Giugno 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

“Puoi sconfiggere il dolore cronico senza farmaci”

Il Dr. Marc LeVeque è un neurochirurgo e specialista del dolore a Marsiglia.

Foto di Buchet Chastel

Dr. Marc LeVeque, Neurochirurgo e Specialista del Dolore a Marsiglia È autore di molti libri sul tema della psicochirurgia e della chirurgia del dolore, e ha appena scritto un libro (1) dedicato ai 14 milioni di francesi che quotidianamente si applicano i denti, dalla sofferenza. “Lo chiamo lo scandalo del dolore e di tutte le medicine, inizia. Un francese su cinque oggi soffre di una condizione cronica, non trovando sollievo da nessun’altra parte se non il consumo eccessivo di oppioidi e altri antidolorifici. Ci sono altre vie d’uscita”.

sullo stesso argomento



“La mia vita con la sclerosi multipla”: l’app di cui sei l’eroe!

Una malattia autoimmune, la sclerosi multipla (SM) può portare a diversi sintomi*, riacutizzazioni o ulteriore diffusione a seconda della forma della malattia. Questa patologia, designata il 30 maggio su scala globale, può generare in alcuni pazienti uno stato motorio, sensoriale, cognitivo, visivo, sfinterico** e/o psicologico che rende comuni deficit o addirittura disabilità. C’è una buona ragione per conoscere la malattia e sentirsi supportati, in particolare con l’app La mia vita con la sclerosi multipla?

Tutti sono uguali di fronte al dolore?

Chiamiamo alcuni “duro sul dolore” o “difficile da cucinare”, ma alla fine, siamo tutti uguali nello sperimentare il dolore? La famosa scala da 0 a 10 è uguale per tutti? “Ah, che bella domanda,” sorrise il dottore. Il dolore varia in ognuno di noi in base ai nostri geni. Ci sono anche persone con insensibilità al dolore e analgesia congenita. Ho conosciuto un paziente da bambino che ha calpestato un chiodo, lo ha spinto in profondità nel suo piede e non ha nemmeno sussultato. Inoltre, troverai i miei appunti sessisti, ma la sensazione di dolore varia a seconda del sesso. Le donne sono più sensibili al dolore e la sensibilità varia a seconda del ciclo ormonale. »

Una donna che partorisce nel dolore fin dagli albori della storia sarà più vulnerabile al dolore? Il dottor Mark LeVeque rischia di farsi qualche nemico tra le femministe. “La sofferenza non previene il dolore”, spiega, “il dolore genera dolore”. Inoltre, è molto probabile che la soglia per le donne, che sono sensibili al dolore molto presto con le mestruazioni, il parto, ecc., sia più bassa per questo motivo. Altri elementi esterni intervengono nel fatto di sostenere meglio o meno, il fatto di provare dolore: l’aspetto sociale è importante, le persone svantaggiate soffrono di più, anche le persone che sono infelici sul lavoro, quelle che sono anche sole. »

Base 4S

Il Dr. Levick spiega nel suo libro che se si risponde alle 4S, inattività fisica, solitudine, aumento di peso e invecchiamento (invecchiamento), il dolore cronico inizia e viene amplificato e l’eventuale risposta diventa un farmaco. I medici sono stati generalmente abituati a prescrivere sistematicamente analgesici in risposta, sia perché la demografia medica è al suo livello più basso sia perché hanno poco tempo. Analgesici, sostanze psicotrope, antibiotici sono i farmaci più prescritti: il mercato della droga lo è 62 miliardi di euro all’anno, secondo LEEM. (Sindacato Farmaceutico, redazione) »

Per sbarazzarsi di tutti i farmaci, il Dr. Mark LeVeque prescrive nuove tecniche per controllare e combattere il dolore. Ma soprattutto richiede la medicina dello sport, una buona alimentazione, e tutte le pratiche di ipnosi, meditazione, terapia cognitivo-comportamentale, agopuntura, astrologia e rilassamento. A Marsiglia pratica tecniche di neuromodulazione, Stimolazione nervosa elettrica transcutanea (TENS) “Si tratta di stimolare le aree del cervello che corrispondono ai segnali del dolore”, dice, “una pratica non invasiva, ma richiede che i dispositivi appropriati siano disponibili in ambiente ospedaliero. I farmaci sono disponibili ovunque, ma questi non gli approcci sono disponibili solo nei centri del dolore, e anche in questi Il caso non è tutto disponibile, in Francia sono solo 300, sono tutti saturi. »

Il libro del dottor Levick è un appello a “salvare” le persone che soffrono in silenzio. “Solo venti ore sono dedicate al tema del dolore durante gli studi di medicina, non è una disciplina riconosciuta in sé, quando tutti abbiamo intorno a noi persone che soffrono e le cui vite sono seriamente rallentate, cambiate e dominate da questa sofferenza”.

READ  Tutto quello che devi sapere sulle allucinazioni uditive