Giugno 20, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Perché le epidemie arrivano a ondate? | Scienza | Notizie | il Sole

eIn effetti, la durata delle epidemie non è sempre di 24-30 mesi, anche se si può avere questa impressione osservando alcune epidemie di influenza – era “Asia” (1957-1959) e “Hong Kong” (1968-70) che è più o meno il periodo di tempo. In uno Articolo pubblicato a gennaio in Frontiere in microbiologia – Malattie infettiveJocelyn Perrett e il dottor Jay Poivin, del Centro di ricerca sulle malattie infettive della Laval University, hanno esaminato le principali epidemie che hanno afflitto l’umanità nel corso della storia, ed è chiaro che la durata delle epidemie non è affatto fissata.

Ad esempio, nell’alto medioevo, la peste di Giustiniano si diffuse per un periodo di circa due anni (541-543) ma dopo diversi secoli i batteri stessi si diffusero (Yersinia pestisCausò un’altra pandemia, la famigerata peste nera, che durò quattro anni (1347-1351). Allo stesso modo, le sei epidemie di colera che hanno prevalso nel diciannovesimo e all’inizio del ventesimo secolo hanno attraversato periodi da 7 a … 27 anni!

Quindi no, non tutte le epidemie durano circa due anni. È vero, tuttavia, che spesso arrivano in ondate successive e questo solleva una questione piuttosto difficile. Se c’è stata una seconda ondata, questo è un segno che la prima ondata non ha colpito tutti a rischio. Come è finita (anche se temporaneamente) la prima ondata invece di continuare?

“Abbiamo alcune risposte per questo”, mi ha detto venerdì il Dr. Boivin in un’intervista. Ci sono virus che le scuole considerano importanti luoghi di trasmissione. Ad esempio, l’influenza A (H1N1) ha colpito molto i bambini (a differenza di COVID) e la prima ondata si è placata a luglio, poche settimane dopo la fine della scuola. La seconda ondata è iniziata in ottobre, poche settimane dopo il suo ritorno in classe. (…)

READ  Cerca per smettere di cantare al di fuori della melodia

E aggiunge: “C’è anche che d’estate le persone si incontrano di più all’aria aperta, e quindi la trasmissione del contagio è minore”. Lo abbiamo visto sia per H1N1 che per COVID-19. “
Quando una parte relativamente ampia della popolazione è immune al virus, l’emergere delle varianti può anche portare a una ri-diffusione dell’epidemia, che poi porta a un’ondata aggiuntiva, afferma il dottor Boivin. “Ma è chiaro che non esiste un singolo fattore che spieghi perché le epidemie arrivano a ondate, e ci mancano ancora i consigli per comprenderlo appieno”, aggiunge.

Variabili

Inoltre, va tenuto presente che tutte queste epidemie sono causate da microbi diversi, ognuno dei quali si comporta a modo suo. Quindi non esiste davvero alcuna costante che possa essere completamente comune a tutti loro. Ad esempio, il colera non è causato da un virus respiratorio, ma da batteri (Vibrio cholerae) Che vivono nell’acqua. A differenza del COVID-19, la peste (la sua forma polmonare, almeno), o l’influenza pandemica, è una malattia non altamente contagiosa: non viene contratta inalando le goccioline / aerosol di qualcuno, ma bevendo acqua contaminata (spesso da feci). Ferito). Pertanto, il colera ha un modello di diffusione completamente diverso, che può influenzare la forma che assumono le sue “onde”.

Anche tra i virus respiratori, le onde possono essere variabili. Ad esempio, spiega il dottor Boivin, “Il numero di onde non è fisso. Per l’influenza spagnola, erano due, e ora siamo tre per COVID-19, almeno in Quebec e Canada. Ma è diverso da paese a paese. In India, hanno avuto solo due ondate di COVID, solo una è molto forte “.

Ad essere onesti, questa discrepanza è così grande che alcuni epidemiologi arrivano al punto di mettere in dubbio l’esistenza di un modello “ondoso” che potrebbe essere in qualche modo universale in tutte le epidemie. In una trascrizione pubblicata nella primavera del 2020 Sul sito web dell’Evidence for Evidence-Based MedicineGli epidemiologi inglesi Tom Jefferson e Carl Hingan hanno affermato che ci sono così tante incongruenze nelle epidemie / epidemie influenzali del 20 ° secolo in modo da poter scoprire modelli che torneranno abbastanza regolarmente da essere in grado di prevedere il comportamento di future epidemie.

READ  Inquinamento: anche una breve esposizione può disturbare la percezione