Gennaio 27, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Omicron non è una variante “lieve” avverte l’OMS, epidemiologi

Per saperne di più

I principali epidemiologi australiani che hanno parlato con SBS News concordano.

“Ci sono due ragioni per cui l’OMS deve essere vigile su questo”, ha detto Adrian Easterman, un epidemiologo dell’Università del South Australia.

“Il primo è che anche se si tratta di un caso più lieve, ci sono così tante persone che si stanno infettando ora che anche una piccola percentuale di loro si ammala gravemente”, ha detto il professor Easterman.

Adrian Esterman, un epidemiologo della University of South Australia.

fonte: fornito


“La seconda ragione è che semplicemente non abbiamo i dati per dire che è più mite in molti paesi che hanno un’alta percentuale di persone non vaccinate”, ha detto.

Con l’aumento dei numeri di COVID-19 in Australia, l’epidemiologo Nancy Baxter ha affermato che l’infezione non può ancora essere considerata come un “raffreddore comune”.

“Espande chi può infettare”.

“Una delle sfide con Omicron è questa narrativa che modera”, ha detto a SBS News il dott. Baxter, presidente della Melbourne School of Population and Global Health presso l’Università di Melbourne.

“E quello che abbiamo dovuto fare è stato un po’ sottovalutare la sua capacità di sconvolgere la società. È importante per noi capire che questo non è diventato il comune raffreddore”.

Il Dr. Baxter ha espresso preoccupazione per il fatto che sempre più persone che sono state vaccinate verranno infettate da questo tipo di coronavirus.

Parte del motivo per cui appare più lieve non è perché è necessariamente lieve, ma perché colpisce le persone che hanno ricevuto le vaccinazioni. In realtà supera la nostra protezione meglio di altre varianti. Quindi, in qualche modo, amplia chi può colpire, e questo non è molto mite”, ha detto.

Circa una mezza dozzina di studi recenti da strutture di ricerca come il Neyts Lab dell’Università di Leuven in Belgio e l’Università di Hong Kong indicano che l’Omicron non danneggia i polmoni tanto quanto Delta e altre varianti precedenti.

Gli studi, tuttavia, non sono ancora stati sottoposti a revisione paritaria da altri scienziati.

Il professor Esterman ha dichiarato: “La maggior parte di questi studi sono stati condotti in gruppi vaccinati, quindi non abbiamo dati sufficienti per poter dire definitivamente che è più mite nei non vaccinati”.

I commenti del dottor Baxter e del professor Easterman arrivano pochi giorni dopo che il dottor Bennett ha descritto l’alternativa Omicron come un “virus meno pericoloso”.

“La variante di Omicron è di per sé un virus meno pericoloso”, ha detto ai giornalisti martedì.

“laggiù [are] Ha detto sicuramente molti casi di COVID nella comunità di cui non siamo a conoscenza.

“Non è necessariamente una cosa negativa. Perché penso che in generale…dove vediamo COVID nei giovani, è molto lieve. Molte persone potrebbero non sapere di averlo, o è solo un’inalazione. Quindi non sono eccessivamente male”, ha detto.

Questa non è la prima volta che il governo federale e il Dipartimento della Salute hanno minimizzato la gravità della variante Omicron.

Alla fine di novembre dello scorso anno, appena due giorni dopo che l’Organizzazione mondiale della sanità aveva classificato Omicron come “variabile preoccupante”, il ministro della Sanità Greg Hunt ha osservato che era “controllabile”.

Per saperne di più

“La nostra opinione schiacciante è che mentre è una variabile emergente, è un’alternativa gestibile”, ha detto Hunt ai giornalisti a Canberra il 30 novembre.

READ  US Capitol Attack Committee convoca Rudy Giuliani e altri avvocati Trump | Attacco al Campidoglio degli Stati Uniti

Il professor Esterman ha affermato che ci sono alcuni difetti fondamentali nella messaggistica del governo.

Ci sono due punti che il governo semplicemente non riconosce.

“Il primo è che anche con un Omicron, alcune persone si ammalano gravemente e muoiono.

Il secondo problema, che il governo non ha menzionato, è il nuovo coronavirus. Sappiamo che una percentuale ragionevole di persone che vengono infettate finisce con problemi di salute a lungo termine.

“Fino a quando non chiariamo che non è peggio dell’influenza, il messaggio è davvero pessimo”, ha detto il professor Easterman.