Novembre 30, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Pecorino d’Abruzzo – Il prossimo grande vino bianco italiano

Se chiedo a un gruppo di consumatori cosa pensano del pecorino, mi diranno quanto apprezzano questo formaggio. Ma se chiedo loro se gli piace l’alcol, mi guardano in modo strano.

Dato che il Pecorino è diventato un vino di riferimento negli ultimi sei anni, soprattutto da direttori di vino e sommelier di ristoranti raffinati, potrebbe non essere così nel prossimo futuro. Chiaramente, queste persone – molte delle quali sono alla ricerca di qualcosa di nuovo e di tendenza – sono attratte dai sapori unici del Pecorino, che tendono ad offrire sapori di arancia, frutti tropicali e sentori di erbe verdi con aromi di fiori gialli; Questo è l’opposto di molti vini bianchi italiani caratterizzati da aromi di limone, mela, pera e melone.

L’uva pecorino prende il nome dal fatto che i pastori mangiavano parte di quest’uva quando maturavano a settembre quando portavano le loro pecore attraverso l’Abruzzo; Come ricompensa per il consumo di quest’uva, ai viticoltori viene data una fetta di pecorino. Vero o no, è una bella storia e aggiunge fascino a questo vino. Viene coltivato anche in altre regioni italiane – anche le Marche sono un’area importante per il Pecorino – ma l’Abruzzo è diventato una patria d’eccellenza per la varietà.

La maggior parte delle versioni di pecorino abruzzese sono fermentate e affinate in vasche di acciaio o cemento; Cattura l’affascinante aroma fruttato della varietà. Si tratta di vini che solitamente vengono immessi sul mercato dopo 8-10 mesi dalla vendemmia. Per i migliori esempi, possono essere gustati da cinque a sette anni dopo la data di raccolta. Questi vini spesso esibiscono mineralità o sapore nel loro finale, rendendoli partner meravigliosi per la maggior parte dei frutti di mare o del pollame. Produttori consigliati inclusi Massarosa, FossoCarno, Golfrizio, Siavolich, Cirelli E Emidio Pepe; Quest’ultimo produttore, meglio conosciuto per il suo Trebbiano d’Abruzzo, ha aggiunto il Pecorino al proprio portafoglio negli ultimi anni.

Recentemente, alcuni produttori abruzzesi che vogliono esplorare maggiori possibilità con il Pecorino (così come altre varietà locali come Trebbiano e Montepulciano) hanno iniziato a imbottigliare il loro Pecorino in anfora (plurale, anfore). Si tratta solitamente di vasi in terracotta originari della Georgia circa 5000 anni fa; Oggi c’è un notevole rinascimento dei fabbricanti di anfore da cantina in molte regioni d’Italia.

Tra i produttori abruzzesi che producono pecorino in anfora ci sono: Vin e Adriano, Siavolich E Cirelli. In quest’ultimo giardino, Francesco Cirelli è incuriosito dall’anfora in cantina; “È un contenitore neutro che esalta il vero sapore dell’uva.” Fermentato e invecchiato in serbatoi di acciaio inossidabile, la sua versione Amphora è più ricca dell’altro suo esempio, poiché l’offerta Amphora ha un colore più profondo, oltre a una consistenza più ricca e mostra una maggiore complessità rispetto alla versione invecchiata in acciaio. È una selvaggina leggera e abbastanza buona da portare un arrosto di maiale o una lombata di vitello e si beve bene per almeno otto-dieci anni.

Ecco alcuni consigli su alcune delle versioni più consigliate del pecorino abruzzese:

Emidio Pepe Pecorino 2019 — Nuvoloso, giallo medio intenso; Aromi di papaya, pompelmo e melone con una spiccata affumicatura. Molto ricco al palato, ottima acidità, grande complessità e un finale potente. Un altro anno in bottiglia contribuirà a completare questo vino; Picco in 5-7 anni. (92)

Francesco Cirelli – Pecorino “La Colina Biologica” 2021 – Francesco Cirelli ha due linee di vino; Uno è trattato in anfora, questo, La Colina Biologica da uve biologiche. Fermentato e affinato in acciaio inox. brillante, giallo medio; Aromi di fiori d’arancio, tè verde e papaya. C’è corpo medio, palato medio stratificato, buona acidità, buona consistenza, bel contrasto e notevole freschezza. Relativamente semplice, ma Cirelli ha prodotto un vino elegante che ha una struttura impressionante. Goditi i prossimi 2-4 anni. (91)

Pecorino Abruzzese 2019 – Questo è un Pecorino in anfora di Cirelli. Giallo carico, di media intensità con riflessi dorati; Aromi di crema pasticcera al limone, crema al burro e fiori gialli secchi. medio corpo, bocca mediamente ricca, buona acidità e notevole persistenza; Il finale mostra sentori di scorza di limone e scorza d’arancia. Ecco una crema deliziosa e la complessità è di prima classe. Interessante ora, ma mostrerà più carattere nei prossimi anni, raggiungendo un picco tra 7-10 anni. (93)

Chiavolich Pegorino “Ariete” 2021 Questa è una versione di Pecorino invecchiato in acciaio di Ciavolich, uno dei migliori produttori del piccolo villaggio di Loreto Aprudino. giallo medio intenso; Aromi di albicocca, olio di beuzal e ananas. Medio-pieno, mostra note di frutta tropicale matura e lussureggiante, una morbida cremosità a metà palato, ottima acidità e notevole persistenza. Nonostante sia molto giovane, la complessità è interessante e presenta note minerali con sentori di buccia d’arancia e pompelmo. Accessibile ora, ma fornirà sicuramente maggiore complessità in altri 2-4 anni, con un picco in 5-8 anni, forse più a lungo. (92)

Ciavolich Pecorino “Foso Cancelli” 2018 – Questo è un pecorino in anfora di Ciavolich. Giallo dorato intenso di media intensità; Aromi di pesca gialla, nettarina, miele e papavero dorato. Di medio corpo con un palato medio ricco e stratificato. C’è un’acidità molto buona, un’ottima consistenza, una piacevole cremosità, un contrasto molto impressionante e una grande complessità. Questo è un Pecorino molto caratteristico, dalle sfumature fini e dalla notevole ricchezza; Il finale ha sentori di pera e olio di semi di girasole. Felice ora, si svilupperà bene nei prossimi 5-7 anni, forse più a lungo. (95)

READ  Si è trasferito a Bruxelles Barry e ha trovato un'altra Italia - Politico