Maggio 21, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Novak Djokovic: Il numero uno del mondo desidera tornare in tribunale dopo essere stato espulso dall’Australia | notizie sul tennis

Novak Djokovic si dice ansioso di tornare in campo ai Duty Free Tennis Championships la prossima settimana, dicendo: “Ho avuto molto successo nel tennis e sono entusiasta di essere in campo lunedì prossimo”; Il numero 1 del mondo può gareggiare anche agli Internazionali BNL d’Italia di Roma

Ultimo aggiornamento: 17/02/22 19:47



Utilizza il browser Chrome per un lettore video accessibile

Novak Djokovic dice alla Serbia al Dubai Expo 2020 di essersi perso il tennis. Djokovic ha saltato gli Australian Open dopo essere stato espulso

Novak Djokovic dice alla Serbia al Dubai Expo 2020 di essersi perso il tennis. Djokovic ha saltato gli Australian Open dopo essere stato espulso

Novak Djokovic ha rivelato di aver “perso il tennis” ed è ansioso di tornare in campo dopo essere stato scaricato dall’Australia il mese scorso.

Il suo visto n. 1 al mondo è stato revocato due volte quando il governo australiano lo ha infine espulso il mese scorso perché non era stato vaccinato contro il coronavirus.

Ma ora è pronto per giocare nel suo primo evento della stagione al Duty Free Tennis della prossima settimana, dove ha vinto cinque volte.

Il 20 volte campione del Grande Slam è stato espulso dall'Australia perché non vaccinato contro il Corona virus

Il 20 volte campione del Grande Slam è stato espulso dall’Australia perché non vaccinato contro il Corona virus

Questa settimana, Djokovic ha ribadito la sua decisione di non prendere alcun vaccino contro il coronavirus, dicendo che avrebbe continuato a saltare i tornei se il suo stato di “non vaccinato” gli impedisse di giocare in qualsiasi paese.

Ciò potrebbe significare che non correrà gli Open di Francia a maggio e potrebbe non avere la possibilità di assicurarsi il suo 21esimo titolo del Grande Slam fino a Wimbledon a giugno.

“Ho trovato la felicità nella vita perché sono rimasto nello sport che amo davvero con tutto il cuore”, ha detto.

“Lavoro con i bambini ed è quello che ho sempre voluto fare, rimango in contatto con lo sport come allenatore di tennis, come mentore e mi sento realizzato e orgoglioso di essere dove sono e chi sono, per me questo è successo e io sono un campione.

Djokovic non vede l'ora di suonare a Dubai

Djokovic non vede l’ora di suonare a Dubai

Il governo di Dubai non richiede la vaccinazione dei visitatori per l’ingresso, consentendo a Djokovic di competere nell’evento che inizierà la prossima settimana.

“Ho sempre amato Dubai”, ha detto Djokovic. “Mi piacerebbe venire qui”. “Ho avuto molto successo nel tennis e sono entusiasta di essere sul campo da tennis lunedì prossimo.

“Onestamente mi è mancato il tennis dopo tutto quello che è successo negli ultimi due mesi e ovviamente lo scopo di visitare la mostra oggi è promuovere il lavoro della nostra organizzazione”.

Ad unirsi a Djokovic all’evento sul cemento di Dubai ci saranno i campioni Aslan Karatsev, Andy Murray e i primi 10 giocatori Andrei Rublev, Felix Auger-Aliassim e Yannick Sener.

Djokovic può competere a Roma

Djokovic è un cinque volte vincitore del Foro Italico di Roma

Djokovic è un cinque volte vincitore del Foro Italico di Roma

Il ministro dello Sport italiano Valentina Vezzali ha dichiarato che Djokovic potrà partecipare agli Internazionali BNL d’Italia perché gli eventi all’aperto non richiedono che una persona sia vaccinata contro il Covid-19.

“È uno sport all’aperto e non è necessaria una corsia verde più stretta”, ha detto Vezzali al quotidiano italiano. libero Giovedì.

“Quindi se Djokovic volesse venire in Italia per giocare, potrebbe farlo. Forse senza visitare hotel e ristoranti”.

Il torneo è in programma a Roma dal 2 al 15 maggio.

Non dimenticare di seguirci su skysports.com/tennis, il nostro account Twitter Incorpora il tweet & Sky Sport – Ovunque tu sia! Disponibile per il download ora su – iPhone e iPad e Androide

READ  Dalle auto di lusso agli aerei fabbricati a Londra, la nuova tassa federale sul lusso può essere dolorosa