Dicembre 5, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Paul Keating critica Quad e G7 per non aver incluso la Cina e sollecita il governo a ritirarsi dall’accordo di sicurezza AUKUS

Un ex primo ministro ha chiesto al governo albanese di ritirarsi dall’accordo di sicurezza AUKUS perché gli Stati Uniti sono “eccezionalmente grati” ai loro fedeli alleati.

Paul Keating – che ha servito come leader dell’Australia dal 1991 al 1996 – è apparso alla La Trobe University di Melbourne mercoledì sera dove ha notato che “sarebbe una tragedia per l’Australia” se i Laburisti portassero avanti la partnership.

AUKUS – un accordo di sicurezza tripartito firmato con Stati Uniti e Regno Unito nel settembre 2021 sotto il precedente governo Morrison – vedrà l’Australia cooperare con i paesi per acquisire almeno otto sottomarini a propulsione nucleare.

Entra di più nella politica con Flash. Più di 25 canali di notizie in un unico luogo. Nuovo su Flash? Prova 1 mese gratis. L’offerta scade il 31 ottobre 2022

Ma Keating ha avvertito che “non era intelligente” che l’Australia fosse “di proprietà degli Stati Uniti” e ha sostenuto che i laburisti avrebbero dovuto consultarsi con lui prima di sostenere la mossa della coalizione.

“Il partito laburista di opposizione avrebbe dovuto dire… ci penseremo. Invece ci hanno provato”, ha affermato il quotidiano australiano The Australian.

“Quella mattina ne ho sentito parlare presto e ho rilasciato una dichiarazione dicendo che mi oppongo e credo che si sottometterà alla nostra sovranità.

“Il partito laburista potrebbe avermi notato a questo punto. Non mi hanno prestato attenzione, non ho parlato con nessuno e ovviamente si sono iscritti”.

Keating ha quindi criticato gli Stati Uniti, che ha detto non “grati” per i contributi globali dell’Australia e ha fatto riferimento all’Asian Economic Cooperation Group.

“Questo è venuto dalla politica estera australiana… questo è il mio regalo personale agli Stati Uniti. Non ti ringrazieranno mai”, ha aggiunto il 78enne.

READ  Vladimir Putin offre la cittadinanza veloce a tutti gli ucraini

“Gli Stati Uniti sono eccezionalmente ingrati nei confronti delle persone che (lo hanno sostenuto) per tutta la vita. Io sono uno di loro. Per due decenni all’interno del Partito Laburista … gli Stati Uniti hanno sostenuto contro quella che allora era una sinistra filo-comunista”.

L’ex leader sindacale ha anche ridicolizzato il dialogo quadripartito sulla sicurezza con Stati Uniti, Giappone e India, nonché il Gruppo dei Sette (G7) delle economie più “avanzate” del mondo per non aver incluso la Cina tra i suoi membri.

Il Quartetto si concentra sull’affrontare questioni come le questioni economiche e sanitarie, compresa la sicurezza, con l’influenza della Cina nell’Indo-Pacifico al centro del dibattito durante l’incontro dei leader in Giappone a maggio dopo l’elezione di Anthony Albanese.

Ma il signor Keating ha affermato che il dialogo era “una sciocchezza strategica” e che l’Australia “non dovrebbe essere al limite” con altri paesi “per cercare di contenere la Cina”.

Poi l’ex primo ministro ha sottolineato che la Cina è uno dei paesi più potenti e influenti al mondo, e Pechino può raggiungere la “stabilità” come ha fatto in Asia.

“Gli Stati Uniti possono gestire il mondo in cooperazione con la Cina. In altre parole, gli Stati Uniti stanno rafforzando l’Atlantico, che include la Russia in Europa, e ad est, i cinesi forniscono stabilità”, ha affermato.

“E questo modello sarà, credo, utile per il mondo intero, perché i cinesi non stanno cercando di ribaltare il sistema attuale. Mettiamolo in chiaro: la Cina non è l’Unione Sovietica. Non è un’esportazione ideologica”.

Albanese ha detto lo scorso novembre di non essere d’accordo con i commenti di Keating dopo aver affermato che Pechino era “nella fase adolescenziale della sua diplomazia” e aveva “testosterone ovunque” e Canberra non aveva altra scelta che lavorare con la Cina.

READ  La regina si torce la schiena e si ritira dal servizio funebre

Il primo ministro ha affermato che la Cina sta diventando “più lungimirante”.

“La Cina ha cambiato posizione – questa è la verità”, ha detto Albanese.

“Si stanno sporgendo molto di più in avanti. L’Australia ha ragione a parlare dei nostri valori. La Cina è un Paese che è cambiato in termini di atteggiamento nei confronti delle importazioni australiane, ad esempio, e le aziende australiane stanno soffrendo”.