Febbraio 4, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Notizie in diretta: i dati sull’inflazione negli Stati Uniti mostrano che il ritmo della crescita dei prezzi sta rallentando

L’occupazione tra le donne italiane è in ritardo rispetto alla controparte maschile e rimane in fondo alla classifica dell’UE, evidenziando le sfide che deve affrontare la prima donna capo del paese.

Il tasso di occupazione per gli uomini è aumentato di 1,7 punti percentuali nel corso dell’anno al 69,5% in ottobre, ma è aumentato a un ritmo più lento per le donne, di 1,4 punti percentuali al 51,4%.

“La mancanza di politiche favorevoli alla famiglia, le scarse prospettive di carriera, la crescita debole e gli ampi divari salariali incidono gravemente sulla partecipazione delle donne”, ha affermato Nicola Nobile, economista presso la società di consulenza Oxford Economics.

Ha aggiunto che le riforme potrebbero avere un impatto significativo sulla crescita a lungo termine. La produzione economica italiana è stata in gran parte stagnante per più di due decenni.

Tuttavia, i dati sulla disoccupazione, diffusi giovedì, hanno sorpreso gli investitori. L’Office for National Statistics ha dichiarato giovedì che il tasso nella terza economia più grande della zona euro ha esteso il suo calo al 7,8% in ottobre dal 7,9% del mese precedente. Gli economisti si aspettavano un aumento dell’8%.

Il tasso di occupazione femminile in Italia è il più basso di qualsiasi altro paese dell’UE e di oltre 20 punti percentuali inferiore a quello della Germania. Un divario maggiore si è aperto rispetto ai tassi nei Paesi Bassi, in Svezia e in Danimarca. È il più basso di qualsiasi altra economia sviluppata.

La differenza tra uomini e donne che partecipano alla forza lavoro è il doppio della media della zona euro.

La destra Giorgia Meloni si è insediata a ottobre ma non è riuscita a far sperare in un cambio di rotta.

READ  ESCAP e Italia collaborano per rafforzare la resilienza ai disastri in Asia e nel Pacifico - il mondo

Carlo Bonomi, leader della Confederazione dell’industria italiana, ha criticato il bilancio nazionale annuale per la mancanza di “visione”, compresa l’aggiunta di misure per aumentare la partecipazione delle donne alla forza lavoro.