Maggio 21, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Perché molti migranti bengalesi prendono rotte irregolari verso l’Italia?

Almeno 8.667 cittadini del Bangladesh sono entrati nell’Unione Europea (UE) lo scorso anno attraverso rotte irregolari. Secondo le statistiche di Frontex, la nazione dell’Asia meridionale rimane uno dei primi paesi i cui cittadini tentano di entrare in Europa attraverso pericolose rotte irregolari. Molti di loro scelgono di rimanere in Italia.

“Ho deciso di andare in Libia quando mio padre è morto qualche anno fa. Ero l’unica persona della famiglia di otto membri che doveva fare qualcosa per mantenere la famiglia”, Lakuira Sobuj, migrante del Bangladesh venuta in Italia l’anno scorso attraversando il Mar Mediterraneo su una barca dalla Libia, ha detto InfoMigranti.

Il cittadino bengalese di 25 anni ha speso circa 4.000 euro per andare in Libia nel 2020, che era la sua principale destinazione di lavoro. Non aveva intenzione di venire in Europa in quel momento.

“La mia famiglia è povera. Mia madre lavora come domestica nel nostro villaggio nel distretto centrale del Bangladesh di Shariatpur. Ho dovuto vendere la nostra mucca e prendere un prestito per andare in Libia”, ha detto InfoMigranti.

Sobuj, che durante l’infanzia non ha frequentato la scuola a causa della povertà, ha lavorato per alcuni mesi come operaio edile nella città libica di Bengasi. Ma era difficile per lui ottenere uno stipendio dal suo datore di lavoro. È stato picchiato quando gli è stato chiesto il dovuto. Ad un certo punto, Sobuj decide di intraprendere il pericoloso viaggio in barca dalla Libia all’Italia per una vita migliore.

Attraversare il Mediterraneo

“Abbiamo trascorso circa 24 ore su una barca per attraversare il Mar Mediterraneo per raggiungere l’isola italiana di Lampedusa dalla Libia il 21 febbraio 2021. C’erano 93 persone sulla barca, oltre 40 erano miei connazionali”, ha detto InfoMigranti.

Da allora Sobuj vive in un centro per migranti nella capitale d’Italia, Roma. Il suo sogno di trovare un lavoro nel paese europeo deve ancora essere realizzato.

“Ho dovuto pagare altri 2.000 euro a un esploratore umano in Libia per il mio viaggio in Italia attraverso la rotta migratoria del Mediterraneo centrale. Ma qui sono ancora disoccupato. Non conosco nessuno qui. Nessuno mi ha offerto un lavoro. Mia madre lavora ancora come domestica a casa”, ha detto InfoMigranti, aggiungendo: “Non so cosa mi aspetta in futuro”.

READ  Cazoo acquisisce Brumbrum, il principale rivenditore di auto online italiano

Leggi anche: Oltre 10.000 migranti arrivati ​​in Italia nel 2021

Sette migranti sono morti e circa 280 sono stati soccorsi dalla Guardia Costiera italiana dopo essere stati scoperti in una barca di legno imballata al largo dell’isola italiana di Lampedusa il 25 gennaio 2022 | Foto: Picture-alliance/AP Photo/Pau de la Calle

Migliaia di cittadini del Bangladesh arrivano in Europa attraverso rotte irregolari

Con un PIL di oltre $ 409 miliardi (€ 362 miliardi), il Bangladesh ha attualmente la 37a economia più grande del mondo e le previsioni suggeriscono che la dimensione dell’economia potrebbe raddoppiare entro il 2030. Anche se il paese dell’Asia meridionale è diventato uno dei paesi più veloci al mondo. Negli ultimi anni, in continua crescita, migliaia di suoi cittadini sono ancora venuti in Europa attraverso rotte irregolari nella speranza di una vita migliore e più sicura.

Le statistiche annuali pubblicate dall’agenzia di frontiera dell’UE Frontex mostrano che almeno 8.667 cittadini del Bangladesh sono entrati nel blocco lo scorso anno attraverso rotte irregolari. Di questi, 7.574 sono arrivati ​​attraverso la rotta del Mediterraneo centrale, 604 attraverso la rotta del Mediterraneo orientale e 437 attraverso la rotta migratoria dei Balcani occidentali.

Il Bangladesh resta al secondo posto nell’elenco dei Paesi pubblicato da Frontex i cui cittadini percorrono la pericolosa rotta migratoria del Mediterraneo centrale che collega la Libia con l’Italia. Sette migranti del Bangladesh sono morti di ipotermia il mese scorso mentre raggiungevano l’isola italiana di Lampedusa dalla Libia il mese precedente. Tali conseguenze sono eventi regolari sulla rotta irregolare.

Le bare con i corpi dei migranti bengalesi morti al largo di Lampedusa a fine gennaio 2022, a Porto Empedocle (Agrigento) il 30 gennaio 2022 |  Foto: ANSA/CONCETTA RIZZO
Le bare con i corpi dei migranti bengalesi morti al largo di Lampedusa a fine gennaio 2022, a Porto Empedocle (Agrigento) il 30 gennaio 2022 | Foto: ANSA/CONCETTA RIZZO

Italia — la prima destinazione dei migranti del Bangladesh

Le statistiche di Frontex suggeriscono che la maggior parte dei migranti del Bangladesh che sono entrati nell’UE attraverso rotte irregolari lo scorso anno si sono rifugiati in Italia. Il paese dell’Europa occidentale è rimasto la destinazione principale di molti migranti irregolari del Bangladesh diretti in Europa negli ultimi decenni.

READ  L'OCSE avverte che la vaccinazione globale disuguale minaccia la ripresa economica

Lo ha detto Arafat Rahman, un migrante del Bangladesh arrivato in Serbia lo scorso anno con un visto per lavoratore stagionale InfoMigranti che la sua destinazione finale fosse l’Italia.

“Ho già speso migliaia di euro per trovare un modo per raggiungere l’Italia dalla Serbia. E spero di renderlo possibile presto”, ha detto InfoMigranti.

Il migrante ha affermato che i trafficanti di esseri umani del Bangladesh che vivevano nel Paese balcanico hanno impiegato dai quattro ai seimila euro a persona per contrabbandare dalla Serbia all’Italia.

Mi hanno detto di pagare una tangente di 16.000 euro per ottenere il lavoro che mi avrebbe pagato circa 160 euro al mese di stipendio.

“Il modo più sicuro per fare il viaggio è salire su un camion che va in Italia dalla Serbia. Ma devi pagare un sacco di soldi per realizzarlo”, ha detto Rahman, aggiungendo: “Altri modi includono l’attraversamento dei confini. piede, che è rischioso ma meno costoso”.

Tuttavia, Rahman non era ancora in grado di fare il viaggio. Invece, ha finito per vivere in un centro per migranti nel paese balcanico poiché un trafficante di esseri umani aveva rubato i suoi soldi e minacciato di togliersi la vita se avesse cercato di sporgere denuncia alla polizia per l’incidente.

“Sono venuto in Serbia con la speranza di raggiungere l’Italia dopo non aver trovato lavoro come operatore informatico presso un tribunale del Bangladesh. Mi hanno detto di pagare una tangente di 16.000 euro per ottenere il lavoro che mi avrebbe pagato circa 160 euro al mese come stipendio”, ha detto Rahman InfoMigranti.

“Ma ho deciso di non accettare il lavoro perché la tangente era troppo alta. Guadagnerò molto di più in Italia e ripagherò il prestito che ho preso per venire qui”, ha aggiunto.

Leggi anche: Oltre 80.000 domande di regolarizzazione migranti in Italia

Da file: migranti del Bangladesh a Roma, Italia |  Foto: DW/A.Islam
Da file: migranti del Bangladesh a Roma, Italia | Foto: DW/A.Islam

Perché l’Italia?

“In Italia vivono circa 150.000 migranti del Bangladesh. Sono impiegati in vari settori tra cui agricoltura, cantieristica e commercio ambulante”, ha detto Shameem Ahsan, Ambasciatore del Bangladesh a Roma InfoMigranti.

Nessun altro paese dell’UE ha così tanti migranti del Bangladesh. Il diplomatico ritiene che il Paese dell’Europa occidentale abbia un atteggiamento accogliente nei confronti degli stranieri. Occasionalmente legalizza anche i lavoratori migranti irregolari.

READ  Le esportazioni di ingegneria sono aumentate del 54% a 82 miliardi di dollari in aprile e dicembre, secondo il Dipartimento federale del commercio

“C’è stata una percezione pubblica che l’Italia sia molto clemente nei confronti degli stranieri. Ecco perché molte persone credono che a un certo punto otterranno uno status legale dopo essere entrati in qualche modo nel Paese utilizzando strade diverse”, ha detto Ahmed InfoMigranti.

Leggi anche: Regolarizzazione in Italia – coalizione diritti CILD risponde alle FAQ

Possibilità limitate di migrazione legale

Dopo una lunga pausa, dal 2020 il governo italiano ha consentito l’assunzione di lavoratori dal Bangladesh sia in categorie “stagionali” che “non stagionali”. Secondo una circolare dell’ambasciata del Bangladesh a Roma il mese scorso, l’Italia rilascerà 69.700 visti per 31 non -Paesi dell’Unione Europea, compreso il Bangladesh, quest’anno.

“I migranti del Bangladesh dovrebbero cercare di venire in Italia attraverso vie legali. I migranti irregolari alla fine saranno espulsi poiché il Bangladesh ha firmato le procedure operative standard (SOP) con l’UE per accelerare il rimpatrio”, ha affermato Shameem Ahsan.

Ma gli esperti ritengono che il modo legale per i migranti bengalesi in Italia sia ancora minimo.

“Solo 3.500 migranti bengalesi potranno venire in Italia in base alla recente circolare. È un numero esiguo rispetto alle centinaia di migliaia di persone interessate a venire nel Paese europeo”, Palash Rahman, giornalista del Bangladesh con sede nella città italiana di Venezia, detto InfoMigranti.

“Dobbiamo creare maggiori opportunità legali per i lavoratori del Bangladesh per affrontare la migrazione irregolare verso l’Europa”, ha affermato.

Leggi anche: Europa: Poche rotte per migranti non qualificati