Agosto 12, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Paul Wiltshire di Songtradr è entusiasta della crescita, nonostante le sfide

Paul Wiltshire, amministratore delegato di Australian Music, crede che il mondo della musica stia vivendo una rinascita, ma molte opportunità sono limitate perché inefficace e iperprotettivo.

Wiltshire è l’amministratore delegato di Los Angeles Licenze di contenuti e società di servizi Songtradr.

Fin dall’inizio, le strategie di crescita e opportunità del Wiltshire si sono basate sui cambiamenti delle tendenze all’interno della comunità dei creatori e sulla tecnologia più recente per rendere tutto questo senza soluzione di continuità.

Ha permesso a Songtradr di espandersi negli ultimi due anni, dando forma alla sua visione per la nuova era.

D: Il Covid ha messo sottosopra l’industria musicale. Mentre molte aziende hanno dormito durante la pandemia, Songtradr sembra aver raddoppiato i suoi piani di crescita. Cosa ti ha motivato in questi tempi “senza precedenti”?

PW: “Abbiamo visto una chiara tendenza durante i blocchi di Covid in cui i creatori di musica sono incoraggiati a dedicare più tempo alla creazione e a concentrarsi sulla monetizzazione digitale.

“Dal punto di vista di Songtradr, dopo l’interruzione iniziale del passaggio della nostra azienda al lavoro a distanza, ci siamo concentrati sul perseguimento dei nostri obiettivi e fortunatamente ci siamo adattati con successo alla vita lavorativa a distanza.

“So che per i miei compagni residenti a Los Angeles, meno tempo per spostarsi da e verso l’ufficio significa più tempo per l’equilibrio tra lavoro e vita privata, quindi semmai questo ha avuto un impatto positivo.

“Gli ultimi due anni sono stati un periodo straordinario; dal punto di vista della dipendenza dalla tecnologia, il mondo è avanzato di almeno cinque anni in due anni.

“In termini di motivazione, siamo ossessionati dalla democratizzazione delle licenze musicali e della gestione dei diritti digitali.

“L’industria musicale sta vivendo una rinascita, ma molte opportunità sono limitate dalla mancanza di innovazione e interoperabilità combinate con una cultura del protezionismo che sta portando a problemi di dati e inefficienze a livello di settore, in particolare nell’area B2B in cui ci concentriamo”.

D: Abbiamo sentito che stavi parlando del “rinascimento delle licenze musicali”. Come è successo e qual è l’opportunità per gli artisti e le loro squadre?

PW: “La musica è sempre stata al centro della cultura e definisce l’esperienza umana in modo unico e universale.

READ  Il trailer di League of Legends anticipa Star Guardian

“Con la continua diffusione delle tecnologie di consumo, questa esperienza umana si espande e diventa sempre più sofisticata.

“La world music è ora disponibile con un clic e grazie a tecnologie di ricerca e raccomandazione migliorate, gli artisti possono trovare opportunità per scoprire e connettersi con il pubblico su molte piattaforme ed esperienze diverse.

Da innovatori come TikTok e l’ormai mainstream Netflix, a piattaforme come Robolox, Discord e app per la salute alle tecnologie emergenti nel Metaverso, l’opportunità si sta espandendo.

“Tutti si affidano alla musica per approfondire e personalizzare l’esperienza dell’utente, creando nuove opportunità per i creatori di musica e i titolari dei diritti di connettersi con il pubblico”.

D: Il modo in cui la musica viene concessa in licenza è cambiato, in gran parte grazie alla tecnologia. Che aspetto ha il processo ora e come sarà tra cinque anni?

PW: “Stiamo vedendo l’industria aprirsi sempre di più alla tecnologia per rendere tutto più efficiente. Ne ha davvero bisogno.

“La tecnologia ha creato una crescente domanda di musica e l’industria sta lottando per tenere il passo in particolare dal punto di vista dei dati.

Songtradr si concentra sullo sviluppo di strumenti di attrito per le licenze sia per il licenziatario che per il licenziante e in particolare per le piattaforme digitali.

“Ci avviciniamo a questo in modo completo da due punti di vista, ciò che i creatori di musica e i titolari dei diritti vogliono e hanno bisogno e come gli utenti di musica ottengono il massimo valore dalla musica che usano.

“Il nostro compito è proteggere il valore della musica nel processo perché noi (e il resto dell’industria musicale) non vogliamo un futuro in cui la musica sia mercificata in modo che le transazioni di licenza musicale siano ridotte a un centesimo.

In alcuni casi, l’accesso in abbonamento alla musica in bundle è perfetto soprattutto per una comunità di singoli creatori che sono interamente condizionati dall’accesso alla musica in abbonamento.

“In futuro, tutte le licenze musicali saranno agevolate utilizzando la tecnologia e non intendo lunghe trattative tramite e-mail e telefono.

READ  Raven conferma che la mappa Verdansk originale per Call of Duty Warzone non tornerà mai più

“Il modo in cui il settore opera attualmente è inefficiente e iperprotettivo. La tecnologia può sostituire l’efficienza e proteggere il valore, aumentare la capacità e sbloccare più valore, e questo è inevitabile”.

D: Songtradr si è sviluppato a un ritmo eccezionale negli ultimi due anni, con una serie di importanti nuove assunzioni, partnership e persino acquisizioni. Quali sono le aree di attività con le migliori prestazioni in questo momento?

PW: La nostra attività principale è la gestione delle licenze e dei diritti digitali. Con la licenza, adottiamo una visione segmentata suddividendola in tre gruppi principali ed esperienze utente.

“(a) Creator: creatori di contenuti che utilizzano piattaforme come YouTube e trasferiscono contenuti per trasmettere contenuti;

“(B) Piccole e Medie Imprese – Piccole e Medie Imprese che utilizzano la musica per scopi commerciali;

(c) “Impresa – grandi marchi e piattaforme (pubblicità, giochi, televisione/film, piattaforme digitali).

“La maggior parte della nostra attività sono i clienti aziendali perché lavoriamo con molti dei più grandi marchi del mondo.

“Abbiamo uffici nelle Americhe, in Europa, in Asia e in Australia e siamo unici nel fornire una soluzione completa per i principali marchi che vanno dal branding audio, alla configurazione personalizzata, alle licenze musicali globali, alla gestione dei diritti e una piattaforma tecnologica completa al ROI sulla spesa musicale , gestendo e monitorando l’utilizzo della musica con informazioni dettagliate sui dati”.

“Abbiamo intenzionalmente costruito la nostra impronta globale concentrandoci sull’approvvigionamento del business della massima qualità in aree chiave specializzate nell’approvvigionamento di musica per i principali marchi, tra cui Song Zu, Big Sync Music, MassiveMusic e oggi siamo il più grande marchio musicale al mondo.

“Abbiamo anche lavorato per sviluppare esperienze utente uniche per creatori e live streamer (pretzel.rocks) insieme a soluzioni DRM per i titolari dei diritti per garantire una migliore raccolta di royalty da piattaforme come YouTube”.

D: Non vedi l’ora di altre partnership e acquisizioni? Se la risposta è sì, cosa stai cercando?

PW: “C’è molto da sistemare nell’industria musicale dal punto di vista B2B.

(Includono) scarsi problemi di dati e mancanza di interoperabilità tra l’industria musicale più ampia in termini di utilizzo e segnalazione dei diritti di proprietà alle significative barriere all’ingresso che le nuove piattaforme digitali devono affrontare se vogliono utilizzare la musica come parte di qualsiasi esperienza utente.

READ  Rivelato il lifting delle BMW X3 e X4 del 2022, il cui lancio è previsto in Australia alla fine del 2021 - aggiornamento

“Il nostro obiettivo è fornire soluzioni che sblocchino e aumentino il valore della musica e guardiamo a fusioni, acquisizioni e partnership strategiche per accelerare la nostra missione.

“Stiamo cercando opportunità che aumentino la nostra base clienti di licenze aziendali, quindi stiamo concedendo in licenza più musica e tecnologie che espandano il nostro portafoglio esistente per soddisfare i nostri obiettivi a lungo termine di fornire una soluzione DRM completa (fornitura di musica, diritti, dati e diritti di proprietà management) per entrambi i lati del nostro mercato. e tecnologie di intelligenza artificiale/dati che aumentano la nostra capacità di scalare e segnalare come la musica viene consigliata/abbinata a un marchio o a un contenuto (ricerca musicale).”

D: Oltre alla rinascita delle licenze musicali, c’è un boom nelle vendite di cataloghi. Cosa ne pensi di questo, e gli artisti con abbastanza canzoni da raggiungere il picco dell’interesse degli acquirenti dovrebbero stare attenti a “vendere” la loro musica?

PW: “L’investimento che arriva nell’industria musicale dall’industria finanziaria è una cosa molto positiva.

Solo negli ultimi tre anni, sono stati versati oltre 12 miliardi di dollari per acquisire diritti musicali e valutazioni discografiche.

“Di conseguenza, la musica nel suo insieme è intrinsecamente più preziosa.

“La decisione di vendere è inevitabilmente una decisione personale del titolare dei diritti anche se non c’è mai stato un momento migliore per vendere.

“Dal punto di vista della licenza, penso che l’unica cosa che i titolari dei diritti debbano considerare attentamente è che è probabile che perdano il controllo su come viene utilizzata la loro musica una volta venduta.

“La musica sta diventando sempre più commercializzata e mercificata poiché ci sono sempre più ambienti che utilizzano la musica.

“I grandi marchi in particolare stanno sfruttando più che mai il potere della musica per connettersi con i propri clienti.

“Gli investitori musicali sono costretti a cercare ogni opportunità per aumentare il ritorno sul loro investimento, e quindi prenderanno in considerazione ogni opportunità di business che aumenta tale ritorno”.