Maggio 15, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Omega-3: integrazione e rischio di tremore?

Tuttavia, l’autore principale, il dottor Salvatore Carboni della Virginia Commonwealth University, osserva: “Questi integratori sono prescritti a pazienti con trigliceridi plasmatici elevati, con l’obiettivo di ridurre il rischio di malattie cardiovascolari. Nella popolazione generale, questi integratori sono ampiamente prescritti e disponibili sul bancone.

Rischio più elevato di sviluppare fibrillazione atriale nei pazienti a rischio di sviluppare malattie cardiovascolari utilizzando l’integrazione di omega-3

Alcuni studi clinici hanno già suggerito che gli acidi grassi omega-3 possono essere associati a un aumentato rischio di sviluppare fibrillazione atriale (FA), il disturbo del ritmo cardiaco più comune associato a un rischio di ictus 5 volte superiore). Questi studi precedenti hanno testato diverse formulazioni di acidi grassi omega-3 a dosi diverse.

Questa è una meta-analisi Da studi randomizzati controllati per determinare se l’integrazione è costantemente associata ad un aumentato rischio di sviluppare fibrillazione atriale. La revisione ha incluso 5 studi randomizzati controllati che studiano gli effetti dell’integrazione di acidi grassi omega-3 sugli esiti cardiovascolari in 50.277 partecipanti, che hanno ricevuto integratore o placebo, e sono stati seguiti da 2 a 7 anni. I partecipanti avevano un alto livello di trigliceridi ed erano a rischio di sviluppare malattie cardiovascolari o già affetti da malattie cardiovascolari. L’analisi mostra che:

  • L’integrazione con acidi grassi omega-3 è associata a un rischio significativamente aumentato del 37% di sviluppare fibrillazione atriale rispetto al placebo, in quei pazienti che sono già a rischio di sviluppare malattie cardiovascolari.

Questa ampia analisi conferma quindi un rischio più elevato di sviluppare fibrillazione atriale in questo gruppo di pazienti che assumono integratori di omega-3.

Un campanello d’allarme per questi pazienti e per i loro medici, soprattutto perché questi integratori possono essere acquistati gratuitamente.