Dicembre 4, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Peter Dutton attacca i laburisti per i colloqui di riforma energetica; Malcolm Turnbull sostiene i controlli sulle esportazioni di gas; Jason Clare avverte di tempi difficili per il settore dell’istruzione a causa della carenza di insegnanti; L’Australia importa mele americane

Sul blog questa mattina, abbiamo riportato i commenti del ministro federale dell’industria Ed Hosik che ha descritto le compagnie del gas come “sorde” per non aver offerto prezzi più convenienti al mercato australiano in mezzo a un previsto aumento del 20% dei prezzi interni del gas il prossimo anno.

Ora, l’ex primo ministro Malcolm Turnbull ha sostenuto le richieste di controlli sulle esportazioni di gas per aiutare a ridurre i prezzi dell’energia e di investire nelle energie rinnovabili come soluzione a lungo termine.

Ecco cosa ha detto all’evento dell’Australia Institute a Sydney oggi:

È pazzesco che il più grande o il secondo esportatore di GNL non sia in grado di controllare il gas a prezzi accessibili per i suoi residenti.

Il governo dovrebbe usare il suo potere per controllare le esportazioni di gas per garantire che ci sia abbastanza gas disponibile in Australia per mantenere questo prezzo al livello o intorno al livello pre-crisi.

La soluzione a lungo termine è molto chiara: sono le energie rinnovabili più lo storage, e questo non è nemmeno un problema discutibile o discutibile, è solo una questione di quanto velocemente può essere sollevato”.

Turnbull ha anche affermato che è stato un errore per la costa orientale non implementare una riserva di gas nazionale, simile a quella dell’Australia occidentale.

Viene dopo che la Commissione australiana per la concorrenza e i consumatori ha pubblicato un rapporto ad agosto in cui avverte che gli esportatori potranno vendere tutto il gas non contrattato all’estero il prossimo anno.

“Nell’attuale contesto di aumento dei prezzi internazionali dell’energia (inclusi gas e GNL), mercati rigidi del GNL, problemi più ampi della catena di approvvigionamento, instabilità geopolitica, inflazione e domanda incerta per la produzione di energia elettrica, sosteniamo il governo australiano concentrandosi maggiormente sulla sicurezza energetica”, si legge nel rapporto.

READ  Aggiornamenti di notizie in diretta dall'Australia: il capo della ABC Etta Butrose critica l'"interferenza" della coalizione; L'accordo sul carbone della COP26 invia un "messaggio chiaro" al governo Morrison | Notizie dall'Australia

Con l’aumento dei prezzi dell’energia, David Crowe Rapporti su La polemica si sta preparando lungo i confini dello stato Sulla possibilità che stati come il Queensland e l’Australia occidentale aumentino le forniture di gas al New South Wales e al Victoria.

Il primo ministro del Victoria Daniel Andrews ha dichiarato lunedì che gli australiani vogliono che il loro gas vada al mercato interno prima di soddisfare la domanda dei clienti esteri.

Il tesoriere del NSW Matt Keane ha anche suggerito che il GNL potrebbe essere spedito dall’Australia occidentale al NSW e pompato nei gasdotti orientali.

La Camera delle miniere e dell’energia dell’Australia meridionale e il Queensland Resources Council sono tra coloro che criticano le proposte che secondo loro pagheranno i loro stati per il mancato sviluppo delle proprie risorse da parte del NSW e del Victoria.

con AAP