Novembre 30, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Perché a Meghan può essere impedito di candidarsi alla presidenza degli Stati Uniti?

Gli esperti ritengono che a Meghan Markle potrebbe essere impedito di candidarsi alla presidenza degli Stati Uniti a causa di una regola costituzionale sconosciuta.

Gli esperti ritengono che a Meghan Markle potrebbe essere impedito di candidarsi alla presidenza degli Stati Uniti a causa del suo titolo reale.

Uno sconosciuto emendamento costituzionale fatto due secoli fa potrebbe bloccare qualsiasi tentativo Megan Finisce alla Casa Bianca, il Sole menzionato.

Sebbene la duchessa non abbia dichiarato pubblicamente il suo desiderio di candidarsi, i suoi biografi credono anche che sia “possibile … anzi probabile” che lo farà, con uno che afferma di essere “l’incarnazione del sogno americano”.

Nel frattempo, è stata recentemente criticata per Cold Call senatori repubblicani Sta anche facendo pressioni per il congedo parentale retribuito.

I politici dicono che si è presentata come la duchessa del Sussex e non sapeva come avesse ottenuto i loro numeri.

La mossa ha suscitato indignazione poiché i membri della famiglia reale sono sempre rimasti lontani dalle questioni politiche. La discussione sulle chiamate è continuata, con gli assistenti di palazzo che hanno avvertito che la duchessa stava “usando il suo titolo fuori contesto” e Piers Morgan che ha esortato la regina a revocare i titoli reali di Meghan.

Ora si sostiene che il suo titolo possa impedirle di cercare un lavoro in una posizione elevata, grazie a una regola poco conosciuta che è stata proposta per impedire al nipote di Napoleone di cercare il potere.

Gli esperti costituzionali hanno detto telegrafo Che nel 1810 fu proposto e approvato al Congresso un emendamento cruciale alla Costituzione.

Essa stabilisce che chiunque “accetta, rivendica, ottiene o conserva il titolo di nobiltà conferito da una potenza straniera” è escluso dal ricoprire una carica federale.

READ  Perché la variante Delta è un "punto di svolta" per la ripresa da Covid in tutto il mondo

L’emendamento è stato inviato alle singole legislazioni statali. Non ha dato abbastanza luce verde e l’emendamento non è mai stato approvato.

Ma neanche questo è mai stato buttato via, ed è in tavola da più di due secoli.

La decisione fu discussa dopo che Jerome sposò il fratello minore di Napoleone Bonaparte con la socialite americana Elizabeth Betsy Patterson.

Ciò ha portato a frenetiche speculazioni sul fatto che il loro figlio Jerome potesse candidarsi alla presidenza e che gli Stati Uniti sarebbero caduti nell’Impero francese.

Gli esperti hanno detto al quotidiano che se l’emendamento verrà ripreso, i 12 voti a favore probabilmente rimarranno.

Ciò significa che altri 26 stati dovranno votare per approvare l’emendamento da approvare.

John Kowal, che ha scritto un libro sulla storia degli emendamenti costituzionali, ha dichiarato: “Non ci vorrà molto perché le persone considerino questa come un’opportunità.

“Non sono a conoscenza di alcun precedente, in cui una persona che è nota pubblicamente e utilizza un titolo nobiliare di un altro paese si è candidato a una carica politica.

“Penso che sarebbe molto controverso.

“La Gran Bretagna ha una tradizione molto forte di tenere i membri della famiglia reale fuori dalla politica, quindi questo è probabilmente più invadente di qualsiasi cosa un membro della famiglia reale oserebbe fare in Gran Bretagna.

“Incontro con i senatori per fare pressioni per un disegno di legge – questo è per inserirsi nella politica americana”.

Allo stato attuale, Megan può candidarsi perché è una cittadina rinata.

“Ovviamente ha una politica progressista e quindi potrebbe essersi candidata come democratica, ma cosa accadrebbe se si fosse candidata come indipendente?” ha detto il signor Kowal.

READ  La madre di Boris Johnson, Charlotte Johnson Wahl, muore all'età di 79 anni

“Allora avresti democratici e repubblicani tutti desiderosi di impedirle di correre usando questo e potrebbe esserci un raro consenso bipartisan se correrà come indipendente”.

Gli esperti reali ritengono che la possibilità che Meghan si candidi alla presidenza non è inverosimile.

In una recente intervista, ha ammesso di aver chiamato i senatori anche se Harry e i reali hanno una regola di “non coinvolgimento”.

Francamente, non la vedo come una questione politica. “C’è certamente un precedente tra la famiglia di mio marito e la famiglia reale per non essere impegnata in politica”, ha detto.

Nella sua apparizione in Ellen DeGeneres, ha discusso di nuovo del congedo parentale retribuito e ha detto: “Farò tutto il possibile per assicurarci di poterlo implementare per le persone”.

Tom Bauer, che sta attualmente lavorando a una biografia non autorizzata della duchessa, ha dichiarato: più vicino Magazine: “La possibilità che Meghan si candidi alla presidenza è una possibilità, e penso anche che sia possibile. Penso davvero che sia lì che si vede diretta”.

Omid Scobie, coautore del libro Alla ricerca della libertàLa biografia con cui la duchessa ha collaborato diceva: “Meghan è l’incarnazione del sogno americano.

“Un giorno potremmo vedere Meghan diventare presidente”.

Un’amica ha detto a Vanity Fair che Meghan non voleva rinunciare alla sua cittadinanza americana “quindi aveva la possibilità di entrare in politica”, aggiungendo che avrebbe “considerato seriamente di candidarsi alla presidenza”.

Questa storia è apparsa originariamente il Sole Ripubblicato con permesso.

Leggi argomenti correlati:Meghan Markle