Novembre 30, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Proteste in Europa mentre i governi cercano di porre fine alla crisi del coronavirus con mandati di vaccinazione

Il raduno di sabato è iniziato nell’immensa piazza Heldenplatz a Vienna. Cantando “Resisti!” I manifestanti hanno fischiato sulla tangenziale interna della città. Molti sventolavano bandiere austriache e portavano striscioni che deridevano il cancelliere Alexander Schallenberg e il ministro della Sanità Wolfgang Moekstein. Alcuni indossavano camice da dottore. Altri indossavano cappelli di alluminio. La maggior parte dei segnali si concentrava sul mandato del vaccino: “Il mio corpo, la mia scelta”, si legge in uno di essi. “Noi difendiamo i nostri figli!” Un altro ha detto.

Tra i manifestanti c’erano membri di partiti e gruppi di estrema destra e di estrema destra, tra cui il Partito della libertà di estrema destra, il partito anti-vaccino MFG e l’identità di estrema destra.

Sabato si sono svolte manifestazioni contro le restrizioni sui virus anche in Svizzera, Croazia, Italia, Irlanda del Nord e Paesi Bassi, un giorno dopo che la polizia olandese ha aperto il fuoco sui manifestanti e ferito sette persone nei disordini a Rotterdam.

Mentre l’Austria è finora l’unica nell’Unione europea a rendere obbligatorie le vaccinazioni, sempre più governi stanno stringendo le viti.

Da lunedì, la Slovacchia bandisce le persone non vaccinate da tutti i negozi e i centri commerciali non essenziali. Inoltre, non saranno autorizzati a partecipare a nessun evento o raduno pubblico e saranno tenuti a testare due volte a settimana solo per andare al lavoro.

Il primo ministro Edward Heger ha avvertito che “Natale non significa Natale senza COVID-19”. Perché ciò accada, la Slovacchia avrebbe bisogno di un tasso di vaccinazione completamente diverso.

Ha descritto le misure come “vicine ai non vaccinati”.

La Slovacchia, dove solo il 45,3% dei suoi 5,5 milioni di residenti è stato completamente vaccinato, ha registrato martedì un nuovo record di 8.342 casi di virus.

READ  Il primo ministro Boris Johnson "preoccupato" per l'aumento dei casi COVID-19; Probabilmente è la variante indiana

Non sono solo i paesi dell’Europa centrale e orientale a soffrire di nuovo. Anche le nazioni ricche dell’Occidente sono state colpite duramente e hanno nuovamente limitato le loro popolazioni.

“È davvero il momento di agire”, ha detto il cancelliere tedesco Angela Merkel. Con un tasso di vaccinazione del 67,5%, il suo paese sta ora valutando le vaccinazioni obbligatorie per molti operatori sanitari.

“L’epidemia in tutta la Germania è una grande epidemia”, ha detto ai giornalisti venerdì Lothar Weller, capo dell’agenzia tedesca per il controllo delle malattie. “Questa è un’emergenza nazionale. Dobbiamo tirare il freno di emergenza”.

La Grecia prende di mira anche i non vaccinati. Il primo ministro Kyriakos Mitsotakis ha annunciato una serie di nuove restrizioni giovedì tardi sui non vaccinati, tenendoli fuori da luoghi come bar, ristoranti, cinema, teatri, musei e palestre, anche se risultano negativi.

“È un’azione protettiva immediata e, naturalmente, un innesco indiretto per la vaccinazione”, ha detto Mitsotakis.

Le restrizioni hanno fatto arrabbiare Claire Daly, legislatore irlandese dell’UE e membro della commissione per le libertà civili e la giustizia del Parlamento europeo. Dice che gli stati calpestano i diritti individuali.

“In un gran numero di casi, gli Stati membri stanno escludendo le persone dalla loro capacità di andare al lavoro”, ha detto Daly, descrivendo le restrizioni dell’Austria sui non vaccinatori che hanno preceduto la sua decisione di venerdì di imporre un blocco completo come uno “scenario spaventoso”.

Anche in Irlanda, dove il 75,9 per cento della popolazione è completamente vaccinata, si avverte un contraccolpo contro i disabili.

“C’è una sorta di incitamento all’odio che viene sferzato contro i non vaccinati”, ha detto.

READ  Perché non puoi indossare il verde sul London Eye?

Il mondo ha avuto una storia di vaccinazioni obbligatorie in molti paesi per malattie come il vaiolo e la poliomielite. Tuttavia, nonostante il bilancio delle vittime globale di COVID-19 superi i 5 milioni, nonostante le schiaccianti prove mediche che i vaccini proteggono in modo significativo dalla morte o da malattie gravi da COVID-19 e rallentano la diffusione dell’epidemia, l’opposizione alle vaccinazioni rimane forte. la popolazione.

Circa 10.000 persone si sono radunate a Praga questa settimana, cantando “libertà, libertà” per protestare contro le restrizioni del governo ceco sui non vaccinatori.

Il professor Paul de Grauwe della London School of Economics ha risposto: “Non esiste una libertà individuale assoluta”. “La libertà di non vaccinare deve essere limitata per garantire la libertà degli altri di essere sani”, ha scritto al think-tank liberale Liberales.

Questo principio ora allontana gli amici gli uni dagli altri e divide le famiglie nei paesi europei.

Scarica

Birgit Schönmakers, medico generico e professore all’Università di Lovanio, lo vedi quasi quotidianamente.

“Si è trasformata in una lotta tra le persone”, ha detto.

Vede lotte politiche alimentate da persone che diffondono deliberatamente teorie del complotto, ma anche storie intensamente umane. A una delle sue pazienti è stato impedito di lasciare la casa dei suoi genitori perché temeva di essere vaccinata.

I calzolai hanno affermato che mentre le autorità hanno da tempo respinto l’idea delle vaccinazioni obbligatorie, la variante Delta altamente contagiosa sta cambiando idea.

“Fare un’inversione a U su questo è molto difficile”, ha detto.

L’aumento degli infortuni e il contenimento delle misure si combinano per inaugurare una seconda stagione di vacanze consecutiva desolante in Europa.

READ  La polizia spagnola arresta i cammelli in fuga dopo essere fuggiti da un circo a Madrid

Lovanio ha già cancellato il suo mercatino di Natale mentre giovedì è stato allestito un albero di Natale di 60 piedi nella vicina Bruxelles, nel centro della splendida Grand Place della città, ma la decisione se andare avanti con il mercatino delle vacanze nella capitale belga dipenderà sullo sviluppo dell’escalation del virus.

Paul Ferindels, che ha donato l’albero, spera di tornare a quello che sembra un Natale tradizionale.

“Siamo lieti di vedere che stanno facendo uno sforzo per posizionare e decorare l’albero. Dopo quasi due anni difficili, penso che sia una buona cosa che alcune cose stiano accadendo di nuovo, più normali nella vita”, ha detto.

AP