Febbraio 3, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Possedere un animale domestico protegge il cervello dagli effetti dell’invecchiamento

⇧ [VIDÉO] Potrebbe piacerti anche questo contenuto del partner (dopo la pubblicità)

Il cane è il miglior amico dell’uomo. Questo principio sta ora assumendo una nuova veste, alla luce delle ultime scoperte in materia di animali da compagnia. Oltre ai benefici fisici che danno ai loro proprietari, soprattutto in termini di pressione sanguigna e attività quotidiana, saranno utili anche per il nostro cervello. I ricercatori affermano che il possesso di animali domestici a lungo termine può ritardare la perdita di memoria e altri tipi di declino cognitivo.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ci sono 50 milioni di persone affette da demenza in tutto il mondo e ogni anno compaiono quasi 10 milioni di nuovi casi. MalattiaIl morbo di Alzheimer È la causa più comune di malattia mentale Sarà la causa del 60-70% dei casi. Inoltre, in Francia, più di 1 milione di persone sviluppano il morbo di Alzheimer, con 225.000 nuovi casi ogni anno. La demenza è una delle principali cause di disabilità e dipendenza tra le persone anziane in tutto il mondo.

Ricerca per trovare una cura per rallentare il processo declino cognitivo Riprodurre, senza molto successo finora. Tuttavia, la diagnosi precoce è un modo efficace per combattere il rapido deterioramento. Infatti, quasi un terzo di tutti i casi di demenza è dovuto a cause modificabili, tra cui inattività fisica, isolamento, Malattia cardiovascolare e ilIpertensioneil depressioneansia e Fatica cronico.

:: La maglia che sostiene la bandiera! ::
Mostra al mondo che sei appassionato di spazio e che sostieni anche la lotta contro il riscaldamento globale.
READ  E la pubblicità ha inventato una casalinga sotto i cinquant'anni

Gli sforzi per sostenere le abitudini di vita che riducono lo sviluppo o la gravità di queste condizioni offrono l’opportunità di preservare la salute cognitiva negli anziani. possesso A un animale domestico Rappresenta un aspetto importante, anche se non studiato, dello stile di vita e dell’ambiente sociale degli anziani e può influenzare la salute cognitiva.

In questo contesto, i ricercatori americani hanno dimostrato i benefici per la salute mentale e psicologica del possedere un animale domestico. Il loro lavoro è stato pubblicato sulla rivista Giornale di invecchiamento e salutedopo essere stato presentato nell’aprile 2022 al 74° meeting annuale dell’American Academy of Neurology.

Studio pionieristico su animali domestici e salute umana

Questo è il primo studio che esamina l’effetto della durata del possesso di animali domestici sulla funzione cognitiva. I ricercatori hanno analizzato un campione di 1.300 adulti americani di età pari o superiore a 50 anni, seguiti per 6 anni. Provengono da un altro sondaggio condotto su 20.000 adulti americani, seguito tra il 2010 e il 2016 nell’ambito di Research in Health and Retirement.

L’età media delle persone incluse era di 65 anni e chiunque avesse un declino cognitivo all’inizio della ricerca è stato escluso dall’analisi. Il 53% possiede animali domestici, quasi un terzo da più di cinque anni. Anche se tutti i tipi di animali domestici sono stati inclusi nello studio – conigli, criceti, uccelli, pesci e rettili – cane erano i più popolari, seguiti da i gatti.

In sei anni, i punteggi cognitivi sono diminuiti più lentamente nei proprietari di animali domestici ed erano più alti nei proprietari di animali domestici a lungo termine. Nello specifico, i ricercatori hanno scoperto che gli adulti di età pari o superiore a 50 anni che possedevano qualsiasi tipo di animale domestico da più di cinque anni avevano un declino più lento della memoria verbale (la capacità di ricordare parole da un elenco) rispetto a quelli senza animali domestici.

READ  La Tutela lancia l'allarme sulla carenza di psichiatri
Il punteggio cognitivo medio ponderato dal 2010 al 2016, per durata del possesso di un animale domestico, è più alto per le persone sotto i 65 anni; Al piano inferiore per gli over 65. © J.Applebaum et al., 2022

Jennifer Applebaum, studentessa di dottorato in sociologia e borsista predottorato presso il National Institutes of Health dell’Università della Florida e autrice principale dello studio, afferma in comunicazione :” Non possiamo dimostrare un nesso causale, ma mostra che gli animali domestici possono limitare la cognizione o avere un effetto protettivo sulla cognizione negli anziani. Pensiamo che questo abbia a che fare con alcuni dei meccanismi coinvolti nella protezione dallo stress. “.

Possedere un animale domestico, garanzia di sana vecchiaia?

Va notato che ci sono molti studi sui benefici per la salute mentale e fisica del possedere un animale domestico, sebbene i risultati non siano conclusivi. Tuttavia, la comunità scientifica ritiene che una relazione positiva con un animale domestico allevi lo stress attraverso il supporto emotivo, che può anche promuovere un sano invecchiamento cognitivo. Prendersi cura di un animale domestico – portare a spasso un cane, dare da mangiare a un gatto – promuove anche l’attività fisica, che è direttamente collegata alla salute cognitiva.

Secondo gli autori, “Questi risultati forniscono prove iniziali che suggeriscono che il possesso di animali domestici a lungo termine può proteggere dal declino cognitivo”. Presentazione di un nuovo ed essenziale passo nell’esaminare come le relazioni a lungo termine con gli animali domestici contribuiscono alla salute del cervello “.

Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere le vere implicazioni di questi risultati poiché altri fattori potrebbero contribuire. In effetti, lo studio ha dimostrato che i proprietari di animali domestici tendono ad avere uno status socioeconomico più elevato, il che potrebbe anche spiegare i vantaggi di possedere un animale domestico. Pertanto, gli esperti affermano che le persone con redditi più elevati hanno maggiori probabilità di visitare un medico e prendersi cura della propria salute.

READ  Un residente del Quebec è stato raccomandato per la carica di presidente dell'Università di Ginevra in controversia

Semplici raccomandazioni per l’implementazione

Applebaum spiega che i ricercatori non raccomandano il possesso di animali domestici come intervento terapeutico. Ma lei aggiunge: La separazione indesiderata da un animale domestico può essere devastante per il proprietario e le popolazioni emarginate sono maggiormente a rischio per questi esiti indesiderati. “.

Spiegare: Raccomandiamo di sostenere le persone che possiedono animali domestici per tenerli attraverso politiche pubbliche e partnership comunitarie Le politiche che potrebbero essere prese in considerazione includono: la riduzione o l’eliminazione delle tariffe per gli animali domestici negli alloggi in affitto, l’affidamento o il supporto residenziale in tempi di crisi sanitarie o altre emergenze e cure veterinarie gratuite oa basso costo per le persone a basso reddito.

Fonte : Giornale di invecchiamento e salute