Luglio 1, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Pauline Hanson di One Nation vince il seggio al Senato del Queensland, estromettendo Amanda Stoker

Pauline Hanson ha mantenuto il suo seggio al Senato per un altro mandato, poiché la Commissione elettorale australiana (AEC) ha annunciato ufficialmente di essere arrivata quinta nella gara del Senato del Queensland.

Anthony Chisholm del Labour avrebbe dovuto finire quinto, ma Hanson lo ha saltato per metterlo sesto e ultimo.

Ciò significa che la senatrice del Partito Nazionale Liberale Amanda Stocker ha perso il suo seggio.

Il senatore Hanson, 68 anni, è stato eletto per un secondo mandato di sei anni, dopo essere entrato al Senato come candidato per uno stato nel 2016.

Il senatore Stocker è fuori carica dopo essere stato nominato al Senato dal Partito Nazionale Liberale nel 2018 quando George Brandes si è dimesso.

Hanson, che in precedenza rappresentava Oxley alla Camera dei rappresentanti, a ovest di Brisbane, ha ricevuto 191.156 voti di prima preferenza.

Come partito, One Nation ha rilevato poco più della metà dell’importo necessario per acquisire una partecipazione nel Queensland.

Amanda Stoker si guarda al suo fianco mentre partecipa a una commissione parlamentare
Il vice procuratore generale Amanda Stoker alle stime del Senato il 25 ottobre 2021.(Notizie ABC: Ian Catmore)

Con la signora Stalker che ha perso il suo seggio, il tradizionale Senato del Queensland composto da tre da destra e tre da sinistra è stato ripristinato.

L’avvocato di Brisbane ha lavorato nel diritto societario prima di entrare a far parte del Senato nel 2018, dove è diventata una schietta sostenitrice del disegno di legge sulla discriminazione religiosa del suo governo.

La madre di tre figli ha lavorato come viceministro per gli affari femminili e le relazioni industriali e procuratore generale mentre ricopriva l’incarico.

Mentre l’AEC ha ufficialmente annunciato oggi i vincitori del Queensland, il calcolatore elettorale della ABC ha già chiamato cinque posti su sei.

In una dichiarazione, Pauline Hanson ha ringraziato i suoi sostenitori.

“Ringrazio il popolo del Queensland per avermi incaricato di continuare la loro rappresentanza a Canberra e ringrazio tutti gli australiani che hanno sostenuto il nostro partito e sollevato il nostro voto nazionale”, ha detto.

“Mi congratulo con l’onorevole Albanese per la vittoria del Partito Laburista. In passato ho detto che potrebbe non essere un buon presidente del Consiglio, ma spero sinceramente che mi dimostri che mi sbaglio.

“Gli australiani hanno bisogno di una rappresentanza che metta loro e il loro paese al primo posto più che mai”, ha detto.

“Il costo della vita è alle stelle. Abbiamo una crisi energetica creata dai grandi partiti di cui One Nation mette in guardia da molti anni.

“Siamo nel mezzo di una crisi abitativa. Abbiamo grandi sfide per la sicurezza.

Murray Watt e Anthony Chisholm del Labour sono stati rieletti, insieme a James McGrath del National Liberal Party e Matt Canavan.

Anche Benny Allman Payne dei Verdi ha vinto un posto.

Ci sono sei seggi al Senato che possono essere presi in ogni stato in ogni elezione federale

L’annuncio ufficiale del risultato diffuso oggi dalla Commissione elettorale statunitense conferma che Cliff Palmer dello United Australia Party non è riuscito a conquistare un seggio.

Il “passo indietro” di una nazione: Anthony Greene

Nonostante la vittoria del senatore Hanson, il capo analista elettorale della ABC Anthony Greene ha detto a ABC Radio Brisbane che queste elezioni sono state un “passo indietro” per una nazione.

“One Nation non ha fatto i sondaggi come pensavo – ha appena ottenuto il 7%, ho pensato che avrebbe funzionato meglio”, ha detto.

Sebbene il senatore Hanson abbia affermato che una nazione “ha sollevato il nostro voto nazionale”, Green ha affermato che “non ha avuto il successo delle ultime elezioni”.

Ha detto: “Mentre il voto di ‘una nazione’ è aumentato alla Camera dei rappresentanti, hanno avanzato tre volte il numero di candidati, motivo per cui i loro voti sono aumentati nei seggi per cui hanno gareggiato”.

pubblicato E il aggiornato

READ  La casa del presidente del Kazakistan è in fiamme mentre le proteste si intensificano e la polizia si scontra con i manifestanti