Settembre 27, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Oltre 100.000 ettari bruciati mentre la Grecia affronta la “catastrofe ambientale” degli incendi, notizie dal mondo

Centinaia di vigili del fuoco hanno lottato giovedì per contenere nuove esplosioni nelle aree devastate dagli incendi in Grecia, poiché l’inferno estivo ha causato quello che il primo ministro ha definito “il più grande disastro ambientale del paese da decenni”.

Tuttavia, le piogge notturne in alcune aree e le temperature più basse sembrano aver alleviato la situazione dopo due settimane di incendi devastanti, e il primo ministro Kyriakos Mitsotakis ha affermato che “possiamo essere più ottimisti oggi” rispetto ai giorni precedenti.

Le ondate di calore più gravi in ​​Grecia da decenni hanno alimentato incendi che hanno distrutto più di 100.000 ettari di foreste e terreni agricoli, ha dichiarato giovedì il Sistema europeo di informazione sugli incendi boschivi, nel peggior danno da incendio boschivo nel paese dal 2007.

Gli incendi hanno provocato tre morti, centinaia di senzatetto, migliaia di persone che hanno dovuto fuggire e devastazione economica e ambientale.

La Grecia è solo uno dei numerosi paesi della regione mediterranea colpiti da una brutale stagione di incendi che le autorità hanno attribuito al cambiamento climatico.

Giovedì, Mitsotakis ha definito i “massicci incendi” il “più grande disastro ambientale in Grecia da decenni”.

“La crisi climatica è qui… e ci dice che tutto deve cambiare”, ha detto ai giornalisti, riferendosi ad altri incendi devastanti in Turchia, Italia e Algeria.

Il primo ministro ha affermato che vigili del fuoco, volontari e residenti locali hanno salvato “innumerevoli case e attività commerciali, ma comunque decine di proprietà sono andate perse.

Mitsotakis ha detto che 150 case sono state perse nella Grande Atene la scorsa settimana, mentre il conteggio continua sull’isola di Evia, che rappresenta più della metà dell’area bruciata a livello nazionale.

READ  eXp World Holdings espande le sue operazioni immobiliari sulla borsa valori colombiana del Nasdaq: EXPI

“Non ne posso più”

“I fronti di fuoco sono ancora attivi” a Evia e nella regione dell’Arcadia, nella penisola del Peloponneso, e “gli incendi bruciano costantemente” in entrambe le aree, ha detto giovedì un funzionario dei vigili del fuoco all’AFP.

E nel nord di Evia, dove centinaia di persone sono state evacuate in barca, 858 vigili del fuoco, compresi rinforzi provenienti da Ucraina, Romania e Serbia, stavano combattendo le fiamme.

Nuova preoccupazione ad Atene dopo che giovedì mattina è scoppiato un nuovo incendio nella zona industriale di Aspropergos, 20 km a nord-ovest della capitale.

Al culmine degli incendi all’inizio di agosto, le fiamme hanno raggiunto le porte di Atene, riempiendo di fumo grigio il cielo della città di quattro milioni di persone.

Ma dopo settimane di temperature afose spesso superiori a 40 °C (104 °F), giovedì è stato previsto un calo di 33 °C.

Le temperature più basse e le piogge notturne a Evia, nel Peloponneso e nella Grecia centrale hanno contribuito a migliorare la situazione, ha affermato Stathis Collis, sindaco di Gortinia.

Il villaggio di Gortinia nella regione montuosa dell’Arcadia a circa 200 chilometri (120 miglia) a ovest di Atene è diventato il principale centro del Peloponneso, con profonde vallate che rappresentano una sfida per i vigili del fuoco.

Venti villaggi della zona sono stati evacuati nei giorni scorsi e 680 vigili del fuoco, di cui più di un centinaio inviati in aiuto dalla Francia, e cinque aerei lancia-acqua stanno combattendo senza sosta le fiamme.

“Non ne posso più”, ha detto il contadino Custis Angelo, mentre si aggirava tra le carcasse delle sue capre, tutte bruciate da un incendio che ha devastato le foreste di Evia.

READ  Due ragazzi muoiono in Austria dopo che sono nati i veleni familiari

Il 44enne è riuscito a sopravvivere trascorrendo ore sotto un tubo dell’acqua per l’irrigazione, circondato dalle fiamme.

Disse: “Il santo mi ha salvato”.

Clima “codice rosso”

I recenti eventi meteorologici estremi arrivano dopo la pubblicazione di un rapporto “codice rosso” del Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici lunedì che avverte che le temperature globali stanno aumentando molto più velocemente di quanto si temeva in precedenza.

Il Mediterraneo è stato designato un “punto caldo del cambiamento climatico”, con temperature in aumento e siccità che prolungano le stagioni degli incendi e raddoppiano le aree potenziali per gli incendi, secondo una bozza di valutazione dell’IPCC vista esclusivamente dall’AFP.

L’Algeria ha dichiarato tre giorni di lutto nazionale a partire da giovedì per le 69 persone uccise negli incendi lì.

Cinque persone sono morte negli incendi in Italia, dove mercoledì è stato stabilito in Sicilia quello che si ritiene sia un nuovo record europeo di 48,8 gradi Celsius (119,8 gradi Fahrenheit), superando il precedente massimo registrato in Grecia nel 1977.

Otto persone sono morte negli incendi nel sud della Turchia all’inizio del mese, mentre il bilancio delle vittime nel nord è salito a cinque giovedì a causa delle inondazioni che hanno colpito diverse regioni del Mar Nero.