Giugno 16, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Perché l’economia italiana ha smesso di crescere

NewsWise – L’economia italiana è quasi stagnante nell’ultimo quarto di secolo – non a causa di shock commerciali, malgoverno, problemi del mercato del lavoro o progressi tecnologici, ma a causa di uno stile di gestione che ha lasciato il paese alle spalle, afferma il Professore Associato di Finanza Bruno Bellegrino Robert H. dell’Università del Maryland. Alla Smith School of Business.

Bellegrino e Luigi Jingles dell’Università di Chicago sul problema della produttività in ItaliaDiagnosi della malattia italiana“- National Bureau of Economic Research. Il documento è stato un punto culminante di recente Bloomberg Pezzo di feedback. Gli studiosi hanno visto perché l’economia italiana ha bruscamente smesso di crescere a metà degli anni ’90, dimostrando di essere un paese confuso e incoerente con i principi della crescita economica sostenibile.

I ricercatori hanno utilizzato dati settoriali e concreti per bloccare la produttività dell’Italia. Guardando ai settori industriali dell’UE, sono stati in grado di rifiutare una serie di possibili spiegazioni: ciò non era dovuto alla mancanza di accumulazione di capitale, né a shock commerciali conseguenti all’introduzione della Cina o al suo ingresso nel mondo cinese. Sistema di trading. Nel 1996 e nel decennio successivo, l’Italia ha visto tassi di interesse e inflazione bassi e stabili, nonché un governo prolungato dopo la seconda guerra mondiale, e non ci sono state grandi confusioni istituzionali per spiegare il declino.

Bellegrino e Jingles si sono concentrati sul panorama competitivo a metà degli anni ’90: cosa è successo poi? – e ha annullato la rivoluzione tecnologica. Nel 1995, I.T. Ma le aziende in Italia non stanno sfruttando appieno la crescita, non perché non investano in tecnologia, ma perché non hanno i manager e il personale giusti per implementarla.

READ  Il ministro degli Esteri italiano Biden visita per la prima volta Washington

I ricercatori hanno utilizzato gli studi di esperti del World Economic Forum per studiare come i diversi paesi reclutano e promuovono i manager. Hanno scoperto che la produttività nei settori ad alta intensità tecnologica sta crescendo rapidamente nei paesi in cui le aziende hanno maggiori probabilità di selezionare, promuovere e premiare le persone in base al merito. Hanno classificato i paesi in base al punteggio di qualificazione, con l’Italia che è arrivata ultima. Anche i paesi con punteggi più alti (Svezia, altri paesi dell’Europa settentrionale, Stati Uniti, Giappone) hanno registrato enormi miglioramenti nella produttività grazie alla rivoluzione tecnologica.

In Italia, le aziende usano spesso l’unità e la solidarietà per determinare chi dovrebbe progredire. Prima dello sviluppo della tecnologia, dicono i ricercatori, questo stile di gestione non ha influenzato l’economia italiana. Ma con l’avvento della tecnologia dell’informazione, questa pratica diffusa di premiare la lealtà all’efficienza ha impedito alla sua economia di crescere, costando al paese dal 13% al 16% in termini di crescita della produttività.

Utilizzando i dati di risposta di un ampio sondaggio sulle aziende manifatturiere europee, Bellegrino e Jingles hanno sviluppato una solida serie di pratiche di gestione competenti che riflettono le pratiche organizzative effettive di un’azienda. Nelle aziende italiane, è più probabile che i familiari o gli associati di un datore di lavoro salgano la scala.

“Utilizzando i nostri dati, confermiamo il fatto che le aziende italiane hanno maggiori probabilità di selezionare e premiare i propri manager in base alla lealtà e all’affiliazione piuttosto che alle prestazioni”, scrivono i ricercatori.

Allora, perché l’Italia è in ritardo rispetto ai suoi pari nell’adesione a pratiche di gestione competenti? L’amministrazione basata sulla lealtà sembra avere più vantaggi in Italia che in altri paesi sviluppati.

READ  L'italiano Diesel Jeans Billionaire Fashion Front sembra essersi unito

“Nei paesi sviluppati, l’Italia rappresenta il suo settore bancario basato sul sostegno, il suo sistema legale inefficiente e la proliferazione di evasione fiscale e corruzione”, hanno scritto Bellegrino e Jingles. “Quindi, una spiegazione ragionevole, all’inizio [technology] Revolution Italy si è trovata con una classe dirigente più adatta al suo ambiente domestico, ma non è stata in grado di sfruttare appieno le nuove tecnologie disponibili. “

Bellegrino e Jingles smettono di prescrivere un farmaco per il problema, sottolineando che in Italia ci sono scambi per stili di gestione più qualificati.

“Dato questo enigma e il fatto che le aziende del paese sono intrinsecamente difficili da trasformare, sembra che l’Italia serva da avvertimento sull’importanza di creare aziende che semplicemente non si adattano a un contesto storico, ma che stanno avanzando rapidamente nel progresso tecnologico. “