Giugno 13, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Nuovi dati mostrano che fino al 30% dei residenti in assistenza agli anziani in alcune case non assume il vaccino contro il Covid | Notizie dall’Australia

Ben il 30% dei residenti in alcune case di cura non ha ricevuto la vaccinazione contro il Covid-19, secondo nuovi dati che hanno portato a un’indagine sugli alti tassi di non essere vaccinati.

Il CEO del Council on Aging, Ian Yates, ha affermato che gli ultimi dati condivisi con le parti interessate sono stati raccolti la scorsa settimana e hanno mostrato che la maggior parte delle case ha riportato un tasso di rigetto dal 5% al ​​15%.

I dati non rivelano il motivo per cui i residenti hanno rifiutato il vaccino, ma Yates ha affermato che i medici non lo hanno raccomandato a un gran numero a causa delle condizioni di salute di base.

Ha affermato che il governo federale si sta ora concentrando sulle case con i più alti livelli di non assunzione per rivelare perché molti residenti scelgono di non farsi vaccinare contro il Covid-19.

“Il Dipartimento della Salute sta esaminando dati completi sul consenso per rivedere i casi in cui i tassi di approvazione sono significativamente bassi come parte della pianificazione di qualsiasi attività di follow-up richiesta con queste strutture”, ha affermato il ministro per gli anziani australiani e i servizi di assistenza agli anziani, Richard Kolbeck. Ma ha affermato che le strutture di assistenza agli anziani sono responsabili del sostegno e dell’ottenimento del consenso dei residenti a ricevere dosi di vaccino.

“Ciò include le prime discussioni sul consenso, compreso il rapporto con la famiglia e i tutori e il trattamento dei medici di base, come richiesto”, ha affermato.

Yates ha affermato che ci sono una serie di fattori alla base di questi numeri e che la frequenza dei vaccini varia tra le comunità.

“Penso che ci siano diversi fornitori che hanno diversi livelli di coinvolgimento con la loro popolazione. Le capacità di comunicazione di questi fornitori variano notevolmente e questo gioca un ruolo importante nel modo in cui possono effettivamente prepararli per un vaccino e i suoi benefici.

“Se ci sono gestori e fornitori che di solito non hanno una forte interazione con i residenti della casa, allora chiedono a tutti di fare la fila per ottenere le vaccinazioni, che potrebbero non essere ben accolte.

Alcune famiglie ritengono che la consegna difettosa del vaccino abbia contribuito al basso assorbimento.

Martine Lafontaine, di Melbourne, ha detto che sua madre ha avuto difficoltà ad aspettare che il governo federale consegnasse i vaccini alla sua struttura a Footscray. La struttura ha avuto un caso di Covid-19 l’anno scorso, ma ad aprile, due mesi dopo la sua entrata in funzione, è stato detto che non avrebbe ricevuto le vaccinazioni fino alla fine di maggio.

Il ritardo è stato così lungo che Lafontaine ha portato sua madre da un medico di famiglia per ottenere il vaccino AstraZeneca, piuttosto che aspettare che il team del Commonwealth tornasse utile.

Ha detto al Guardian che le statistiche sulla diffusione nelle strutture di assistenza agli anziani potrebbero essere spiegate dalle difficoltà di comunicazione con le agenzie pubbliche dei residenti e dal processo di approvazione.

“Penso che molto abbia a che fare con le agenzie mediche e le relazioni con le agenzie mediche, il consenso e la presa del consenso”, ha detto. “È lasciato alle singole società, che sono descritte come senza scopo di lucro, e vanno dietro e inseguono le cose … quindi penso che sia più probabile che sia più probabile che vengano consegnate”.

Yates ha detto durante gli incontri della scorsa settimana con le parti interessate, compresa la direzione بما Salute, gli è stato detto che la maggior parte delle case rientra nell’intervallo 5-15% in termini di percentuale della popolazione che è stata vaccinata ma non vaccinata.

“Sono i valori anomali del 30% e la direzione ha detto che ora stanno tornando in quelle case per scoprire il motivo”, ha detto.

“Non sono troppo preoccupato per la maggior parte delle case, perché finché circa l’85-90% della popolazione sarà vaccinato, ci sarà un alto livello di protezione. Sono più preoccupato di assicurarmi che tutto il personale di assistenza agli anziani sia vaccinato ora. Lì dovrebbero essere pochissimi i membri del personale che non possono ottenere la vaccinazione per motivi medici.

“Lavorano con le persone più vulnerabili e dovrebbero essere vaccinate obbligatoriamente. Nell’ultimo anno, abbiamo avuto la vaccinazione antinfluenzale obbligatoria in ogni stato e territorio di assistenza agli anziani e abbiamo quasi eliminato l’influenza dall’assistenza residenziale per anziani”.

Più di tre quarti degli australiani sostengono il vaccino Covid-19 obbligatorio per i lavoratori in prima linea nell’assistenza agli anziani e in altri contesti ad alto rischio, Il sondaggio dell’Australia Institute è stato pubblicato lunedì offerte.

Il medico delle malattie infettive e professore di medicina presso l’Australian National University, Peter Collignon, ha affermato che sarebbe importante capire perché le case hanno livelli così alti di non assorbimento.

“Dobbiamo renderci conto che per vari motivi, alcune persone non saranno vaccinate”, ha detto Collignon.

“Vorrei avere tassi di vaccinazione superiori all’85% della popolazione, ma l’85% è ancora abbastanza robusto, cosa che penso dobbiamo raggiungere in ogni casa di cura. La verità è che le persone che non sono state vaccinate sono più a rischio Morte per covid.

Può dipendere anche dalla gestione. Ho sentito parlare di una casa di cura in cui i responsabili erano davvero scontenti del vaccino AstraZeneca e volevano aspettare la Pfizer. Quindi il problema è che a volte la causa dell’assimilazione o della mancata assimilazione nelle case può essere dovuta al personale e alle sue opinioni”.

ne sai di più? [email protected]

READ  Il blocco di Melbourne terminerà giovedì poiché i contatti tracciano un ceppo altamente contagioso