Dicembre 3, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Putin ha annesso illegalmente le regioni ucraine come parte della Russia

Nella sala di George per predicare l’annessione delle parti occupate dell’Ucraina, Putin ha accusato l’Occidente di alimentare le ostilità come parte di quello che ha detto essere un piano per trasformare la Russia in una “colonia” e “orde di schiavi”. Il suo inasprimento della sua posizione, in un conflitto che ha ucciso e ferito decine di migliaia di persone, ha accresciuto le tensioni, raggiungendo già livelli mai visti dalla Guerra Fredda.

L’Unione Europea ha risposto all’ultima mossa di Putin con una dichiarazione congiunta che respinge e condanna l'”annessione illegale” delle quattro regioni: Donetsk, Luhansk, Kherson e Zaporizhia.

I 27 Stati membri dell’Ue hanno affermato che non avrebbero mai riconosciuto i referendum illegali organizzati dalla Russia “come pretesto per questa ulteriore violazione dell’indipendenza, della sovranità e dell’integrità territoriale dell’Ucraina”.

L’Ucraina ha promesso di continuare a combattere e Zelensky ha annunciato l’attuazione “accelerata” della NATO, sebbene non fosse immediatamente chiaro cosa significasse, poiché richiedeva il sostegno unanime dei membri della NATO.

La cerimonia del Cremlino è avvenuta tre giorni dopo il completamento nei territori occupati dei “referendum” organizzati da Mosca per l’adesione alla Russia, che Kiev e l’Occidente hanno rifiutato come accaparramento di terre sotto la minaccia delle armi e sulla base di bugie.

Ma Putin, in un focoso discorso alla cerimonia, ha insistito sul fatto che l’Ucraina dovrebbe trattare le voci gestite dal Cremlino “con rispetto”.

Dopo la cerimonia della firma dei trattati di adesione con la Russia, i leader dei territori occupati insediati da Mosca si sono riuniti attorno a Putin e tutti hanno legato le loro mani, prima di unirsi al canto di “Russia! Russia!” con il pubblico.

READ  'Attacco assoluto': comunità ucraino-australiana arrabbiata per il murale che abbraccia un soldato russo

(da sinistra a destra) Capo nominato da Mosca della regione di Kherson, Vladimir Saldo, Capo nominato da Mosca della regione di Zaporizhzhya, Yevgeny Palitsky, il presidente russo Vladimir Putin, Denis Pushlin, leader dell’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk, e Leonid Bashnik, leader di Ma He si è insediato. Repubblica popolare di Luhansk.a lui attribuito:AP

Putin ha anche criticato l’Occidente, interrompendo una figura arrabbiata e accusando gli Stati Uniti ei loro alleati di voler distruggere la Russia. Ha detto che l’Occidente ha agito come un “parassita” e ha usato il suo potere finanziario e tecnologico per “rubare il mondo intero”.

Ha ritratto la Russia come impegnata in una missione storica per ripristinare il suo status di superpotenza post-sovietica e affrontare l’egemonia occidentale che, secondo lui, stava crollando.

“La storia ci ha chiamato in un campo di battaglia per combattere per il nostro popolo, per la grande Russia storica, per le generazioni future”, ha detto.

Le regioni separatiste di Donetsk e Luhansk nell’Ucraina orientale hanno avuto il sostegno di Mosca da quando ha dichiarato l’indipendenza nel 2014, settimane dopo l’annessione della Crimea da parte dell’Ucraina. La Russia ha occupato la regione meridionale di Kherson e parte della vicina Zaporizhia subito dopo che Putin ha inviato truppe in Ucraina il 24 febbraio.

Entrambe le camere del parlamento russo, che è controllato dal Cremlino, si incontreranno la prossima settimana per sanzionare i trattati sull’adesione delle regioni alla Russia e inviarli a Putin per la sua approvazione.

Putin ei suoi collaboratori hanno apertamente messo in guardia l’Ucraina dal fare un’offensiva per riconquistare i territori, dicendo che la Russia lo considererebbe un atto di aggressione, minacce che Mosca potrebbe sostenere con il più grande arsenale mondiale di testate nucleari.

READ  Perché il Giappone ha uno dei tassi di mortalità per coronavirus più bassi al mondo senza mandati

Le elezioni organizzate dal Cremlino in Ucraina sono state un tentativo di Putin di evitare ulteriori sconfitte sui campi di battaglia che potrebbero minacciare i suoi 22 anni di governo. Fissando i guadagni russi nella pietra, almeno sulla carta, Putin spera apparentemente di intimidire l’Ucraina e i suoi sostenitori occidentali con la prospettiva di un conflitto sempre più escalation a meno che non si ritirino, cosa che non hanno mostrato alcun segno di fare.

La Russia controlla la maggior parte delle regioni di Luhansk e Kherson, circa il 60 per cento della regione di Donetsk e gran parte della regione di Zaporizhzhya, dove controllava la più grande centrale nucleare d’Europa.

AP

Ricevi una nota diretta dal nostro alieno corrispondenti Su cosa sta facendo notizia in tutto il mondo. Iscriviti alla newsletter settimanale What in the World qui.