Agosto 9, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Psichiatri in sciopero al ministero della Salute per “il crollo è imminente”

30% Questo numero parla da sé. 30% di posti vacanti per gli psichiatri in ospedale. Il comunicato stampa di intersyndicale è allarmante, e per una buona ragione. Come funziona in tali condizioni? Come affronti? “Il collasso è vicino.” Perché se l’ospedale era stressato, la psichiatria lo era già, la crisi, il covid, la guerra in Ucraina ha peggiorato le sue condizioni (già al peggio), con “ondate di adolescenti che arrivano al pronto soccorso psichiatrico con gesti suicidi, grande angoscia, depressione “.

Le partenze degli psichiatri back-to-back portano a tassi di occupazione insostenibili. Per non parlare della mancanza di personale infermieristico, e del non permettere loro di lavorare adeguatamente, pur ricevendo cure dignitose e rispettose della tempestività dei pazienti.

Naturalmente si è parlato del carico di lavoro amministrativo, che è un vero flagello dell’ospedale, perché è questo che rende gli psichiatri inaccessibili ai pazienti.

Da diversi anni in ECN, il major non è più pieno

Quando si parla di sovraccarico amministrativo, la sezione 84 del Social Security Funding Act del 2021 è un chiaro esempio di un nuovo quadro altamente restrittivo per le decisioni in materia di moderazione e segregazione. CGLPL lo crede “L’aumento dell’aspetto amministrativo delle cure, seppur giustificato”, Ha portato gli psichiatri a dimettersi a un ritmo allarmante. E per quanto si dice che il settore non ne ha bisogno.

Tanto più che nella ECN, per diversi anni, non tutte le posizioni di tirocinanti in psichiatria sono state occupate. Il 17% dei posti di lavoro è rimasto vacante nel 2019 e il numero è ben lungi dal migliorare nel corso degli anni. Sì, gli psichiatri possono avere molte ragioni per preoccuparsi del futuro della loro specialità. Probabilmente anche più di altri medici maltrattati.

READ  Covaxin, un vaccino indiano a base di Covid - Salute

Il comunicato stampa evoca anche una gestione autoritaria, a volte persino paurosa, delle tendenze sorde a prendersi cura dei problemi.

Gli psichiatri sono stati chiamati ad un raduno davanti al Ministero della Salute alle 14 o davanti all’ARS nelle province, e una delegazione è stata ricevuta questo pomeriggio alle 15 al Ministero. Al momento in cui scrivo, non è ancora uscito. Qualcuno ha una soluzione ombra?