Ottobre 6, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Om | Igor Tudor, leader italiano

Dal suo insediamento a capo di OM il 4 luglio, Igor Tudor non ha solo stretto amicizia a Canebeare. L’intransigente tecnico croato non lascia spazio alle emozioni quando si tratta di prendere decisioni che ritiene siano le migliori per la sua squadra.

Dimitri Payet, capitano e leader indiscusso degli spogliatoi, è stato lasciato in panchina durante le prime tre uscite del contingente OM in Ligue 1. Sabato scorso, all’evento di benvenuto dell’FC Nantes al Vélodrome di Tudor. L’esterno turco non ha esitato quando è entrato in gioco a venti minuti dalla fine, eludendo Samuel Zigot e individuando Cengiz Ander.

Dopo questo piccolo incidente, l’uomo che ha lavorato all’Hellas Verona la scorsa stagione lo ha ammesso. La scelta era necessaria“, quando si presenta”Mi scusi » Ex giocatore di Roma e Leicester.

Johann Crozet, corrispondente in Italia Sport RMCSebbene Tudor abbia alcuni disaccordi con diversi elementi chiave del suo guardaroba, conferma che andrà fino alla fine delle sue idee per raggiungere i suoi obiettivi: « Anche in OM, anche davanti alle stelle, non lo vedo indietreggiare dal concetto di bisogno. Era radicato in lui. OM ha scelto Tudor per le sue esigenze. Se glielo togliamo, lo sminuiamo. Allora, perché l’hai scelto? Non lo costringerà a fare il lavoro di altre persone la cui filosofia non è d’accordo con la sua visione.. »

Tudor ha segnato la carriera con il suo passaggio in Serie A

Secondo lui, i giocatori dell’OM devono adattarsi ai metodi del loro nuovo allenatore, ma non c’è altro modo: « L’Hellas aveva soldati che ascoltavano Tudor a Verona. Ha saputo costruire su basi molto solide poste dal suo predecessore, Ivan Juric, che ora è al Torino. Quando ha alzato lo slider della domanda, i giocatori lo hanno seguito«. Un’autorità naturale emana dal nativo di Spalato.

READ  L'Italia pone punti "obbligatori" per baciarsi nei luoghi turistici più famosi

Johann Croset lo ricorda da giocatore: « Basta guardare la sua struttura fisica per rendersi conto che è un Golgota! Ha uno sguardo assassino. Con un solo sguardo può far perdere fiducia a un attaccante in campo. Lo dice lui stesso : «Nella vita non ho mai provato paura»! D’altra parte, riuscì a trasmetterlo ai suoi nemici (Ride) “! O i suoi stessi giocatori?

Questo aspetto del suo personaggio, Igor Tudor l’ha fatto dall’altra parte delle Alpi. In Italia, e soprattutto nella Juventus Torino, l’ex nazionale croato ha scoperto le massime pretese di altissimo livello: « Il suo tempo alla Juve non ha plasmato la sua visione del calcio ma la sua visione del lavoro, della necessità e dell’investimento per essere ai massimi livelli. Lo ha segnato. Ha giocato in un momento in cui la difficoltà di allenarsi in Serie A era davvero incredibile. La competizione è stata la parte divertente! Da quando è diventato allenatore, ha cercato di instillare questi valori di missione nei suoi giocatori.«.

La sua volontà di spingere i suoi giocatori al limite tradisce la sua voglia di vederli migliorare per rendere migliore la squadra. A Verona, però, questo metodo poco ortodosso sembra aver dato i suoi frutti, come ha detto lo scorso luglio alla nostra rubrica il centrocampista transalpino Adrien Dames.

“Sono i giocatori dell’OM che lo possiedono che contano”

Il tecnico croato ama spingere i suoi giocatori al limite.
Il tecnico croato ama spingere i suoi giocatori al limite.Foto di Federico Speich

Salim Thib, commentatore Canale+ E Defoso La Juventus ricorda ancora molto bene Tudor dalla sua infanzia: « Questa parte militare esce in primo piano quando lo chiedi al tifoso della Juve. Il generale in campo era pronto a morire sull’erba con la maglia bagnata. In realtà di lato « Militare », mi ricorda Louis van Gogh, che guidava la politica di un dittatore nei suoi vari spogliatoi. Questo non gli ha impedito di ottenere buoni risultati.«.

Colosso dei Balcani (1 metro 93) è un personaggio forte che ha sempre avuto: « A quel tempo, gli artisti erano con Jewel, Zidane, Del Piero e Nedved. Dobbiamo proteggere questi giocatori. e i difensori Ciro Ferrara, Paolo Montero, Alessio Dachinardi o Antonio Conte. Igor Tudor appartiene a quella banda, gli imbonitori. Se si tocca Del Piero, che era il capitano, Igor Tudor è stato il primo a venire a colpire la pancetta.. »

Precedente Arico Sacchi

Johan Crosset sottolinea ancora una volta che i giocatori del Marsiglia devono essere in sintonia con il proprio allenatore: « Secondo me, Igor Tudor oggi non possiede la chiave dell’OM. Dipende dai giocatori. Hanno due soluzioni: seguire il loro allenatore e dare il massimo, oppure combatterlo e andare dritti contro il muro. La seconda opzione sarebbe una perdita di tempo e un disastro per OM«.

Un diligente seguace per sostenere la sua opinione Calcio Più di vent’anni ricordano almeno un esempio simile: « L’arrivo di Tudor all’OM mi ricorda l’arrivo di Arrigo Sacchi al Milan nel 1987. Alcuni giocatori si sono lamentati con Silvio Berlusconi dei suoi metodi. Ma Berlusconi ha detto ai suoi giocatori che Sacchi era una sua scelta e se non fossero stati contenti sarebbero finiti in tribuna perché Sacchi non si muoveva.«.

È con questa logica che nelle ultime settimane il presidente della Casa Blu e Bianca Pablo Longoria non si è fermato a consolare il suo nuovo uomo forte e leader. Il futuro lo dirà se l’ex difensore centrale Bianconeri Di successo come il mago di Fucignano, ha rivoluzionato il calcio italiano rossonero Alla fine degli anni ’80.