Febbraio 3, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Notizie in diretta: il costruttore britannico Berkeley rallenta i nuovi sviluppi abitativi mentre il mercato rallenta

Il deposto presidente del Perù Pedro Castillo è comparso in tribunale giovedì per la prima volta da quando è stato rimosso dall’incarico, arrestato e accusato di “ribellione” per aver tentato di chiudere il congresso del paese andino.

Castillo, un tempo insegnante di sinistra, è stato taciturno e ha lasciato che fosse il suo avvocato a parlare per la maggior parte dell’udienza per discutere del suo arresto dopo i drammatici sviluppi del giorno precedente. Uno di loro, Anibal Torres, è stato suo primo ministro fino alla fine di novembre. L’altro suo avvocato, Victor Perez, ha affermato che il discorso di Castillo mercoledì che annunciava la chiusura del Congresso “non costituisce un crimine di ribellione”.

Quando il presidente del tribunale Castillo ha dato la parola alla fine dell’udienza, era insolitamente calmo. “Ecco fatto”, dice, mostrando la stessa espressione pallida e indossando la giacca blu con cui è stato fotografato mercoledì quando è stato arrestato per la prima volta.

“La ribellione è un crimine grave”, ha detto il procuratore Marco Huamann in udienza. “Non importa se ha successo essere un crimine.”

L’udienza arriva dopo il fallito tentativo di Castillo di evitare la sua rimozione dall’incarico da parte del Congresso dopo mesi di conflitto. Ore prima che i legislatori votassero per metterlo sotto accusa mercoledì, Castillo ha annunciato la chiusura del Congresso, la formazione di un “governo di emergenza” e l’imposizione di un coprifuoco notturno.

L’indignazione è stata rapida, con le dimissioni di gran parte del suo gabinetto. Qualche istante dopo, 101 deputati su 130 hanno votato per l’impeachment di Castillo mentre fuggiva dal palazzo.

READ  I lavoratori vedono un aumento dopo che l'italiano di Sam è diventato di proprietà dei dipendenti

È stato poi preso in custodia presso il municipio di Lima. Piccoli gruppi di oppositori e sostenitori hanno manifestato fuori dall’edificio.

Il vicepresidente di Castillo, Dina Boulwart, ha prestato giuramento mercoledì più tardi, diventando la prima donna presidente del Perù. Ha descritto le azioni del suo predecessore come un “tentato colpo di stato” durante la cerimonia e ha promesso di formare un governo “di tutte le sette”.

Leggi di più sulla crisi politica in Perù quaggiù.