Febbraio 3, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Prospettive: le società petrolchimiche hanno affrontato ulteriori sfide a causa dell’indebolimento delle economie e del continuo aumento dei costi

Londra (ICIS) – Il grafico seguente, che mostra i prezzi del gas naturale in Europa e le attuali curve future, evidenzia la realtà attuale. I prezzi del gas potrebbero essere diminuiti nelle ultime settimane, ma non sono affatto tornati alla “normalità”.

La curva forward ICIS TTF alla fine del 2022 suggeriva che i prezzi fino al 2023 e al 2024 sarebbero stati ancora da tre a quattro volte superiori a quelli dell’inizio del 2021, afferma Alex Frolli, analista senior di LNG presso ICIS.

L’inflazione dei prezzi dell’energia si è diffusa in tutta Europa e ha colpito i mercati globali. I prezzi gonfiati del gas e dell’energia, almeno per la regione, persistono nonostante il clima invernale mite che mitiga la crescente pressione sui prezzi e le prospettive di prezzi più alti in futuro.

Il consumo di gas ed energia è stato ridotto con un impatto sull’industria primaria e manifatturiera. La domanda principale all’inizio del 2023 era in che modo la ripresa della crescita economica in Cina gioca nei blocchi post-COVID, dopo le vacanze del capodanno lunare e l’aumento della domanda di energia.

È probabile che l’attività industriale in Europa sia contenuta almeno durante i mesi invernali, ma i dati di dicembre suggeriscono che la produzione e la più ampia contrazione economica nelle economie della zona euro hanno rallentato.

Oxford Economics ha notato all’inizio di questa settimana che sondaggi di fondo come questi indicano una recessione superficiale per l’Eurozona quest’anno. “Nel complesso, il settore manifatturiero rimane al di sotto della soglia invariata di 50 a dicembre poiché una contrazione in questo settore sembra inevitabile. Il lato positivo è che la stabilizzazione in tutte le principali economie indica un leggero rallentamento sulla carta.

READ  Atlantia ha accettato di vendere il braccio stradale per 9,3 miliardi di euro

Il PMI settoriale è aumentato a dicembre nelle quattro maggiori economie della regione: Germania, Francia, Italia e Spagna, ma era di 50 punti al di sotto del livello neutro.

I dettagli mostrano un quadro contrastante con una domanda debole: produzione e nuovi ordini hanno entrambi registrato un calo nel mese. Tuttavia, le pressioni sui prezzi si sono indebolite, le interruzioni della catena di approvvigionamento si sono attenuate, l’occupazione si è stabilizzata e la fiducia delle imprese è migliorata.

I produttori petrolchimici hanno bilanciato la produzione per tenere il passo con una domanda più debole, che è diminuita a fronte di un’inflazione più forte. La sua capacità di spostare i costi nella seconda metà del 2022 è stata seriamente ridotta, ma l’equilibrio tra produzione e domanda è stato raggiunto entro la fine dell’anno. Qualsiasi aumento dell’offerta sarebbe accolto con favore all’inizio del nuovo anno solare.

Ma i venti contrari globali sono aumentati al punto che si parla di recessioni nelle principali economie nel 2023.

I fattori attenuanti – come i forti livelli di occupazione negli Stati Uniti e in Europa – e la ripresa in corso dalla pandemia di COVID-19 e i limiti alla crescita indicano un contesto recessivo meno profondo di quanto alcuni avevano temuto nell’ultima parte dello scorso anno.

Ma a dicembre il settore manifatturiero, grande consumatore di prodotti petrolchimici e plastica, ha registrato un calo in tutte le principali economie.

Di fronte a queste molteplici sfide e nel bel mezzo di un ambiente operativo notevolmente complesso, l’industria petrolchimica e dei polimeri in tutto il mondo ha subito un rallentamento.

Il rallentamento è in realtà iniziato da agosto con un rallentamento della domanda verso la fine dell’anno, nonostante il calo della produzione petrolchimica e di polimeri da marzo.

READ  Chandigarh: le economie mondiali sono in prima linea per discutere dell'aumento del debito globale alla riunione del G20

Il calo della produzione a novembre è stato evidente ei dati raccolti da ICIS mostrano un calo annuale della produzione per il mese del 5,4% a 283,0 milioni di tonnellate. L’utilizzo della capacità è diminuito del 66,9% rispetto al 72,8% dell’anno precedente.

“Le riduzioni del reddito familiare dovute all’inflazione, l’inasprimento delle condizioni finanziarie, l’incertezza delle imprese e un rallentamento in Cina sono fattori che portano a prospettive poco brillanti per il 2023”, afferma Kevin Swift, capo economista di ICIS. Diversi paesi (e regioni) potrebbero cadere in una recessione globale e una recessione globale è possibile. Il prossimo anno sarà impegnativo per i consumatori e le imprese di tutto il mondo”.

Il PIL globale è aumentato del 5,8% nel 2021, ma ora si prevede che il PIL globale aumenterà solo del 2,7% nel 2022, con un rallentamento della crescita all’1,7% nel 2023.

“È possibile che ci sarà una recessione centrata nel Nord Atlantico”, afferma Swift. Gli alti tassi di interesse ei costi dell’energia, insieme alle pressioni inflazionistiche, stanno influenzando la crescita economica in Europa e Nord America.

L’economia cinese è stata colpita dal debito immobiliare e dal vacillare degli incentivi economici, ma l’inversione della politica di non diffondere il nuovo virus Corona nel Paese potrebbe portare a una maggiore crescita economica globale dopo la fine del virus, forse nella seconda metà del 2023.

Il rimbalzo dei mercati chimici cinesi dopo le festività del capodanno lunare di quest’anno sarà seguito più da vicino del solito.

Si prevede che il Giappone eviterà una recessione, ma una debole economia globale rende fioche le prospettive di esportazione. L’economia indiana rimarrà tra le più forti al mondo con un traino della domanda interna, afferma Swift. Il rallentamento dell’economia e l’incertezza politica gettano un’ombra sulle prospettive del Brasile.

READ  Puoi ottenere un master in caffè in Italia

intuizione Nigel Davis