Agosto 7, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Qual è la causa del problema energetico in Australia?

Nelle ultime settimane, l’operatore di mercato ha dovuto mettere in atto una serie di drammatici interventi per scongiurare i blackout invernali. Nel frattempo, i consumatori, già sotto pressione dal costo della vita, devono far fronte a bollette energetiche più elevate.

Come diavolo sei arrivato a questo?

Parla con analisti del mercato energetico e governi statali e federali e ti diranno che non c’è un unico motivo.

La flotta australiana di centrali elettriche a carbone sta riscontrando problemi di manutenzione.a lui attribuito:Jessica Shapiro

Gli inverni sono stati insolitamente freddi sulla costa orientale, il che ha aumentato la domanda di energia per il riscaldamento. La vecchia flotta australiana di centrali elettriche a carbone sta cominciando a crollare, mettendo più pressione sul gas per riempire il vuoto. I giacimenti di gas di Victoria nello Stretto di Bass stanno iniziando a esaurirsi e la produzione di energia eolica e solare a volte è diminuita questo inverno.

Nel frattempo, i prezzi spot globali sono aumentati, poiché l’Europa ha evitato le importazioni di gas russo in risposta all’invasione dell’Ucraina da parte di Vladimir Putin.

Normalmente, il gas dovrebbe aumentare per soddisfare il picco della domanda di energia. Il vantaggio di una turbina a gas è che può essere operativa in breve tempo, a differenza di una centrale a carbone, che può richiedere giorni per essere operativa. Ma il professor Bruce Mountain, direttore dell’Energy Policy Center di Victoria, ha affermato che il gas viene sempre più utilizzato come fonte inefficiente di energia primaria di carico.

Bruce Mountain, direttore dell'Energy Policy Center di Victoria.

Bruce Mountain, direttore dell’Energy Policy Center di Victoria.a lui attribuito:Wayne Taylor

“Il gas è stato immesso sul mercato e viene utilizzato per produrre molta più elettricità di quella normalmente prodotta”, ha detto Mountain questa settimana.

READ  Perché la Cina si rifiuta di usare il carbone australiano in mezzo a controversie commerciali

La domanda di gas era così forte che l’enorme impianto di stoccaggio del gas di Lochard Energy, situato nel sud-est di Victoria vicino a Port Campbell, si stava svuotando a un ritmo allarmante. L’Australian Energy Market Operator (AEMO) è stato costretto a intervenire la scorsa settimana, avvertendo che la bassa pressione nell’impianto potrebbe compromettere l’efficiente funzionamento del mercato della costa orientale.

Il problema è che il Victoria, dipendente dal gas, è l’unico stato in cui il prezzo del gas è ancora di $ 40 per gigajoule per arginare l’aumento dei prezzi all’ingrosso.

Il cap, attivato automaticamente a fine maggio in base alle regole del mercato del gas australiano, ha spinto gli stati del New South Wales e del Queensland a ottenere più gas dall’impianto di Iona, il più grande fornitore indipendente di servizi di stoccaggio per il mercato del gas della costa orientale .

L'impianto sotterraneo di stoccaggio del gas di Lochard Energy a Victoria viene prosciugato a livelli pericolosamente bassi.

L’impianto sotterraneo di stoccaggio del gas di Lochard Energy a Victoria viene prosciugato a livelli pericolosamente bassi.

Ciò ha spinto AEMO a eseguire il cosiddetto Garanzia di fornitura del gasconsentendogli di ordinare ai fornitori del Queensland di inviare più gas nel New South Wales per fornire gas per la produzione di energia del Victoria.

Questo intervento è arrivato poche settimane dopo che AEMO ha preso brevemente la decisione senza precedenti Sospensione dell’intero mercato elettrico della East Coast Per evitare interruzioni di corrente in inverno.

L’Australia ha abbastanza benzina, per ora. Ma è chiaro che la rete di alimentazione è allo sbando.

Caricamento in corso

Il ministro dell’Energia del Victoria, Lilly D’Ambrosio, ha affermato che sono chiaramente necessarie ulteriori “azioni immediate” per evitare una crisi di approvvigionamento, incluso il conferimento ad AEMO di più potenza per fissare livelli minimi garantiti di stoccaggio del gas presso importanti impianti di stoccaggio nazionali come Iona.

READ  Più di 30 tornado tracciano un percorso di distruzione in "almeno" sei stati

Si tratterebbe di una sorta di limitazione delle esportazioni per procura, costringendo i produttori di gas a immagazzinare più risorse a livello nazionale piuttosto che guadagnare dalla crescente domanda globale.

Ma D’Ambrosio sa bene che questa rappresenterà solo una soluzione di cerotto.

A lungo termine, Victoria e altre giurisdizioni vogliono una politica nazionale di sequestro del gas, che costringerebbe i produttori di gas a destinare una parte della loro produzione di GNL all’uso domestico, contribuendo a mantenere un tetto ai prezzi. Tale riserva esiste nell’Australia occidentale dal 2006, con il 15% del gas prodotto nello stato tenuto per uso domestico.

La questione verrà al culmine nella riunione del 15 agosto dei ministri statali e federali dell’energia.

Lilly D'Ambrosio, ministro dell'Energia, dell'ambiente e dei cambiamenti climatici del Victoria, vuole una politica nazionale di sequestro del gas.

Lilly D’Ambrosio, ministro dell’Energia, dell’ambiente e dei cambiamenti climatici del Victoria, vuole una politica nazionale di sequestro del gas.a lui attribuito:Alce Metzl

Alan Carpenter, ex primo ministro dell’Australia occidentale incaricato della politica del 2006 Sydney Morning Herald E il l’età Il mese scorso lo era È insondabile che il modello non sia stato copiato In altre parti del paese.

Ma per molti produttori di gas la situazione non è così semplice. Dicono che potrebbero volerci anni per rilasciare i rendimenti degli investimenti.

David Maxwell, amministratore delegato di Cooper Energy, che rifornisce il mercato del Victoria dai giacimenti di gas nei bacini del Gippsland e di Otway, si oppone con veemenza all’affermazione di D’Ambrosio secondo cui i produttori di gas “se la cavano troppo”.

Maxwell sostiene che senza le economie di scala associate ai massicci mercati di esportazione di GNL dell’Australia, i giacimenti di gas di carbone del Queensland non sarebbero economicamente sostenibili.

READ  L'amministrazione Trump ha lanciato il rapimento e l'omicidio di Julian Assange: Report

“L’industria del GNL (esportazione) ha consentito più forniture”, ha affermato la scorsa settimana.

La newsletter Morning Edition è la nostra guida alle notizie, analisi e approfondimenti quotidiani più interessanti. Registrati qui.