpiadi del 2020 a Tokyo quando la Cina ha conquistato il primo oro nella carabina ad aria compressa da 10 m femminile attraverso Yang Qian.

È stata una finale emozionante, con la medaglia d’argento Anastasia Galashina che è arrivata seconda con soli 0,7 punti in un finale drammatico, con la 24enne russa che è riuscita a chiudere il suo ultimo tiro con 8,9 punti.

Ma nonostante fosse russa, Galashina non ha rappresentato la Russia all’evento, e invece ha sbalordito alcuni con il titolo della Repubblica di Cina accanto al suo nome.

Attualmente, l’inno, la bandiera e persino il nome della Russia sono banditi dalle principali competizioni fino a dicembre 2022 a causa del programma antidoping approvato dallo stato del paese.

Ai funzionari del governo russo è stato vietato di partecipare a qualsiasi evento importante, mentre il paese ha perso il diritto di ospitare, o addirittura di fare offerte, tornei.

La nazione è stata bandita per quattro anni da una vasta gamma di competizioni internazionali tra cui i Campionati del Mondo e le Olimpiadi, sebbene gli atleti puliti possano competere.

Tuttavia, gareggiano sotto il Comitato Olimpico Russo – da qui la bandiera della Repubblica di Cina – ai Giochi.

Ma mentre il capo del Comitato olimpico russo ha affermato che gli atleti subiranno un danno ingiusto, vogliono comunque una quantità significativa di medaglie.

“La bandiera nazionale e l’inno nazionale sono due ulteriori fattori motivanti… per qualsiasi atleta”, ha detto Stanislav Pozdnyakov all’AFP in un’intervista a Mosca prima dei giochi.

“Certo, dovremo esibirci senza questi elementi mancanti. Ma la squadra è pronta a lottare per il podio. Ci aspettiamo di vincere dalle 40 alle 50 medaglie”.

READ  Il Covid ha devastato la nazione Black Feet del Montana, ma ora stanno vaccinando i loro vicini con colpi di riserva

Il gol di Pozdnyakov alle spalle porta a 56 punti sul podio gli atleti russi conquistati in Brasile cinque anni fa, ma impallidisce in confronto ai Giochi di Londra quando sono tornati con 82.

Questo perché il 2012 è stato un’era diversa per lo sport russo, prima che il paese fosse coinvolto in uno scandalo di doping le cui imbarazzanti ricadute anni dopo non portarono a nessun emblema o inno russo in Giappone.

Queste sanzioni derivano in ultima analisi da un rapporto pubblicato dall’Agenzia mondiale antidoping (WADA) nel 2015, in cui si affermava che la Russia aveva istituito un sistema di frode di vasta portata con l’approvazione tacita dei più alti livelli di governo.

Poi nel 2016, Grigory Rodchenkov, l’ex capo del Laboratorio antidoping di Mosca, ha denunciato il doping sostenuto dallo stato alle Olimpiadi invernali del 2014 che hanno ospitato nella località russa del Mar Nero di Sochi.

Queste scoperte vedranno la Russia bandita dai principali eventi sportivi per quattro anni e i suoi atleti privati ​​delle medaglie: il suo impressionante numero di medaglie da Londra è sceso a 67 a causa delle accuse di doping.

La Corte Arbitrale dello Sport (TAS) ha ridotto le sanzioni alla fine del 2020, una decisione che ha fatto arrabbiare alcuni osservatori ma è stata considerata una vittoria in Russia.

A Tokyo, questo significa che gli atleti russi gareggeranno sotto il nome del Comitato Olimpico Russo, il cui simbolo è una torcia circondata da strisce rosse e blu, come la bandiera nazionale.

L’inno russo è stato sostituito con la musica dell’icona nazionale, il compositore Pyotr Tchaikovsky, e la tuta sarà decorata con i colori della Russia.

READ  Justin Trudeau viene preso di mira dopo aver sbattuto contro le "bande anti-Vaxer"

La nomina dello stesso Pozdnyakov nel maggio 2018 faceva parte degli sforzi delle autorità per ripristinare la credibilità della sua organizzazione.

con AFP