Maggio 12, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Pfizer / BioNTech: dietro al successo del vaccino una serie di scommesse rischiose

9 aprile 2020, nei primi mesi di crisi sanitaria. La società americana Pfizer, una forza formidabile con una formidabile forza offensiva, e la società tedesca BioNTech, un piccolo specialista in tecnologie avanzate, stanno collaborando a un vaccino contro il Covid-19.

Stanno scommettendo su una tecnologia innovativa, l’RNA messaggero, che non è mai stato utilizzato prima nella vita reale, e promettono di “erogare centinaia di milioni di dosi nel 2021”, mentre l’Europa è in gran parte immersa in un rigoroso contenimento e la pandemia è già in crescita. negli Stati Uniti.

Sette mesi dopo, Pfizer ha annunciato risultati positivi, il primo di un vaccino dal mondo occidentale. Particolarmente favorevole con un’efficienza superiore al 90%, e da allora è stato ampiamente confermato in condizioni reali, come in Israele dove la vaccinazione è molto avanzata.

Il successo è anche industriale. A marzo, BioNTech ha promesso 2,5 miliardi di dosi per quest’anno, un quarto in più di quanto inizialmente previsto. Il vaccino sta attualmente dominando le campagne nell’Unione europea ed è pioniere negli Stati Uniti e nel Regno Unito.

L’audacia, e quindi la scommessa, che ci fa dimenticare di superare una serie di controversie che nascono sullo sfondo del sospetto nella ricerca incessante di profitti e rendimenti.

Personale esausto

Nel novembre 2020, la sorpresa è stata sollevata quando Albert Burla, CEO di Pfizer, ha venduto milioni di dollari in azioni al gruppo dopo l’annuncio delle esperienze positive, un accordo tanto atteso.

Poi, a gennaio, la Pfizer ha lanciato l’allarme annunciando che le sue fiale non avrebbero più dovuto contenere cinque dosi ma sei dosi del vaccino.

Il gruppo ha tutto da guadagnare da quella sfumatura. Con un tratto di matita, poteva somministrare molte più vaccinazioni di quelle pubblicizzate. Ma in Europa e in misura minore negli Stati Uniti, gli operatori sanitari temono di non essere in grado di estrarre l’ultima dose a causa della mancanza di un’iniezione adeguata.

READ  Le chiamate al numero verde del ministero della Salute arrivano a Citil, vicino a La Rochelle

Due mesi dopo, la controversia è stata dimenticata. In risposta a una domanda dell’Agence France-Presse, il Ministero della Salute francese e la sua controparte statunitense non hanno segnalato difficoltà nel fornire l’iniezione.

“Questo non è stato affatto un problema”, assicura Roman Comte, capo del centro vaccinazioni di Parai-le-Moniel, nel centro della Francia. “Ora che siamo chiari, siamo in grado di ottenere sette dosi del vaccino Pfizer”.

Pfizer è in calo anche dal punto di vista sociale, nonostante il ritmo estremo imposto ai suoi stabilimenti come quello di Bors (Belgio).

“Nelle divisioni Covid, lavoriamo 7 giorni su 7, 24 ore su 24”, riferisce all’AFP Patrick Coppens, rappresentante FGTB, considerando il livello dei salari insufficiente.

Molti colleghi avvertono di essere letteralmente intelligenti perché lo fanno da un anno intero. “Questo non può continuare.”

Ma mentre il settore chimico belga è oggetto di disaccordi salariali più ampi, i sindacati hanno apertamente invitato i dipendenti di Puurs a non scioperare, vista l’emergenza sanitaria.

Un altro argomento delicato, Pfizer vende il suo vaccino particolarmente costoso. Secondo i documenti rivelati accidentalmente dalla commissaria europea Eva de Bleeker, il vaccino Pfizer / BioNTech è uno dei vaccini più costosi che Bruxelles abbia pagato, subito dopo la startup Moderna.

Per dieci euro a dose siamo lontani dai meno di 2 euro richiesti dall’azienda britannica AstraZeneca, che ha promesso di non trarre profitto dal suo vaccino sviluppato con l’Università di Oxford, fintanto che la pandemia continua.

È questo il prezzo da pagare per premiare startup come BioNTech e Moderna, per il loro utilizzo dell’innovativa tecnologia di messaggistica RNA?

Non solo quello. “Pfizer e Moderna sanno molto bene che i loro vaccini possono essere utilizzati solo nei paesi sviluppati a causa delle difficoltà di stoccaggio e distribuzione”, ha affermato Adam Parker, esperto di salute presso Shore Capital, un asset manager di Londra.

READ  Com'è essere un ingegnere biotech?

Partnership attiva

Questi vaccini vengono conservati solo a temperature estremamente basse, sebbene Pfizer sia stata in grado di dimostrare che il loro vaccino può sopravvivere fino a due settimane di raffreddori meno gravi.

“AstraZeneca sa che il suo vaccino può essere utilizzato su una scala molto più ampia”, afferma Adam Parker, anche se si considera la fine della crisi sanitaria.

AstraZeneca, che ha sviluppato un vaccino “vettore virale” economico e facile da conservare, potrebbe essere in anticipo rispetto a Pfizer per vaccinare il pianeta con le centinaia di milioni di dosi già prodotte in India presso il Serum Institute, nonché un importante produttore di vaccini nel mondo.

Ma per ora, le controversie si concentrano su di lui.

Collegato a casi – molto rari – di problemi di sangue a volte fatali, il vaccino AstraZeneca è ora vietato per gli adolescenti in molti paesi come Francia e Regno Unito.

Inoltre, gli inglesi sono bloccati in un conflitto con l’Unione europea, decine di milioni di dosi in ritardo per le sue promesse.

All’inizio del 2021, Pfizer ha anche incontrato alcune preoccupazioni, ammettendo ritardi nello stabilimento di Puurs.

Tuttavia, “la produzione è aumentata nella settimana successiva”, afferma la società, Agence France-Presse, rifiutando il termine “difficoltà”.

In realtà, questa è già storia antica e, a causa del ritardo che è stato inventato, Pfizer è stato citato come esempio da Bruxelles per incolpare AstraZeneca.

Con la loro velocità nello sviluppo di un vaccino, Pfizer e BioNTech stanno contrastando i rivali Sanofi, che è indietro di mesi rispetto al suo progetto di punta, e Merck, che ha abbandonato completamente il suo progetto.

READ  Università di Parigi accusata

Anche in questo caso, gli alleati americano e tedesco stanno approfittando delle felici opzioni.

La loro partnership è una di queste. Sfruttando istantaneamente le capacità di Pfizer, BioNTech è stata in grado di produrre molte più dosi di Moderna, che utilizza un sistema più tradizionale per i subappaltatori.

Ma l’opzione più importante è quella di base in tutto: la scommessa sul vaccino a RNA messaggero, la cui tecnica consiste nell’iniettare nei filamenti dell’organismo delle istruzioni genetiche che dicono alle nostre cellule cosa fare. combattere il Coronavirus.

Questa tecnologia, già utilizzata nei vaccini animali, era promettente ma senza garanzie di successo.

“Sarebbe un anno fa, ti direi di essere sospettoso”, ammette Dan Mahoney, uno specialista della salute presso il Polar Capital Fund britannico, ha detto all’AFP. “Molte volte, quando qualcosa sembra fantastico in laboratorio, non funziona molto bene nella vita reale.”

Ma ammette: “Ha funzionato molto meglio di quanto immaginassi”.

Pfizer ha stimato all’inizio dell’anno che il suo vaccino gli avrebbe fatto guadagnare 15 miliardi di euro nel 2021, una cifra enorme rispetto ai quasi 40 miliardi di entrate registrate lo scorso anno. Questo era prima che BioNTech aumentasse i suoi obiettivi di produttività.