Febbraio 5, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

“Potenziale pandemico”: i focolai di influenza aviaria aumentano il potenziale di diffusione della malattia all’uomo | Ambiente

MGravi ondate di influenza aviaria hanno lasciato una scia di devastazione in tutto il mondo, provocando la morte e l’esecuzione di oltre 100.000 persone 300 milioni di polli, anatre e oche e un numero imprecisato di uccelli selvatici tra il 2005 e il 2021.

Oggi, con parti dell’Europa e del Nord America nel mezzo peggior focolaio A verbale, un gruppo globale di ricercatori sta osservando con cautela tra le preoccupazioni per l’impatto della malattia sugli esseri umani.

“C’è preoccupazione per la possibilità di una pandemia”, afferma Wendy Play-Burier, virologa molecolare della Tufts University. “Prima che Covid fosse sul radar di chiunque, questo era qualcosa che stavamo tutti osservando molto da vicino”.

Dice che il virus è attualmente considerato a basso rischio per l’uomo. “Ma tutto ciò che ha la capacità di replicarsi ed evolversi rapidamente, e tutto ciò che ha quella capacità di infettare molti host diversi è in un certo senso preso in prestito”.

Gran parte dell’attenzione degli esperti è rivolta al virus H5N1, la malattia altamente contagiosa dell’influenza aviaria che ha, in parte, portato a un aumento del numero di casi in tutto il mondo. Primo selezionato In un allevamento di oche nel Guangdong, in Cina, nel 1996, è emerso il virus Almeno 63 specie di uccelli selvatici e ha dimostrato di infettare mammiferi come linci rosse, foche e orsi.

Thijs Kuiken, professore presso il Dipartimento di Virologia presso l’Erasmus University Medical Center di Rotterdam, afferma che più il virus si diffonde, maggiori sono le possibilità che si diffonda agli esseri umani. Una volta che il virus ha infettato l’uomo, la preoccupazione è che possa adattarsi ulteriormente per consentire la trasmissione da uomo a uomo.

READ  L'isola delle Fiji è soffocata dai vigneti Fotografia

dice, riferendosi all’influenza del 1918, che si ritiene abbia ucciso quante più persone possibile 50 milioni di personecome esempio di una pandemia a cui è stato collegato Influenza aviaria Sorge negli uccelli.

I lavoratori smaltiscono migliaia di tacchini in una fattoria vicino a Soro in Danimarca, il 6 gennaio, dopo un’epidemia di influenza aviaria. Foto: Mads Claus Rasmussen/Ritzau Scanpix/AFP/Getty Images

Mentre il virus H5N1 viaggia in tutto il mondo, il suo effetto sugli esseri umani ha fatto scattare gli allarmi; Tra il 2003 e l’ottobre 2022, il virus si presenta Ha colpito 865 persone in 21 paesi, provocando 456 morti. Mentre i casi, principalmente in Africa e in Asia, erano collegati alla manipolazione di uccelli vivi infetti piuttosto che alla trasmissione da uomo a uomo, i numeri indicano che il virus “ha un alto tasso di mortalità tra le persone infette”, afferma Kuiken.

I funzionari della sanità pubblica stanno rischiando poche possibilità. Nel Regno Unito, dove gli allevatori di anatre È risultato positivo Per il virus alla fine del 2021, dopo aver maneggiato il pollame infetto, l’Agenzia per la sicurezza sanitaria sta sviluppando un “esercizio pronto all’uso” per prepararsi a un focolaio di influenza aviaria negli esseri umani, ha detto il NHS al Guardian in una e-mail.

Nella provincia canadese della British Columbia, i funzionari della sanità pubblica Recentemente avvertito I medici dovrebbero fare attenzione all’infezione da influenza aviaria tra i pazienti, dopo un forte aumento dei casi di infezione tra il pollame negli allevamenti locali.

È probabile che il virus richieda più di una o due modifiche per consentire la trasmissione da uomo a uomo, afferma Ian Barr, vicedirettore del Collaborative Center for Influenza Reference and Research di Melbourne.

“Non sappiamo mai veramente l’esistenza di questi virus… ma sono con noi da 18 anni in varie forme e non hanno ancora acquisito la funzione di essere facilmente trasmessi all’uomo”, dice Barr. “Quindi, si spera, il virus lo troverà impegnativo, ma è qualcosa che non conosciamo completamente”.

Lo ha descritto come un gioco di numeri. “Più virus ci sono, più specie infettano e più a lungo sopravvivono, maggiore è la possibilità che qualcosa muti, devii o si ricombini con un risultato indesiderato”.

I piccioni si accalcano per nutrirsi lungo la Thames Road.  Il Regno Unito sta affrontando il più grande focolaio di influenza aviaria ad alta patogenicità (HPAI) H5N1, con oltre 60 casi confermati in tutto il paese dall'inizio di novembre.
Piccioni lungo Thames Road, Londra questo mese. Il Regno Unito ha registrato la più grande epidemia di influenza aviaria. Foto: Jeffrey Swain/REX/Shutterstock

Rebecca Paulson del College of Veterinary Medicine dell’Università della Georgia afferma che gli sforzi per fermare la diffusione di questo ceppo di virus sono stati complicati dalla sua prevalenza negli uccelli selvatici.

“Sappiamo che gli uccelli si muovono su distanze incredibilmente lunghe”, afferma. “E se questi uccelli vengono infettati e rilasciano questi virus mentre si muovono attraverso il paesaggio, possono diffonderli molto ampiamente in un periodo di tempo molto breve”.

La presenza del virus negli uccelli selvatici e nel pollame d’allevamento gli ha permesso di circolare tra le popolazioni e di amplificarne la diffusione, ha affermato Nicola J. Hill, assistente professore di biologia all’Università del Massachusetts a Boston.

“Penso che eravamo bloccati con l’idea di poter controllare il virus nel pollame, siamo preparati, nessun problema”, dice. “E ora stiamo affrontando una nuova era perché se è radicata negli uccelli selvatici, è una situazione molto più complessa in termini di capire come controllarla e prevedere dove andrà dopo”.

Tuttavia, ciò che è chiaro è il ruolo svolto dalla nostra dieta nel portarci a questo punto, afferma, citando l’elevata densità di pollame osservata negli allevamenti commerciali e la somiglianza genetica della maggior parte degli animali. “Tutte queste cose equivalgono a una situazione in cui il virus prende piede e poi si evolve verso la virulenza”.