Giugno 13, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Pechino e gli Stati Uniti spingono il Vietnam a “sostenere il vincitore” nella battaglia del Mar Cinese Meridionale

Il Vietnam ha combattuto una guerra con la Cina ma non è amico degli Stati Uniti. Ora stanno entrambi cercando di convincere il Vietnam a “sostenere il vincitore” e decidere il futuro del Mar Cinese Meridionale.

È l’unico paese del sud-est asiatico che ha resistito a Pechino, avendo resistito a tutto, da Huawei e la diga cinese del fiume Mekong alla pesca e ai diritti di esplorazione al largo delle sue coste.

Nonostante il “massimo sforzo diplomatico” di Washington – comprese le visite del suo consigliere per la sicurezza nazionale e segretario di Stato – Hanoi è rimasta ferma nella sua determinazione a rimanere “imparziale”.

Ma questo non ha impedito al paese comunista di 97 milioni di diventare un punto focale nella rivalità tra grandi potenze.

Relazionato: La fine della stabilità: l’escalation del confronto con la Cina

È il vicino più prossimo della Cina nel Mar Cinese Meridionale, la regione più contesa al mondo.

Sebbene l’esercito cinese possa essere in gran parte obsoleto, il Vietnam ha costantemente rafforzato le difese dell’isola di fronte da una guerra breve ma brutale nel 1979.

Questo fa di Hanoi una potenza regionale.

Ne fa un “ostacolo” necessario se Pechino intende affermare militarmente le sue radicali richieste.

Ma se i vicini in difficoltà raggiungono una qualche forma di soluzione “reciprocamente vantaggiosa”, l’equilibrio del potere nella regione potrebbe essere irreversibilmente inclinato in Cina.

I vicini sono preoccupati

Nell’aprile dello scorso anno, una nave della guardia costiera cinese ha affondato un peschereccio vietnamita vicino alle contese Isole Paracel. Una nave perforatrice cinese è stata inviata nella zona economica esclusiva del Vietnam. E Pechino ha emesso un auto-decreto di nuove regioni amministrative sulle zone di pesca che Hanoi considera proprie.

READ  Il primo ministro del Nepal affronta un voto di sfiducia nella nazione che "guarda nell'abisso di Covid"

Relazionato: “Chicken”: un pericoloso incontro in mare

Poi, nel gennaio di quest’anno, il tour ad alto livello del ministro degli Esteri cinese nei paesi dell’ASEAN ha chiaramente trascurato il Vietnam.

Il Vietnam non è uno spettatore innocente. Come la Cina, rivendica zone di pesca “tradizionali” più lontane dalle sue coste, ma a differenza della Cina, afferma di voler risolvere tali controversie in base al diritto internazionale dei mari. Ma le loro flotte pescherecce – come le flotte pescherecce cinesi – stanno lottando.

L’acqua domestica vietnamita è stata sfruttata eccessivamente. I pescatori viaggiano sempre più lontano, attraversando le acque cinesi intorno all’isola di Hainan e spingendosi più in profondità nel territorio malese.

L’anno scorso, le autorità malesi hanno arrestato circa 141 pescatori vietnamiti. Il mese scorso, Vietnam e Malaysia hanno concordato un accordo reciproco sulla sicurezza marittima per contrastare la pesca illegale e potenziare gli sforzi congiunti di ricerca e salvataggio.

Ma il Vietnam ha preso spunto dal libro della Cina creando la sua “milizia di caccia”, con l’obiettivo di “proteggere la sovranità e lo sviluppo economico”.

Un attore riluttante

Nel 2019, il comandante del Comando indo-pacifico degli Stati Uniti ha visitato il Vietnam per la prima volta. Poi, quando il virus Corona ha iniziato la sua rapida marcia in tutto il mondo, la USS Theodore Roosevelt e le sue scorte hanno attraccato l’anno scorso nella città vietnamita di Danang.

Non si tratta solo di migliorare le relazioni tra Hanoi e Washington all’indomani della guerra del Vietnam.

Con le tensioni internazionali nel sud-est asiatico che si avvicinano al punto di ebollizione, la posizione pacatamente definita del Vietnam potrebbe essere la chiave per l’equilibrio del potere.

READ  Diversi siti di notizie australiani internazionali sono inattivi tra cui BBC, New York Times, SMH, Age

Gli Stati Uniti erano ansiosi di rafforzare i legami militari.

Ha invitato due volte la piccola marina vietnamita a partecipare al RIMPAC. Ha anche donato un pezzo alla Guardia Costiera per migliorare le capacità della polizia ad Hanoi.

Ma il Vietnam mostra poco interesse a schierarsi.

Relazionato: “Isolamento”: la Cina si è vantata dell’imminente guerra

“ Mentre il delicato atto di bilanciamento del Vietnam è abbastanza prevedibile, è nondimeno deludente per Washington, e dovrebbe temperare le valutazioni degli Stati Uniti su quanto sia disposta Hanoi a svolgere un ruolo nella strategia degli Stati Uniti per l’Indo-Pacifico per mantenere la regione libera e aperta ‘, L’analista della difesa Derek Grossman ha scritto in RAND “From Chinese Coercion”.

Nonostante le ripetute provocazioni, il Vietnam è rimasto saldo.

Ha inviato i suoi diplomatici a Pechino in segno di protesta, esprimendo opinioni dissenzienti attraverso i media controllati dallo stato e sollevando ufficialmente le sue preoccupazioni attraverso il Consiglio locale degli Stati – ASEAN.

Poi, nel giugno dello scorso anno, il Vietnam ha guidato il vertice dell’ASEAN a rilasciare una dichiarazione in cui si chiede la piena conformità della Cina alla Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (UNCLOS).

Ma le speranze occidentali che questo indicasse che il Vietnam era finalmente pronto a scegliere tra le due parti svanirono rapidamente.

I tre “no”

Quando l’allora Segretario alla Difesa degli Stati Uniti James Mattis ha visitato il Vietnam nel 2018, ha dichiarato i due paesi “partner affini”. Ma da allora le relazioni non sono progredite in modo significativo.

Questo non è sorprendente, ha detto Grossman. “Da quando l’Unione Sovietica ha abbandonato la sua alleanza con il Vietnam per riparare le relazioni con la Cina nel 1986, Hanoi è stata ferma per decenni per evitare che si ripetesse l’errore di allearsi tra una superpotenza e l’altra”.

READ  Ecco cosa sappiamo dell'accordo infrastrutturale bipartisan

Il Vietnam ha formalizzato questa posizione nel 1998 quando ha adottato la politica dei “tre no”: nessuna alleanza militare, nessun allineamento di stati contro un altro e nessuna base militare straniera sul suolo vietnamita.

Non è una politica facile da attuare.

Grossman ha osservato che “la recente insistenza cinese contro il Vietnam … ha probabilmente costretto i leader vietnamiti a rivedere le loro opzioni” militanti “contro la Cina.

Ma ha aggiunto che probabilmente non implicherebbe la cooperazione militare o della guardia costiera.

Washington dovrebbe aspettarsi che il Vietnam continui a cercare un equilibrio tra la vicina Cina, che ha un vantaggio economico e militare su di essa, e gli Stati Uniti, che possono aiutare a compensare il potere cinese. Ma, finora, Hanoi non è fondamentalmente disposta a rischiare la “cooperazione” con Pechino stabilendo legami di sicurezza più stretti con Washington.

Jimmy Seidel è uno scrittore freelance Incorpora un Tweet