Luglio 3, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Prost lascerà la F1 se verranno applicate le griglie inverse

Il consigliere speciale alpino Alain Prost afferma di “odiare” l’idea di gareggiare a griglia inversa in Formula 1 e che “abbandonerebbe lo sport” se la proposta venisse implementata in futuro.

La F1 sta testando il suo formato sprint in tre gare in questa stagione, con due weekend già in programma a Silverstone e Monza.

Dopo una parata di 18 giri in Italia, Reti inverse promosse di nuovo con l’amministratore delegato della F1 Ross Brawn Mattia Binotto, capo del team Ferrari, ha chiesto di parlare della questione.

Il quattro volte campione del mondo Alain Prost ha affermato che il suo odio per l’idea era l’opposto di ciò che rappresentava lo sport.

“Sono molto felice di testare le cose se è possibile, ma devi capire perché vuoi prendere quelle decisioni, perché?” Ha detto su Alpine Prost nel podcast Paddock.

“La Formula 1 deve mantenere la tradizione, che significa tecnologia e l’apice del motorsport e dobbiamo capire che la squadra migliore deve vincere perché è la migliore ed è lo spirito e i geni della Formula 1.

“Griglia inversa, la odio, la odio. Se introducessero la griglia inversa in F1, penso che lascerei lo sport perché penso che sia la cosa peggiore che puoi fare per il DNA della Formula 1.

“Preferisco controllare la squadra perché hanno fatto il lavoro migliore piuttosto che possederla, ma sono aperto.

“Sono molto tradizionale, anche se hanno fatto un certo numero di punti, non sarei troppo contento perché sarebbe molto difficile confrontarlo con quello che abbiamo avuto in passato”.

L’affidabilità della F1 significa che lo sport deve “modificare”

Mentre si oppone con veemenza all’implementazione di griglie inverse, Prost riconosce il motivo per cui si sta esaminando il cambiamento in F1.

READ  Harry Styles lavora in cortometraggi in vacanza in Italia: Pictures - Hollywood Life

Riferendosi alla storia della Formula 1 dove non si è arrivati ​​a concludere la gara a causa di guasti meccanici, ha aggiunto: “Ricordo che nel 1982 finivamo tutti circa cinque gare all’anno e l’affidabilità era molto scarsa.

“Ma ora abbiamo una grande affidabilità, quindi se abbiamo solo le sei vetture che ottengono i punti, può succedere che alcune squadre non ottengano mai punti.

“Devi adattarti in qualche modo.”