Settembre 27, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Puzzle del carbone in Cina | lo stratega

In vista del centenario della fondazione del Partito comunista cinese il mese scorso, è stata ordinata la chiusura di centinaia di miniere di carbone cinesi per garantire che i festeggiamenti non fossero rovinati da incidenti mortali.

Ci sono state una serie di tragedie legate al carbone e al gas, ma la chiusura forzata ha portato a carenze, che hanno contribuito all’aumento dei prezzi del carbone sia per le centrali elettriche che per le acciaierie.

secondo Giornale del mattino della Cina meridionale, nello Shanxi, la più grande provincia produttrice di carbone, sono state chiuse 130 miniere con una capacità combinata di 186 milioni di tonnellate all’anno, mentre misure simili sono state attuate in altre province.

La chiusura ha spinto i prezzi a nuovi massimi. I prezzi interni del carbone termico cinese hanno raggiunto l’equivalente di 150 dollari USA per tonnellata e il carbone minerale necessario alle acciaierie ha superato i 300 dollari USA per tonnellata. Questi prezzi sono più del doppio dei livelli all’inizio di quest’anno.

La China Coal Transportation and Distribution Association ha invitato i minatori di carbone statali a riprendere le loro operazioni chiuse e la National Development and Reform Commission ha autorizzato il rilascio di 10 milioni di tonnellate di carbone dalle scorte strategiche del governo.

Il mercato del carbone mette in luce le pressioni inconciliabili che devono affrontare il governo cinese.

E vuole ridurre le emissioni di carbonio in linea con la promessa di Xi Jinping alle Nazioni Unite lo scorso anno di un picco delle emissioni cinesi entro il 2030 e delle emissioni nette entro il 2060. L’adozione da parte della Cina di ambiziosi obiettivi climatici è progettata per anticipare l’America alla vigilia. Le elezioni presidenziali americane dello scorso anno.

Le autorità cinesi vogliono anche ridurre la dipendenza della crescita economica da immobili e infrastrutture, che sta portando il debito a livelli insostenibili. C’è anche la preoccupazione che la crescita sfrenata dell’industria siderurgica in quanto risponde alla domanda di questi settori stia contribuendo all’inflazione facendo salire i prezzi delle materie prime.

READ  Italy Unmoved Code / Double Insigne: Made in Pescara | Campionato europeo di calcio 2020

Per perseguire questi obiettivi, il governo ha ordinato quest’anno alla produzione di acciaio di non superare 1,05 miliardi di tonnellate prodotte nel 2020. Ha anche imposto alcune sanzioni economiche all’Australia attraverso Vietati gli acquisti di carbone australianoHa speso 14 miliardi di dollari nel 2018-2019.

D’altro canto, le autorità temono che la crescita della Cina sarebbe rallentata lo scorso anno senza beneficiare della spesa di stimolo del governo per immobili e infrastrutture, e temono che ne serviranno altri nel prossimo anno. Temono che una crescita lenta aumenterà la disoccupazione e minerà il sostegno pubblico al governo.

Per ora, la preoccupazione per il rallentamento della crescita sembra essere la vittoria. I prezzi dell’acciaio sono scesi sulla scia di una dichiarazione del Politburo venerdì scorso che ordinava ai governi locali di frenare gli schemi di riduzione del carbonio “stile campagna”, affermando che il lavoro per raggiungere gli obiettivi di emissioni dovrebbe essere “ordinato e unito”.

Sebbene i commenti del Politburo siano delfici, Financial Times Ha citato la spiegazione di Morgan Stanley secondo cui “con la sospensione del Politburo, ci aspettiamo che i controlli sulla produzione di acciaio siano più progressivi in ​​futuro”.

Pechino ritiene che le autorità locali stiano prendendo troppo alla lettera i tagli alle emissioni e la produzione di acciaio, soprattutto dopo che la produzione di acciaio è aumentata dell’11% nei primi sei mesi dell’anno. I forti tagli alla produzione di acciaio hanno fatto salire i prezzi dell’acciaio mentre le società di costruzioni e le imprese industriali hanno cercato di assicurarsi le forniture. Se le acciaierie non saranno in grado di rispondere alle esigenze dei settori delle infrastrutture e dello sviluppo immobiliare, la Cina farà fatica a raggiungere i propri obiettivi di crescita.

READ  Robert Maranto: I legami che uniscono

Michael Pettis, professore di finanza all’Università di Pechino, afferma che è importante distinguere tra ciò che Pechino definisce “crescita di alta qualità” guidata dalla produzione industriale e dal consumo delle famiglie e la “crescita residua”, che è la spesa per infrastrutture e immobili che si scatena ogni volta che il governo centrale si scatena. Gli obiettivi di crescita sembrano mancare.

In una newsletter, ha affermato che c’è stato un intenso dibattito sul fatto che Pechino debba essere più preoccupata per l’aumento del debito o per il rallentamento della crescita. Sostiene che la “crescita residua” costa all’economia più di quanto fornisce e non porta vantaggi agli standard di vita. Ma dice che il governo centrale probabilmente costringerà i governi locali ad aumentare il loro sostegno allo sviluppo immobiliare e infrastrutturale nei prossimi mesi, guidando la crescita del PIL intorno all’8% quest’anno e portando i livelli di debito a nuovi livelli.

La riduzione delle emissioni di carbonio diventerà una priorità inferiore e le acciaierie e le centrali elettriche cinesi continueranno a far fronte alla carenza di materie prime primarie, carbone e minerale di ferro.

Potrebbero esserci molte letture nella dichiarazione del Politburo di venerdì, ma è notevole che alla riunione dei ministri del clima e dell’energia del G20 in Italia il mese scorso, la Cina si sia unita all’India e alla Russia nell’opporsi a una risoluzione che autorizza la chiusura e il divieto delle centrali a carbone energia. Finanza internazionale per l’estrazione del carbone.

La posizione assunta dal trio ha messo in ombra le speranze di un radicale impulso all’azione globale per il clima alla Conferenza sul clima di Glasgow entro tre mesi. L’esplosione della buona volontà della Cina lo scorso anno sulla riduzione delle emissioni potrebbe equivalere a un confronto con la realtà economica.

READ  Aspettatevi un'apertura al rialzo dopo i forti cali di ieri

Il divieto del carbone australiano, in vigore dallo scorso ottobre, è stato problematico sia per le acciaierie che per le centrali elettriche cinesi. Sebbene le acciaierie siano state in grado di sostituire il carbone australiano con il carbone mongolo, quest’ultimo è di qualità inferiore e gli analisti del settore affermano che utilizzarlo senza mescolarlo con il carbone di alta qualità per il quale l’Australia è famosa causerà danni alle cokerie nelle principali acciaierie e perdita di capacità di produzione dell’acciaio nel paese.

La principale fonte cinese di importazioni di carbone termico, in assenza dell’Australia, è stata l’Indonesia, ma la sua produzione è stata ostacolata dalle piogge torrenziali e anche le forniture dalla Russia e dal Sudafrica sono state tagliate.

La siccità nel sud della Cina ha ridotto la disponibilità di energia idroelettrica. Sebbene la Cina abbia iniziato a utilizzare l’energia eolica e solare, le sue forniture intermittenti significano che il paese ha fatto più affidamento sul carbone per soddisfare l’aumento della domanda di energia durante l’estate.

Per il carbone minerale e termico, il divieto di importazione australiana ha portato a un mercato a due livelli, in cui gli acquirenti cinesi devono pagare di più per il carbone rispetto al resto del mondo. L’Australia deve accettare prezzi più bassi, ma è ampiamente riuscita a sostituire la Cina come cliente.