Dicembre 3, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Philip DeVos sui tagli all’assistenza sanitaria: “Esplodono i ritardi nell’intervento chirurgico”

Dopo diversi giorni e notti di trattative, il governo federale ha raggiunto un accordo sul bilancio. Tuttavia, il bilancio 2023-2024 di Vivaldi è già stato oggetto di pesanti critiche.

Tempo di lettura: 3 minuti

IlIl governo federale ha approvato il bilancio 2023-2024. Per risparmiare denaro, si è deciso di effettuare ulteriori tagli all’assistenza sanitaria.

Tuttavia, nel 2020, la promessa è stata fatta: è iniziata una nuova era per il bilancio sanitario che era stato abusato dai governi precedenti. Stavamo tenendo conto di tutte le nuove esigenze nel 2021 e, soprattutto, eravamo sulla buona strada, a partire dal 2022, per implementare un benchmark di crescita reale del 2,5% invece del 2% – o addirittura inferiore – assegnato negli ultimi anni. Il criterio di crescita è, oltre agli indicatori automatici, l’aumento della spesa necessaria per sostenere i costi aggiuntivi legati all’invecchiamento della popolazione e le nuove politiche fondamentali (nuove cure contro il cancro, ad esempio). Sfortunatamente, l’attuale crisi sta costringendo a riconsiderare l’ambizione al ribasso, a partire comunque dal 2024, quando il benchmark di crescita tornerà al tanto disapprovato 2%. Risparmio potenziale: 75 milioni di euro. Inoltre, questa volta, dal 2023, il governo prevede di ridurre il budget sanitario di importi che ritiene non del tutto spendibili. Questo è ciò che lui chiama “sottoutilizzo dell’assistenza sanitaria”. Tra questi: 120 milioni nel 2023 e 125 nel 2024. In aggiunta al calo del criterio di crescita, il “risparmio” ribattezzato “uso inadeguato” flirterà con 120 milioni l’anno prossimo e 200 milioni l’anno successivo. Tutto questo senza contare il rafforzamento della politica di rientro al lavoro, che dovrebbe risparmiare 75 milioni nel 2024.

Questi nuovi tagli all’assistenza sanitaria “sono un segnale opposto che viene inviato”, si rammarica Philippe DeVos, vicepresidente di terapia intensiva del CHC Mont Légia, per l’ora passata. “Di fronte a una situazione difficile, volevamo sostenere il settore dell’assistenza del 2,5% ed è quello che alla fine sta accadendo. Oggi il settore sta affrontando un forte aumento della spesa e un aumento dei prezzi quando la situazione economica era già difficile prima della crisi energetica, non sappiamo come finiremo il 2023”.

“I tempi di attesa per l’intervento chirurgico stanno per esplodere”.

“Le settimane saranno impegnative, abbiamo il 20% dei letti rinchiusi in terapia intensiva, non so come lo faremo”, si lamenta l’ex presidente di Absym con i colleghi di DH. “Una cosa è la realtà sul campo, un’altra è la realtà dello sblocco dei budget. C’è una certa realtà sul campo e l’impegno ad andare fuori budget per trovare personale. Oggi, va detto, il personale infermieristico è rimasto disgustato durante la crisi e non vogliono tornare, è diminuita anche la frequenza degli studenti nelle Scuole Specializzate.

“È semplice, se devi sottoporti a un intervento chirurgico all’anca, ad esempio, per un’ernia del disco, il tempo di attesa passerà da due mesi a un anno e quei tempi di attesa per l’intervento chirurgico esploderanno”, ha detto il dottor DeVos.



casa

READ  Il lavoro a distanza è salutare?