Luglio 4, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Per porre fine ai test di femminilità ai Giochi Olimpici scienza | notizie | il Sole

ilIl test è stato introdotto negli anni ’30 per escludere la presenza di “matematiche anormali”.

Negli anni ’60, quando le donne iniziarono a opporsi alle “passeggiate nude” imposte dai test, la risposta ufficiale non fu di annullarle, ma piuttosto di sostituire la pratica con l’analisi ormonale.

Femministe, atleti, genetica, etica e governi nazionali hanno protestato, ma è stato solo negli anni ’90 che l’International Amateur Athletics Federation (ora conosciuta come World Athletics) e il Comitato Olimpico Internazionale hanno terminato i test.

Piccola stampa

Ma questa decisione non durò a lungo. Nella sostanza di queste decisioni, gli organi di governo si sono riservati il ​​diritto di appellarsi al test delle donne ritenute “sospette”.

Dopo la vittoria del mezzofondista sudafricano Caster Semenya ai Mondiali del 2009 a Berlino, World Athletics e il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) hanno istituito un test “iperandrogeno” che determina quanto testosterone naturale una donna può ancora qualificarsi.

Nel 2014, la velocista indiana Dutee Chand è stata selezionata per questo test e sospesa perché stava finendo la sua preparazione per i Giochi del Commonwealth a Glasgow. Con l’aiuto degli accademici Payoshni Mitra e Katrina Karkazis, dell’Autorità sportiva indiana e degli avvocati di Toronto Jim Bunting e Carlos Sayao, Dutee Chand ha presentato ricorso alla Corte di arbitrato per lo sport (CAS), a volte indicata come la Corte suprema dello sport internazionale . Lei vinse.

Il CAS ha annullato il commento di Chand e la politica stessa, sostenendo che le prove scientifiche presentate dal corpo atletico non erano convincenti. Il CIO ha annullato il test e Chand e Semenya hanno gareggiato alle Olimpiadi di Rio. Nel 2016, Semenya ha nuovamente trionfato nella gara degli 800 metri.

READ  Le api sono questi insetti giganti

protezione a breve termine

Tuttavia, l’ottimismo sul fatto che il CAS si sarebbe rivelato un efficace protettore dei diritti delle donne è stato di breve durata. Nel 2018, World Athletics ha imposto una soglia rivista di cinque nanomoli di testosterone naturale per i cinque eventi che caratterizzavano le gare di Semenya – che vanno da 400 m a 1,6 km – e li ha rapidamente sospesi. Anche lei si è appellata al tribunale per il gratuito patrocinio, adducendo i motivi della violazione dei suoi diritti fondamentali di donna.

Semenya ha fornito ampie prove del fatto che i test hanno indotto molte altre donne a smettere di praticare sport, a subire il furto dei loro mezzi di sussistenza, a subire scherni e molestie e, in alcuni casi estremi, a costringerle a subire abusi fisici, inclusi interventi medici non necessari e irreversibili, compreso un intervento chirurgico. La maggior parte degli atleti coinvolti proveniva dai paesi del sud.

È stato un fallimento. Sebbene la Corte di arbitrato per lo sport abbia riconosciuto che i nuovi regolamenti sono discriminatori, ha affermato che i diritti umani sono al di fuori delle sue competenze.

Da allora Semenya ha fatto appello alla Corte europea dei diritti dell’uomo, ma nessuna sentenza è stata resa pubblica.

La decisione di World Athletics significa che Semenya può competere nei 5.000 metri senza doversi sottoporre a un trattamento per abbassare il testosterone naturale. Nonostante fosse l’attuale campionessa sudafricana dei 5000 m, non è stata in grado di soddisfare lo standard di qualificazione olimpica. Ciò significa che non parteciperà ai Giochi di Tokyo.