Ottobre 6, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Paolo Del Brocco di RAI Cinema parla per la prima volta di Venezia – Scadenza

Benvenuti in Deadline’s International Disruptors, una funzione in cui mettiamo in evidenza i principali CEO e società al di fuori degli Stati Uniti che stanno scuotendo il mercato estero. In occasione dell’inizio della Mostra del Cinema di Venezia, parliamo con Paolo Del Brocco, CEO di RAI Cinema, di alcuni dei 24 titoli della compagnia apparsi al festival quest’anno e della sfida continua che deve affrontare per invogliare il pubblico italiano a tornare al cinema dopo roccia. periodo post-pandemia.

L’amministratore delegato di RAI Cinema Paolo Del Brocco non è estraneo alla Mostra del Cinema di Venezia, dove ha diretto per oltre un decennio la sezione cinematografica della più grande emittente pubblica italiana, la RAI. Ma, per molti versi, quest’anno sembra più importante che mai per gli amministratori delegati poiché attinge a Lido per godersi progetti nazionali e internazionali sul grande schermo in un momento in cui il settore cinematografico non è mai stato così mutevole.

“È un periodo strano”, ammette Del Brocco. “Non siamo ancora sicuri di quali siano tutte le risposte, ma la nostra guida è, ed è sempre stata, quella di lavorare sodo per produrre film migliori che possano sorprendere il pubblico e riportarlo al cinema”.

Considerata a lungo una delle pietre miliari più importanti dell’industria cinematografica italiana, RAI Cinema investe annualmente in meno della metà dei film nazionali italiani e distribuisce titoli propri e prodotti di terze parti attraverso la sua divisione 01 Distribution. Quest’anno Rai Cinema conta 24 film che hanno debuttato nelle divisioni veneziane, tra cui Orizzonti.

Mostra del Cinema di Venezia: le ultime foto del tappeto rosso

Quest’anno l’azienda ha sostenuto la produzione di tre titoli scelti nel principale concorso veneziano di quest’anno: Gianni Amelio Il Signore Delle Formiche (signore delle formiche), un dirigente con il quale l’azienda collabora da più di due decenni; Susanna Nichiarelli chiara, altro collaboratore di lunga data della società; E Andrea Baloro Monica. Distribuirà i titoli di Amelio e Nicchiarelli in Italia e detiene anche i diritti italiani sul titolo del concorso Florian Zeller Figlio.

“Il nostro obiettivo è sempre stato quello di diversificare le storie, i generi e gli stili di regia”, afferma Del Brocco. I film che abbiamo a Venezia rispecchiano questi aspetti e ne siamo molto soddisfatti. La nostra strategia di differenziazione della produzione è stata confermata ancora una volta da questa selezione e ne siamo orgogliosi”.

READ  Mercati dal vivo, mercoledì 25 agosto 2021
Cinema Al Rai

L’anno scorso RAI Cinema ha partecipato a circa 80 lungometraggi e, secondo Del Brocco, ha un investimento previsto di 85 milioni di euro (85,05 milioni di dollari) per quest’anno. Una delle tendenze che la società ha visto negli ultimi quattro o cinque anni è stata l’aumento del valore complessivo della produzione dei film e, pertanto, l’investimento della RAI nei progetti è diventato parte dell’intero piano finanziario del film.

“Siamo responsabili della promozione dei grandi registi italiani e, allo stesso tempo, delle nuove generazioni di registi”, afferma. Molti grandi manager hanno iniziato con noi fin dall’inizio, sappiamo che c’è un settore che ha bisogno di crescere e dobbiamo creare posti di lavoro, promuovere nuovi talenti e creare opportunità. In caso contrario, non scopriremo i nuovi Matteo Garrone o Paolo Sorrentino, i nuovi talenti e produttori di cui la nostra industria ha bisogno”.

E non è solo la tariffa italiana che RAI Cinema mette la moneta: l’anno scorso la compagnia ha annunciato che co-produrrà Roman Polanski. il Palazzo, che ha arruffato piume nel settore nell’era post-#MeToo. RAI Cinema ha approvato l’ex titolo di Polanski L’ufficiale e la spia Del Brocco è andato più volte a verbale in difesa della decisione dicendo che Ray punta “sul lato artistico delle storie” e “non su quello personale”.

Negli ultimi tre anni, la RAI ha sostenuto 68 film e documentari con registe alla guida, un solido aumento degli investimenti precedenti. “Stiamo valutando il potenziale dei progetti – non solo di genere – e abbiamo supportato un gran numero di registe e credo sia una tendenza che crescerà sempre di più nel nostro orizzonte cinematografico”.

Oltre a supportare voci femminili come Nicciarelli, la RAI ha collaborato con talenti come Alice Rohrwacher, Valeria Golino, Ginerva Elkann, Francesca Archibugi, Emma Dante, Barbara Cupisti, Paola Randi e molti altri.

Avendo lavorato con la RAI dal 1991, Del Brocco sottolinea che il settore italiano sta attraversando un momento cruciale di cambiamento poiché la società cerca di bilanciare un settore produttivo in forte espansione con il business della distribuzione teatrale in declino, un problema che ha espresso molto di. l’anno scorso.

READ  Gli investitori prevedono un aumento del tasso di interesse di 0,75 punti percentuali

Il forte credito d’imposta del 40% in Italia insieme ai requisiti per i contenuti in lingua locale della piattaforma di trasmissione significano che la salute dell’industria di produzione italiana è “davvero in buone condizioni”.

“Anche grazie al sostegno fornito dalla Legge Cinema (Direzione Generale Cinema e Audiovisivi del Ministero della Cultura), c’è stata una crescita significativa della produzione e siamo a un passo dalla piena occupazione. [in the sector]Ed è un enorme successo”.

Ma dice che è stato un periodo difficile per il business teatrale italiano, in particolare con la regione che ha dovuto affrontare problemi di attrarre il pubblico locale per tornare nei teatri e problemi con la finestra. Ad esempio, il botteghino italiano ha registrato nel 2021 un calo di oltre il 50% rispetto al 2020, ed è uno degli unici grandi territori europei a subire un tale calo.

Relativamente parlando, prima che la pandemia si diffondesse nel mondo, il cinema italiano rappresentava il 37% della quota di mercato da dicembre 2019 a febbraio 2020 prima che i cinema fossero costretti a chiudere. Attualmente, la quota di mercato del produttore italiano è “molto bassa”, afferma Del Brocco, sottolineando che “sarebbe un buon obiettivo puntare a un 25% stabile dei film italiani al botteghino totale”.

“Siamo molto lontani dal raggiungimento di questo obiettivo in questo momento”, afferma Del Brocco. “Le piattaforme di streaming hanno svolto un ruolo importante durante la pandemia: hanno mantenuto viva la fiamma di film e serie TV, ma il risultato è che oggi preferiremmo stare sul divano piuttosto che uscire, guidare e parcheggiare per vedere un film.

“Possiamo dire che l’epidemia, soprattutto in Italia, ha disabituato il pubblico al teatro e dobbiamo lavorare sodo per produrre film che possano convincere il pubblico ad andare al cinema e pagare il biglietto”.

Cinema Al Rai

Inoltre, circa 500 sale in Italia hanno chiuso definitivamente dall’epidemia di Covid-19 e Del Brocco stima che il 2022 vedrà una perdita di ricavi di circa 600 milioni di euro (600 milioni di dollari) rispetto a prima della pandemia.

READ  Ultime notizie sul coronavirus: la crescita dei servizi statunitensi raggiunge livelli record a maggio

Con questo in mente, Del Brocco, insieme al presidente di Medusa Giampaolo Letta, guida l’accusa chiedendo al governo di intervenire e sostenere il settore delle mostre, insistendo sul fatto che le uscite nelle sale svolgono un ruolo importante nel ciclo di vita del film.

Entrambi hanno esortato il governo a raddoppiare la finestra di 90 giorni a 180 giorni, a tagliare i tagli alle tasse locali dal 40% al 30% sulla produzione di film progettati solo per la trasmissione e hanno insistito affinché il generoso sconto del 40% fosse riservato ai film destinati solo a spettacoli teatrali . distribuzione.

«L’iniziativa è arrivata dalle due filiali delle più importanti emittenti italiane, e invece di limitarsi a produrre contenuti per la televisione, sono interessate a guardare i film al cinema prima delle loro case», racconta. “Se la prima parte dell’industria cinematografica è in crisi – se il botteghino è molto basso – allora è un pericolo per l’intera industria”.

Del Brocco crede fermamente che ora sia il momento di agire per migliorare la salute del settore cinematografico locale. Altrimenti, dice, “il nostro futuro avrà grossi problemi”.

“Come produttori pubblici, dobbiamo difendere la nostra industria culturale e i film italiani stanno soffrendo molto in questo momento”, dice. Il cinema locale può essere una nicchia in molti paesi europei, ma se non lo supportiamo e non lo distribuiamo nelle sale, potremmo perdere la nostra identità cinematografica. Probabilmente non avrà importanza in termini di business, ma è molto importante in termini di narrazione e identità”.

Aggiunge: “In definitiva, questo è ovviamente un business e siamo in un mercato competitivo in cui dobbiamo tenere conto delle linee economiche di profitto e perdita. Ma siamo fortunati che il nostro obiettivo in RAI sia quello di essere coinvolti nell’aiutare la produzione culturale locale e l’industria migliorano. Questa è la stella polare che la seguiamo ogni giorno e, anche se a volte non è molto incoraggiante, dobbiamo concentrarci su quel mandato più che mai per ricostruire il mondo del cinema”.

L’edizione di questa settimana di International Disruptors è presentata da Guillotine Vodka.