Febbraio 4, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Qantas invia un volo di soccorso in Azerbaigian dopo che i passeggeri bloccati sono rimasti all’oscuro | Qantas

I passeggeri di Qantas bloccati in Azerbaigian dopo un atterraggio di emergenza dovrebbero arrivare a Londra entro la mattina di Natale, dopo che la compagnia aerea ha dispiegato un volo di soccorso dall’Australia.

Il volo di recupero è partito da Sydney sabato alle 11:40 e avrebbe dovuto prelevare i passeggeri bloccati dall’aeroporto di Baku e proseguire per Londra, arrivando “la mattina di Natale”, secondo una dichiarazione rilasciata da Qantas sabato pomeriggio.

Il volo da Singapore a Londra Ha effettuato un atterraggio di emergenza all’aeroporto di Baku venerdì a causa di timori di fumo nella stiva, ma le indagini iniziali non hanno trovato prove di fumo. Qantas in seguito ha affermato che l’incidente è stato probabilmente causato da un guasto del sensore.

I passeggeri sono rimasti senza conferma di come sarebbero arrivati ​​a Londra per quasi 24 ore dopo l’atterraggio alle 7:00 ora locale di venerdì mattina. Alcuni passeggeri si sono rivolti ai social media nelle prime ore di sabato mattina, quando la compagnia aerea non aveva offerto alcuna comunicazione dalle 16:00 del giorno prima.

Ciao Qantas Ora sono sul tuo volo QF1 bloccato a Baku a causa di un atterraggio di emergenza. Può darci aggiornamenti sul prossimo volo? Non abbiamo informazioni dalle 16:00 ora locale – 9 ore fa. Ovviamente v è desideroso di sapere e non riesce a dormire pensando a questo.

– James Cherry (@jameswcherry) 23 dicembre 2022

Guardian Australia ha parlato con Julia e Kendall Brown, che erano in viaggio con i loro due figli piccoli, di sei e quattro anni, quando si sono svegliati a Baku sabato mattina ancora con “informazioni confermate da Qantas su quando potremmo essere in grado di uscire da qui”.

Julia, che è inglese, non può tornare a casa da quattro anni a causa della pandemia di Covid-19, e la visita doveva essere la prima volta che i suoi figli incontravano i loro cugini. Anche i suoi genitori stavano avendo i loro sei nipoti insieme per la prima volta.

“Avremmo potuto avere metà prezzo a luglio, ma non puoi pagare per i ricordi di Natale”, ha detto Julia.

Kendall ha detto: “Ci mancherà davvero il Natale? Più a lungo restiamo senza un’ultima via d’uscita, più ci avviciniamo al risultato o alla reale possibilità”.

Julia e Kendall Brown e i loro figli.

Il primo segno del deragliamento della loro vacanza è stato quando le luci della cabina si sono accese sei ore prima del volo.

Uno dei membri dell’equipaggio di volo era “davvero scosso”, ha detto Kendall [the lead steward’s] Il ragazzo, che è stato quando ha capito che stava succedendo qualcosa”.

Kendall ha detto che diversi passeggeri hanno notato che l’aereo ha cambiato direzione sul piano di volo prima di annunciare finalmente più di 90 minuti dopo che le luci della cabina erano accese.

Kendall ha detto che l’aereo si è mosso per circa mezz’ora circondato da veicoli di emergenza. “C’era un mucchio di aiuti locali ma nessuno si è avvicinato all’aereo”.

Ha detto che ai passeggeri è stato detto che molto probabilmente si trattava di un guasto al sensore, ma “era preoccupante. Se c’è stato un incendio sull’aereo, se non era un guasto, perché siamo ancora seduti qui?”

È seguita un’attesa più lunga al terminal dell’aeroporto di Baku, dove i Brown hanno trascorso più di 11 ore.

Poiché Baku non era una destinazione regolare per Qantas, la compagnia aerea non disponeva di personale di terra in aeroporto e doveva anche prendere accordi per i passeggeri bloccati per ottenere i visti.

“Ci sono volute tre ore e mezza prima che distribuissero bottiglie d’acqua e poi un’ora dopo distribuissero sacchetti di panini da far mangiare alle persone”, ha detto Julia. “Ma siamo andati ore alla volta senza aggiornamenti.”

Dodici ore dopo l’atterraggio dell’aereo in Azerbaigian alle 7 del mattino, i Brown sono arrivati ​​al Marriott e Julia e i loro figli hanno dormito nella hall dell’hotel mentre Kendall aspettava il check-in.

Qantas si è scusato con i clienti e ha ringraziato Li hanno ringraziati per la loro pazienza mentre la compagnia aerea finalizzava i piani di recupero.

“Hanno trascorso la notte al Marriott e hanno ricevuto pasti e trasporti”, ha detto la compagnia aerea.

“Vorremmo anche ringraziare i piloti e l’equipaggio che hanno gestito il servizio paralizzato per la loro professionalità e il supporto al cliente”.

“Non posso parlare abbastanza bene personalmente dei dipendenti Qantas sull’aereo stesso”, ha detto Kendall.

Qantas ha affermato che l’aereo che opera il volo di recupero è stato uno dei pezzi di ricambio operativi che la società ha in standby durante le festività natalizie “per assistere nel recupero dei clienti in caso di un’interruzione imprevista come questa”.

Qantas ha ringraziato il governo australiano e sette governi stranieri per “l’elaborazione accelerata delle necessarie approvazioni dell’itinerario per il volo di recupero una tantum”.

Gli ingegneri di Qantas viaggiano anche da Londra e Sydney per ispezionare l’A380 a Baku.

READ  L'amministrazione Trump ha lanciato il rapimento e l'omicidio di Julian Assange: Report