Giugno 20, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Parchi affollati, virus latente? Le preoccupazioni crescono alla riapertura dell’Italia

MILANO – La graduale riapertura dell’Italia lunedì dopo sei mesi di blocchi periodici per il virus non soddisfa nessuno: estrema cautela per alcuni, estrema fretta per altri.

Consentire la cena all’aperto arriva un po ‘troppo tardi per i ristoratori italiani, la cui sopravvivenza è a rischio a causa di più di un anno di chiusure frequenti e frequenti. Il coprifuoco in corso alle 22:00 sta mettendo a dura prova la riapertura dei teatri, ed è visto come una cattiva relazione pubblica per la principale industria turistica italiana, che spera che la seconda estate dell’epidemia vedrà finalmente tornare i visitatori stranieri. Il governo sta anche affrontando forti pressioni per riaprire le porte dei partiti di destra in Italia.

Tuttavia, i virologi e il personale medico del Paese temono che la riapertura iniziale pianificata dal governo del Primo Ministro Mario Draghi inviti gratuitamente a tutti, il che potrebbe innescare una nuova ondata di virus prima che l’attuale virus venga eliminato.

Purtroppo, come ho dovuto ripetere spesso: il virus non negozia. Inoltre, il virus si è adattato con successo a se stesso, diventando più aggressivo e diffuso ”, ha affermato il professor Massimo Galli dell’Ospedale Saco di Milano.

In un’anteprima di ciò che molti temevano, gli italiani domenica – un giorno prima che le restrizioni al virus venissero allentate – hanno affollato le strade, le piazze ei parchi delle città da Roma a Torino e da Milano a Napoli, mentre il clima più mite metteva da parte una primavera insolitamente fredda.

Consapevole dei rischi, domenica il ministero dell’Interno italiano ha incaricato le forze dell’ordine di assicurarsi che le distanze sociali e le maschere indossassero siano in atto in modo che l’allentamento delle restrizioni non si traduca in un nuovo picco nel virus.

READ  La bellezza della mobilità sostenibile con Maserati al Padiglione Italia a Expo 2020 Dubai

L’Italia è al secondo posto per numero di morti per epidemia in Europa dopo la Gran Bretagna, con oltre 119.000 morti confermate. Gli esperti dicono che questo numero è basso perché più italiani sospettati di avere il COVID-19 sono morti nella primavera del 2020 prima di essere testati.

Entro lunedì, 15 delle 21 regioni autonome e province italiane saranno soggette ai livelli più bassi di restrizioni sul coronavirus, con viaggi consentiti tra le regioni per la prima volta dall’autunno. Il numero di persone che possono visitare amici e parenti in qualsiasi momento raddoppierà da due a quattro. Ristoranti e bar potranno ospitare persone per pranzi all’aperto. Gli sport di contatto possono essere ripresi all’aperto.

Tuttavia, i piani per riaprire completamente le scuole superiori italiane durante le ultime sei settimane dell’anno scolastico si sono scontrati con i mezzi pubblici insufficienti e hanno dovuto essere ridotti ad almeno il 70% dell’istruzione personale per i gradi superiori.

Quattro regioni meridionali – Basilicata, Calabria, Boglia e Sicilia – insieme alla Piccola Aosta al confine francese a nord sono ancora soggette a restrizioni più forti rispetto ai virus di classe II.

L’isola italiana della Sardegna – l’unica regione completamente priva di restrizioni quest’inverno – è caduta in rosso a metà aprile dopo che un chiaro segnale ha aumentato il numero di nuovi contagi. La Sardegna è diventata un ammonimento citato dai virologi italiani.

La riapertura è in arrivo anche se i reparti di terapia intensiva in Italia restano sopra la soglia di allerta del 30%. Anche la campagna vaccinale italiana è ancora lontana dal suo obiettivo di 500.000 round al giorno e ora si sta muovendo solo per proteggere le persone nella fascia di età 70-79. L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che le persone di età superiore ai 65 anni rappresentano la stragrande maggioranza dei decessi per COVID-19 in Europa.

READ  Chi sostituirà Jose Mourinho, il nuovo allenatore del Tottenham Hotspur, Julian Nagelsmann, Brendan Rodgers

“Ci sono due parole che dovrebbero guidarci nei prossimi giorni”, ha detto domenica il ministro della Salute Roberto Speranza. “Fiducia, perché le procedure hanno funzionato, e prudenza. Dobbiamo fare un passo alla volta, essere incrementali e valutare lo sviluppo giorno dopo giorno”.