Maggio 20, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Partito repubblicano chiama attacco 6 gennaio ‘discorso politico legittimo’ | repubblicani

Con una mossa straordinaria, il partito repubblicano ha ufficialmente affermato che il tentativo di Donald Trump di ribaltare la sconfitta elettorale del 2020 e l’attacco mortale al Campidoglio degli Stati Uniti erano “discorso politico legittimo”.

Un importante democratico nella commissione della Camera che indaga sull’insurrezione del 6 gennaio ha detto che gli storici sarebbero “inorriditi”.

La mossa del Comitato nazionale repubblicano (RNC) è arrivata venerdì alle riunioni invernali a Salt Lake City, come parte della censura formale di Liz Cheney del Wyoming e Adam Kinzinger dell’Illinois, l’unico repubblicani nel pannello del 6 gennaio.

UN risoluzione approvato all’unanimità, ha affermato che Cheney e Kinzinger erano coinvolti nella “persecuzione dei cittadini comuni coinvolti in discorsi politici legittimi”.

Il 6 gennaio 2021, due settimane prima dell’inaugurazione di Joe Biden, il Campidoglio degli Stati Uniti a Washington è stato attaccato dai sostenitori di Trump a cui l’ex presidente aveva detto di “combattere a morte” al servizio della sua menzogna secondo cui la sua sconfitta era il risultato di elezioni elettorali frode.

La bandiera della battaglia confederata è stata portata nelle sale del Congresso. I rivoltosi hanno imbrattato le feci sui muri. La proprietà è stata rubata, le finestre rotte. I membri del Congresso furono portati in salvo. Alcuni rivoltosi hanno cercato i legislatori di catturare e possibilmente uccidere. Alcuni hanno gridato per l’impiccagione di Mike Pence, il vicepresidente di Trump che ha resistito alle pressioni per rifiutarsi di certificare i risultati del college elettorale.

Sette persone morto. Più di 100 agenti di polizia sono rimasti feriti. Più di 700 persone sono state denunciate. Undici membri di una milizia di estrema destra affrontano accuse di associazione sediziosa.

Steve Bannon, uno stretto consigliere di Trump, lo ha fatto dichiarato non colpevole al disprezzo criminale del Congresso. Mark Meadows, capo di gabinetto della Casa Bianca di Trump, potrebbe subire la stessa sanzione.

Trump lo era accusato di incitamento all’insurrezione ma assolto dai senatori repubblicani. Ha ripetutamente promesso la grazia per i rivoltosi del 6 gennaio se sarà di nuovo presidente. Ha apertamente dichiarato che il suo obiettivo era quello di “rovesciare” le elezioni.

Continuano ad arrivare rivelazioni sul suo coinvolgimento negli eventi prima e del 6 gennaio.

Venerdì, il Guardian rivelato che Trump ha esaminato personalmente un progetto di ordine esecutivo relativo al sequestro di macchine per il voto negli stati chiave e si è avvicinato all’approvazione della nomina di Sidney Powell, avvocato e teorico della cospirazione, come consulente speciale per indagare sulle frodi elettorali.

CNN, nel frattempo, segnalato che Trump ha parlato per 10 minuti la mattina del 6 gennaio con Jim Jordan dell’Ohio, uno dei principali alleati della Camera.

Quello che Jordan sapeva dell’attacco al Campidoglio e quando lo seppe rimane una parte centrale dell’indagine della Camera. La Giordania ha rifiutato di collaborare. Molti si aspettano che svolga un ruolo di primo piano nelle mosse di vendetta se i repubblicani riprendessero la Camera nelle elezioni di medio termine di novembre.

Newt Gingrich, ex presidente della Camera e candidato per la nomina presidenziale, ora consiglia ai leader repubblicani, ha detto il partito potrebbe cercare di incarcerare i membri del comitato del 6 gennaio.

Alcuni repubblicani dell’establishment si sono opposti a Trump. Pence, che deve affrontare un difficile equilibrio prima di una probabile corsa presidenziale nel 2024, ha parlato venerdì a un evento in Florida organizzato dalla conservatrice Federalist Society.

“Il presidente Trump ha torto”, lui disse. “Non avevo il diritto di ribaltare le elezioni”.

Pence ha anche detto: “La verità è che la posta in gioco è più del nostro partito o delle nostre fortune politiche. Se perdiamo fiducia nella costituzione, non perderemo solo le elezioni, perderemo il nostro Paese”.

Mitt Romney, nel frattempo, è stato uno dei sette senatori repubblicani che hanno votato per mettere sotto accusa Trump nel 2021 per l’attacco al Campidoglio – e l’unico a votare per condannare in Il primo impeachment di Trump nel 2019, durante gli approcci in Ucraina per lo sporco su Biden. Venerdì, il senatore dello Utah ha condannato la decisione di censurare Cheney e Kinzinger.

“La vergogna cade su un partito che censurerebbe le persone di coscienza, che cercano la verità di fronte al vetriolo”, Romney ha scritto. “L’onore va a Liz Cheney e Adam Kinzinger per aver cercato la verità anche quando ciò comporta un grande costo personale”.

Romney, il candidato repubblicano alla presidenza nel 2012, non ha menzionato che il presidente dell’RNC, Ronna McDaniel, è sua nipote. McDaniel ha smesso di usare Romney a suo nome dopo che Trump ha preso il potere.

Altri repubblicani al Congresso, media segnalato, ha cercato di evitare la discussione della risoluzione RNC. I democratici lo hanno criticato. Jamie Raskin del Maryland, membro del comitato del 6 gennaio che ha guidato il secondo impeachment di Trump, ha detto al New York Times: “Il partito repubblicano è così fuori di testa ora che stanno descrivendo un tentativo di colpo di stato e un’insurrezione mortale come espressione politica.

“È uno scandalo di cui gli storici rimarranno sbalorditi”.

Rick Wilson, un ex stratega repubblicano ora parte del progetto anti-Trump Lincoln, disse la risoluzione mostrava che il suo vecchio partito era ormai un “culto”. I repubblicani, ha detto, “non arrivano riconnettersi 1/6″.

L’RNC sembra determinato a provarci, anche se non è ancora andato oltre e ha cacciato Cheney e Kinzinger dal partito, obiettivo di molti sostenitori di Trump.

Kinzinger lascerà il Congresso a novembre, tra i repubblicani che hanno votato per l’impeachment e che hanno detto che si ritireranno.

Lui disse era stato censurato per aver mantenuto il suo giuramento da un partito che aveva “permesso a cospirazioni e tribalismo tossico di ostacolare la loro capacità di vedere con gli occhi lucidi”.

Cheney, la figlia dell’ex membro del Congresso, segretario alla Difesa e vicepresidente Dick Cheney, affronta uno sfidante sostenuto da Trump approvato dal suo stesso Stato membro.

Lei disse: “I leader del partito repubblicano si sono resi volontari ostaggi di un uomo che ammette di aver tentato di ribaltare un’elezione presidenziale e suggerisce di perdonare il 6 gennaio gli imputati, alcuni dei quali sono stati accusati di cospirazione sediziosa.

“Sono un conservatore costituzionale e non riconosco quelli del mio partito che hanno abbandonato la costituzione per abbracciare Donald Trump. La storia sarà il loro giudice. Non smetterò mai di lottare per la nostra repubblica costituzionale. Non importa cosa.”

McDaniel ha detto al Washington Post: “Abbiamo avuto due membri coinvolti in una persecuzione guidata dai democratici dei cittadini comuni che si sono impegnati in discorsi politici legittimi. Questo è andato oltre il loro intento originale. Non stanno difendendo i repubblicani laboriosi”.

READ  Il virus ha iniziato Anthony Fauci "non convinto" naturalmente